Giovedì 23 Settembre 2021 | 21:10

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il punto

Responsabilità penale dei sindaci nei reati fallimentari: è necessaria la prova del dolo

Cassazione Penale n. 20867/2021

Responsabilità penale dei sindaci nei reati fallimentari: è necessaria la prova del dolo

In materia di reati fallimentari, non basta la semplice omissione colposa a fondare la responsabilità concorsuale dei membri del collegio sindacale per il reato di cui all’art. 216 comma 1) n. 1 della legge fallimentare.

Lo ha stabilito la Quinta Sezione penale della Suprema Corte con sentenza n. 20867/2021 in riforma alla decisione della Corte di Appello di Napoli che aveva confermato la condanna dei sindaci di una società cooperativa sottoposta a liquidazione coatta e successivamente dichiarata in stato di insolvenza per aver omesso, in presenza di segnali di allarme inequivocabili’, di esercitare i propri poteri di controllo.

La Cassazione torna a chiarire che condotte strutturalmente colpose non possano essere attratte a fattispecie tipicamente dolose come la bancarotta fraudolenta documentale, in virtù della mera esistenza dell’obbligo giuridico di vigilanza (art. 2403 c.c.) gravante in capo al collegio sindacale.

Al riguardo la Corte, nell’affrontare la questione, osserva dunque che la responsabilità concorsuale dei sindaci non può desumersi dalla mera investitura dell’organo di controllo o dall’addebito di comportamenti di negligenza o imperizia, ancorché gravi, rispetto ai doveri di vigilanza e poteri di intervento sanciti dagli artt. 2403 c.c. e ss, ma richiede ulteriori elementi di espressione del dolo, quanto meno nella sua forma di dolo eventuale.

Tra essi, in quanto sintomatici e dotati del necessario spessore indiziario recita la sentenza, la conoscenza concreta dei segnali d’allarme, l’effettiva incidenza causale della condotta omissiva, l’identificazione dell’evento che, in quanto ravvisato e preveduto, non è stato oggetto della condotta impeditiva da parte del collegio sindacale.

Tutti elementi, questi, in forza dei quali sarebbe possibile dimostrare la partecipazione dolosa – sebbene omissiva - all’attività illecita.

A parere della Cassazione i giudici di merito, pur avendo esposto i principi che regolano la complessa fattispecie del concorso omissivo, con particolare riferimento ai “segnali d’allarme” e alla “posizione di garanzia” rilevante ai sensi dell’art 40 cpv c.p. nella forma di obbligo di impedimento della commissione del reato altrui, non hanno tenuto conto dell’imprescindibile giudizio controfattuale – (cosa sarebbe accaduto se l’onerato avesse tenuto la condotta doverosa ) - mediante il quale, considerando tutte le iniziative che un sindaco può assumere, l'attivazione dei poteri- doveri inerenti la carica avrebbe ragionevolmente evitato l'illecito.

Invero, nel mettere fra l’altro in luce che gli indicatori del dissesto sono apparsi solo successivamente al commissariamento governativo e alla liquidazione coatta e che le condotte distrattive poste in essere dagli amministratori sono state tali da raggirare anche gli enti pubblici incaricati di effettuare controlli sulla gestione societaria, la Suprema Corte non manca di ribadire che per fondare la responsabilità dei sindaci a titolo di concorso nel reato di bancarotta necessario fornire la prova del dolo ed in particolare: “la responsabilità dei sindaci a titolo di concorso nel reato di bancarotta fraudolenta documentale sussiste solo qualora emergano puntuali elementi sintomatici, dotati del necessario spessore indiziario, in forza dei quali l’omissione dei poteri di controllo (…)esorbiti dalla dimensione meramente colposa per assurgere al rango di elemento dimostrativo di dolosa partecipazione, sia pure nella forma del dolo eventuale, per consapevole volontà di agire anche a costo di far derivare dall’omesso controllo la commissione di illiceità da parte degli amministratori” .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie