Domenica 31 Maggio 2020 | 19:48

NEWS DALLA SEZIONE

NOVELLE CONTRO LA PAURA
Quando il Pianeta è sotto infezione

Quando il Pianeta è sotto infezione

 
Novelle contro la paura
Lo strano caso del... baule verde

Lo strano caso del... baule verde

 
Novelle contro la paura
Il mio amante? Milano. Mia moglie? È Bari

Il mio amante? Milano. Mia moglie? È Bari

 
Novelle contro la paura

Dedicato a Teresina e al piccolo mondo antico

 
NOVELLE CONTRO LA PAURA
Piccolo vocabolario della nostra vittoria

Piccolo vocabolario della nostra vittoria

 
Novelle contro la paura
Un «Abc» d’amore per il tempo sospeso

Un «Abc» d’amore per il tempo sospeso

 
NOVELLE CONTRO LA PAURA
Al suono di un carillon c’è la vita che riparte

Al suono di un carillon c’è la vita che riparte

 
Novelle contro la paura
Angiuli, storie di vita tra vernacolo e ricerca, Carmine Tedeschi

Angiuli, storie di vita tra vernacolo e ricerca, Carmine Tedeschi

 
Novelle contro la paura
Lino Angiuli

Quei bei rimedi di Nardino

 
Novelle contro la paura
Risveglio alla vita dopo un coma profondo

Risveglio alla vita dopo un coma profondo

 
Novelle contro la paura
Quel giorno che a Bari venne a pranzare il Duce

Quel giorno che a Bari venne a pranzare il Duce

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

novelle contro la paura

La felicità la portano i messaggi in bottiglia

«Novelle contro la paura»: Silvana Kühtz e la spiaggia

una bottiglia azzurra contenente messaggi che scaldano il cuore

una bottiglia azzurra contenente messaggi che scaldano il cuore

È una di quelle mattine che soffia piano un vento gelido e il sole brilla sincero. È domenica, sono scesa giù in spiaggia e penso alla mia vita qui. Domani parto di nuovo, mi trasferisco, sembra non abbia fine questo mio peregrinare dietro ai miei sogni.

Aro la sabbia scura con i piedi nudi, disegno grandi figure astratte e ogni tanto mi piego a raccogliere una conchiglia un sassolino un pugno di questa sabbia così diversa da quella del mio Paese.
Il vento si attorciglia nei miei capelli quando mi sento chiamare.
È la mia vicina, la signora Wateredge, sferica come una palla da biliardo, alta come un granatiere che mi corre incontro eccitata, e agita qualcosa che tiene in mano. Per poco non cade e quando mi raggiunge non riesce a parlare per il fiatone, si appoggia al mio braccio e mi sorride.
La signora Wateredge mi ha preso in simpatia non appena ha scoperto che sono italiana. La madre italiana, che le ha regalato due grandi occhi neri e un grande amore per la cucina, è emigrata qui negli anni venti, intendo nel 1920, in cerca di un futuro, qui ha conosciuto un biondo marinaio di origine Irlandese e ha messo su famiglia.

La signora Wateredge «adors Italy», adora l’Italia, ma non conosce bene l’italiano. È stata a Roma e in Sicilia e mi dice sempre «Sweetheart, tell me about Italy», vuole che le dica tutto dell’Italia, che poi nei miei racconti è la mia Italia, l’Italia filtrata dal ricordo, edulcorata dalla memoria.
In realtà la signora Wateredge, Mrs Wateredge, ha una curiosità smodata per tutto ciò che si prepara in cucina, per le storie d’amore e per i bambini.

A volte in questi due anni mi è toccato inventarmi ricette e segreti da cuoco pur di accontentarla, il fatto che io sia italiana è per lei garanzia di successo ai fornelli, ma sappiamo bene che non sempre è così.

«How do you prepare pizza?», come fai la pizza, è stata la prima domanda che mi ha fatto quando ha bussato per la prima volta alla mia porta e si è trovata nel giro di pochi minuti a fare i compiti con uno dei bambini che mi vengono affidati, che poi è il mio lavoro.

Ma oggi Mrs Wateredge ha una nuova luce negli occhi e appena le passa il fiatone dice: «Look here! I have something special for you today!», Ho qualcosa di speciale per te, dice, e lo dice indicando una piccola bottiglia di vetro blu che stringe in mano. Camminiamo insieme fino ad un vecchio tronco che ci fa da panchina e lì, emozionata e ringiovanita, mi porge la bottiglia sussurrando: «It is precious, it is a wishful bottle!». È preziosa, è una bottiglia dei desideri, dice.

Io la guardo e sorrido ma non capisco bene fino a che non apro la bottiglia.
Che strane le coincidenze della vita! Anche io da ragazzina mettevo messaggi nelle bottiglie che affidavo al mare.

«Where did you find the bottle?» chiedo allora a Mrs Wateredge, dove l’hai trovata?
Indica il mare con il dito per dirmi dove l’ha presa.

Possibile che questa bottiglia abbia attraversato i mari e dalle vostre mani sia poi arrivata oggi nelle mie? I desideri qui racchiusi sono tanti, un’intera classe di scuola ha scelto di affidare le proprie aspirazioni al mare. Che fata deve essere la vostra maestra!

Mrs Wateredge mi chiede cosa ne penso, anche lei legge con me i vostri desideri e ad un certo punto mi dice che dovrei rispondervi, scrivervi e raccontarvi com’è andata, tanto più che si tratta di ragazzi italiani, e che ci avete messo il vostro indirizzo. Evidentemente avete preso in considerazione l’idea che qualcuno potesse trovare la bottiglia blu per davvero. Bravi! Coraggiosi!

Io sorrido e da principio trovo l’idea di scrivervi un’idea ingenua, simpatica sì, ma impraticabile. Ho tanti pensieri, domani parto e non so bene come sarà la vita, come cambierà ancora, e dunque non ho tempo per mettermi adesso a scrivere.

Cosa scrivere poi? Quando le dico che non penso proprio di rispondervi Mrs Wateredge ha lo stesso sguardo di una emoticon che mi fa sempre molto ridere e sbatte i suoi occhioni, che poi sono un po’ come quelli della fata di Cenerentola di Walt Disney, gli stessi capelli bianchi. La guardo negli occhi e so che non potrò fare altrimenti, farò come dice lei.

E infatti eccomi qui a scrivervi.

Rileggo i vostri desideri: molti di voi vorrebbero viaggiare, intanto la vostra bottiglia blu ci è riuscita. C’è chi vuole trovare un amore in futuro, chi un lavoro bello.

L’amore, come dice Mrs Wateredge, «is wanderful. Love is everything». L’amore è meraviglioso.
Mrs Wateredge qui nel quartiere è un po’ la mamma di tutti, per questo molti nel quartiere la chiamano Mommy.

Io credo che sia scesa dal cielo come le fate con la bacchetta magica.
Leggo che molti di voi vogliono diventare bravi calciatori e Maria cintura nera di judo.
Antonio vuole essere bravo a scuola e Alessia vuole studiare bene la matematica. Giulio vuole essere promosso.

Jo Li, chiede di essere felice.

Felice, che cos’è la felicità? Me lo sono chiesta spesso, e ora ho anche una risposta, per me felicità è obbedire al mio desiderio più profondo, la mia, direbbe qualcuno, missione. Non la voglia momentanea, ma ciò per cui mi sento predisposta da sempre, anche quando non sembra la scelta più conveniente, anche quando qualcuno disapprova.

Per me oggi felicità è questa bottiglia, felicità è anche la gratitudine per questa mia bella amica che ha voluto condividere la bottiglia blu con me. Felicità è proprio far caso alle piccole grandi avventure in cui posso imbattermi nella quotidianità, e scegliere sempre il mio desiderio profondo di fare quello che sono chiamata dalla vita a fare.

Parto domani felice anche grazie a voi, trovare per davvero una bottiglia di desideri di una classe di bambini italiani mi ha fatto felice.

E Mrs Wateredge, mia fata personale, lo sa.


Come buon auspicio metterò la bottiglia blu in valigia, saprò sempre obbedire al mio desiderio profondo per quanto piccola sia in alcuni momenti la bottiglia della vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie