Lunedì 02 Agosto 2021 | 08:40

NEWS DALLA SEZIONE

l'approfondimento
La finanza pubblica e il ruolo dei Comuni: la giurisprudenza della «Consulta»

La finanza pubblica e il ruolo dei Comuni: la giurisprudenza della «Consulta»

 
L'approfondimento
Senza avviso del Fisco la tassazione è nulla

Senza avviso del Fisco la tassazione è nulla

 
La riflessione
Prescrizione e riforma, la stretta via dei partiti

Prescrizione e riforma, la stretta via dei partiti

 
Il punto
Responsabilità penale dei sindaci nei reati fallimentari: è necessaria la prova del dolo

Responsabilità penale dei sindaci nei reati fallimentari: è necessaria la prova del dolo

 
La riforma della Giustizia
Giovanni Zaccaro consigliere Csm

«Depenalizzare i reati meno gravi per decongestionare i Tribunali»

 
L'intervista
Rossi: «Bene il Sostegni bis, ma attenzione al debito si ripaga solo con una crescita sostenuta»

Rossi: «Bene il Sostegni bis, ma attenzione al debito si ripaga solo con una crescita sostenuta»

 
Il punto
Garzoni: «La ripresa passa dal Pnrr, attiviamo i tavoli regionali»

Garzoni: «La ripresa passa dal Pnrr, attiviamo i tavoli regionali»

 
Il parere
Limite d'età fino ai 30 anni per concorso funzionari tecnici psicologi della Polizia, è legittimo?

Limite d'età fino ai 30 anni per concorso funzionari tecnici psicologi della Polizia, è legittimo?

 
Il punto
De Martino: «La multiprorietà nel calcio rischio esclusione campionati»

De Martino: «La multiproprietà nel calcio rischio esclusione campionati»

 
Il convegno
«Imprese & 231» l’incontro oggi a Bari

Imprese alla prova del rischio-reato: «Il decreto 231 è un buon deterrente». Rivedi la diretta

 
Il commento
Riforma della Giustizia, Laforgia: «Sforzo encomiabile ma c’è un’idea burocratica»

Riforma della Giustizia, Laforgia: «Sforzo encomiabile ma c’è un’idea burocratica»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

aziende

Le opportunità del contratto di espansione

La procedura possibile per l’uscita anticipata dei lavoratori prossimi alla pensione

 Le opportunità del contratto di espansione

Il contratto di espansione è stato introdotto in via sperimentale per gli anni 2019 e 2020 dall’articolo 26-quater del c.d. decreto Crescita e, inizialmente, non ha riscosso particolare attenzione da parte delle aziende: ciò, verosimilmente, a causa di alcune limitazioni e complessità che non hanno reso particolarmente appetibile la norma per gli operatori del settore. Negli ultimi tempi, tuttavia, tale strumento è stato oggetto di discussione ed opportunità per molte realtà imprenditoriali, quale dispositivo che consente alle aziende di stipulare, a seguito di una procedura di consultazione con il ministero del Lavoro e delle politiche sociali nonché con le associazioni sindacali, un contratto finalizzato all’uscita anticipata dei lavoratori prossimi alla pensione.
L’elemento trainante di questa rinnovata opportunità sono state le modifiche introdotte all’istituto dalla Legge di bilancio 2021. In base alla nuova formulazione, l’accesso - in origine previsto, nel biennio 2019-2020, per aziende con organico superiore a 1.000 unità lavorative - viene esteso anche al 2021 riducendone il limite minimo a 500 unità lavorative e, limitatamente allo scivolo per i lavoratori più vicini all’età pensionabile, a 250 unità. Da ultimo, con il decreto Sostegni-bis, il limite minimo è stato ulteriormente ridotto a 100 unità.

Le aziende che ricorrono a tale opportunità, onde favorire il ricambio generazionale, possono far uscire anticipatamente i lavoratori interessati, distanti fino a 5 anni dal raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia, a condizione che abbiano maturato almeno 20 anni di contribuzione o, se decorrente prima, dalla pensione anticipata ordinaria. Per poter accedere all’istituto, con riferimento ai lavoratori prossimi alla pensione di vecchiaia, a fronte della risoluzione del rapporto di lavoro, il datore di lavoro dovrà riconoscere, fino al raggiungimento della prima decorrenza utile del trattamento pensionistico, un'indennità mensile commisurata al trattamento pensionistico lordo maturato dal lavoratore al momento della cessazione; tale importo sarà abbattuto da un bonus corrispondente alla Naspi che sarebbe spettata al lavoratore.
Qualora invece, la prima decorrenza utile della pensione sia quella prevista per la pensione anticipata, il datore di lavoro, oltre a farsi carico dell’indennità come descritta in precedenza, dovrà versare anche i contributi previdenziali – c.d. contribuzione correlata – ridotti dell’importo corrispondente al valore della contribuzione figurativa Naspi che sarebbe stata riconosciuta al lavoratore.
Resta inteso che, lo scivolo pensionistico potrà avere una durata massima di 60 mesi, con uscita prevista entro il 30 novembre 2021.

Ad una lettura attenta della norma, appare evidente come tale strumento si configuri quale alter ego dello scivolo pensionistico previsto dall’art. 4 della Legge Fornero – L. 92/2012 – c.d. Isopensione. I due istituti, tuttavia, pur presentando tra di loro forti analogie – come, ad esempio, i requisiti di pensione verso cui si può accompagnare il lavoratore con lo scivolo o anche le modalità di recesso con risoluzione consensuale - si differenziano fortemente con riferimento ai costi dell’operazione. Nei fatti, l’accompagnamento previsto dal contratto di espansione, soprattutto in ipotesi di pensione di vecchiaia sarà, senza dubbio, più conveniente rispetto a quello previsto dall’Isopensione, in quanto, il datore di lavoro oltre all’importo della provvista non verserà alcuna ulteriore contribuzione aggiuntiva, nonché grazie all’abbattimento del costo della Naspi. Inoltre, il contratto di espansione, pensato dal legislatore come strumento di reindustrializzazione e riorganizzazione, è direttamente finalizzato anche all’inserimento di nuove professionalità in azienda, nonché alla riqualificazione del personale in organico, tramite specifici piani da porre in essere. Di contro, tuttavia, gli operatori del settore non hanno potuto fare a meno di notare come lo scivolo pensionistico previsto dall’Isopensione, risulti meno «burocratizzato» del contratto di espansione, in quanto necessita, per il suo perfezionamento, della semplice stipula di un accordo con le organizzazioni sindacali e non anche del confronto con il ministero del Lavoro.
L’esperienza dei prossimi mesi ci dirà se tale restyling del contratto di espansione ha centrato l’obiettivo di rendere maggiormente appetibile per le aziende lo strumento; a oggi, ha avuto sicuramente il merito di aumentare lo spettro delle possibilità a disposizione delle strutture HR per agevolare il ricambio generazionale. Questo, in un periodo storico segnato da difficoltà strutturali per le aziende, rappresenta un’opzione da considerare con attenzione, soprattutto nell’ambito di piani di riorganizzazione, sviluppo e rilancio, che ogni impresa in Italia dovrà approntare nei prossimi mesi per vincere le sfide che attendono l’intero tessuto socio-economico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie