Martedì 18 Giugno 2019 | 08:35

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 
L'analisi
Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

 
La riflessione
Fatemi sapere quando si arriva all’ultima spiaggia

Fatemi sapere quando si arriva all’ultima spiaggia

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoCittà nostra
Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

 
HomeProcesso Pandora
Mafia, chieste 91 condanne a Bari per i clan Diomede e Capriati

Mafia, chieste 91 condanne a Bari per i clan Diomede e Capriati

 
BatArrestato aggressore
Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

 
FoggiaIl rogo
Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

 
PotenzaRegione Basilicata
Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

 
MateraSanità lucana
Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

 
LecceIl ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
BrindisiL'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 

i più letti

L'appello

Le parole di D'Alema sul caso della «Gazzetta»

«Ora soluzioni rapide all’insegna del buon senso»

D'Alema, bisogna investire sui porti del Mezzogiorno

Non è pensabile che una voce come quella della Gazzetta del Mezzogiorno possa essere spenta: serve il buon senso di capire che ciò che sta avvenendo è l'effetto collaterale di una situazione di altra natura che ha determinato un fatto così pesante. Do per scontate le parole dedicate al giornalismo, sono iscritto all'Ordine e quindi collega, ma voglio dire che il più autorevole quotidiano del Sud, una voce importante per il Paese, non si può eliminare.

Un giornale che chiude è sempre un fatto luttuoso e in questo caso stiamo parlando della voce più rappresentativa del Mezzogiorno e spero che lo si capisca in tutte le sedi, comprese quelle istituzionali. Si deve auspicare che la magistratura di cui tutti rispettiamo le funzioni, si muova con saggezza e celerità. Saremmo di fronte agli effetti collaterali di un atto istruttorio che nulla ha a vedere con la storia del giornale; una questione inimmaginabile, dato che non è una questione di puri effetti economici.

Ho un rapporto storico con la Gazzetta del Mezzogiorno, da quando ero un giovane militante della politica e spesso il giornale era visto come la voce di Aldo Moro. La mia amicizia con i direttori che si sono succeduti - sin dai tempi di Giuseppe Giacovazzo fino ad oggi con Giuseppe De Tomaso - non mi impedisce di testimoniare che questo giornale rappresenta la voce del pluralismo del Mezzogiorno, da sempre. Indipendentemente dalla proprietà, la Gazzetta ha sempre mantenuto la sua anima e il suo stile. E anche negli ultimi burrascosi periodi, nonché negli anni precedenti, senza voler fare un complimento al mio amico Giuseppe De Tomaso, dico che la Gazzetta è guidata da un grande professionista, uno dei veri e autentici liberali, in un'era in cui tutti si dicono tali e non lo sono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE