Sabato 23 Gennaio 2021 | 09:38

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'innovazione
Bari, dall'app per personalizzare le scarpe alle maglie in affitto: 5 idee per fare impresa

Bari, dall'app per personalizzare le scarpe alle maglie in affitto: 5 idee per fare impresa

 
FoggiaLa fondazione
Famiglie a rischio usura: a Foggia salvate in 186

Famiglie a rischio usura: a Foggia salvate in 186

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Rifugiato non è sinonimo di migrante

Col termine profugo si indica chi ha lasciato il Paese di origine a causa di persecuzioni, guerre, povertà, fame, calamità naturali eccetera. Non è proprio sinonimo di migrante, parola con la quale s’intende chi si sposta liberamente dallo Stato o dalla Regione originari per migliorare le condizioni materiali e sociali, senza l’intervento di fattori esterni.
Il rifugiato è chi è fuggito o è stato espulso dal Paese di origine per discriminazioni politiche, religiose, razziali o perché appartenente a una categoria sociale di persone perseguitate. Il rifugiato è chi riceve dalla legge dello Stato che lo ospita o dalle convenzioni internazionali lo statuto di rifugiato e la protezione con l’asilo politico.
La condizione di rifugiato è stata definita dalla Convenzione di Ginevra firmata nel 1951 e ratificata da 145 Stati delle Nazioni Unite.


Fabio Sìcari (Bergamo)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie