Sabato 17 Aprile 2021 | 10:26

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Diventare avvocato nel 2021: ecco come cambia l'esame al tempo del Covid

Diventare avvocato nel 2021: ecco come cambia l'esame al tempo del Covid

 
Note a margine della sentenza
Gare d'appalto, il grave illecito professionale del «socio sovrano»

Gare d'appalto, il grave illecito professionale del «socio sovrano»

 
Il punto
Le imprese agricole: stato di crisi e soluzioni ai tempi del Covid

Le imprese agricole: stato di crisi e soluzioni ai tempi del Covid

 
L'intervista
«In Puglia Pmi già indebitate: sarà una selezione naturale», l'analisi del prof. De Nuccio

«In Puglia Pmi già indebitate: sarà una selezione naturale», l'analisi del prof. De Nuccio

 
Il caso
Puglia, elezioni regionali: ancora incerti i nomi di tutti gli eletti, una legge da ripensare

Puglia, elezioni regionali: ancora incerti i nomi di tutti gli eletti, una legge da ripensare

 
Le sentenze
Pandemia e reati: il caso delle mascherine protettive

Pandemia e reati: il caso delle mascherine protettive

 
Start-up
Dalle idee Innovative al mercato: ecco il fondo TecnoNIDI

Dalle idee Innovative al mercato: ecco il fondo TecnoNIDI

 
Il punto
Proroga concessioni demaniali marittime e principi europei: nodi difficili da sciogliere

Proroga concessioni demaniali marittime e principi europei: nodi difficili da sciogliere

 
L'intervista
Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

Dal Recovery Fund la risposta alla crisi, ma il piano rischia di restare un mistero

 
L'intervista
Ristorazione collettiva: è emergenza. L'appello del vicepresidente Anir Ladisa

L’allarme della ristorazione collettiva: «Esclusi da tutto, servono misure», parla il vicepresidente Anir Ladisa

 
Il caso
Covid 19 e obbligo di permanenza domiciliare: ecco le prime sentenze dei Tribunali

Covid 19 e obbligo di permanenza domiciliare: ecco le prime sentenze dei Tribunali

 

Il Biancorosso

Serie C
Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il "re" della serie D

Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il «re» della serie D

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Vaccini anti Covid, fase 2 «modello Basilicata»: medici base somministreranno dosi AstraZeneca

Vaccini anti Covid, fase 2 «modello Basilicata»: medici base somministreranno dosi AstraZeneca

 
Homela tragedia
Cerignola, anziana uccisa in casa dal marito: muore anche il pensionato 83enne

Cerignola, anziana uccisa in casa dal marito: muore anche il pensionato 83enne

 
Materaindagini cc
Matera, truffava automobilisti su passaggi di proprietà: arrestato titolare agenzia pratiche

Matera, truffava automobilisti su passaggi di proprietà: arrestato titolare agenzia pratiche

 
Newsweekl'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Leccel'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
Batla decisione
Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

 
Brindisial Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 

i più letti

L'analisi

Covid, cura a domicilio: per il giudice amministrativo «medico deve agire secondo scienza e coscienza»

I TAR di tutta Italia e i medici di famiglia stanno invocando tutela del proprio diritto a prescrivere le terapie ritenute più efficaci per i pazienti non ospedalizzati

Covid Puglia, vaccino a domicilio: niente prenotazione, tocca ai medici contattare over 80 e fragili

L'approfondimento giuridico-economico della Gazzetta del Mezzogiorno nella rubrica La Bilancia e il Bilancio

Dopo più di un anno dall’inizio della terribile pandemia da Covid 19, che continua a mettere a durissima prova la tenuta del Sistema Sanitario Nazionale, la comunità scientifica è unanime nel ribadire che il virus deve essere combattuto a casa, durante le prime e più delicate fasi, nelle quali la tempestività risulta determinante per scongiurare il rapido aggravamento dei sintomi. Ed è per questo che nei TAR di tutta Italia i medici di famiglia stanno invocando tutela del proprio diritto a prescrivere le terapie ritenute più efficaci per i pazienti non ospedalizzati.

Con ordinanza del 2 marzo scorso, il TAR del Lazio ha accolto l’istanza cautelare promossa dal Comitato cura domiciliare Covid 19, nei confronti del Ministero della salute e di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), sospendendo la nota del 9 dicembre 2020 recante “principi di gestione dei casi covid19 nel setting domiciliare” consistenti unicamente, secondo le linee guida contenute nella nota ritenuta illegittima, in una “vigile attesa” e nella somministrazione di antifiammatori o paracetamolo.

Il giudice amministrativo ha accolto le istanze dei medici ricorrenti, evidenziato l’importanza di preservare l’autonomia decisionale del medico – tutelata dalla Costituzione e dalla legge - ribadendo che “i medici di base hanno il diritto-dovere, avente giuridica rilevanza sia in sede civile, sia penale, di prescrivere i farmaci che essi ritengono più opportuni secondo scienza e coscienza e che non può essere compresso nell’ottica di una attesa, potenzialmente pregiudizievole sia per il paziente che, sebbene sotto profili diversi, per i medici stessi”.

In realtà, sul tema si era già in parte espresso il Consiglio di Stato, a seguito dell’impugnazione delle raccomandazioni di Aifa nelle quali veniva vietata la somministrazione della idrossiclorochina – un farmaco antimalarico- sulla scorta di studi clinici randomizzati, ritenuti dal Consiglio di Stato non sufficienti, sul piano giuridico, a giustificare “l’irragionevole sospensione del suo utilizzo sul territorio nazionale da parte dei medici curanti”. Già in quella occasione i giudici di Palazzo Spada, in riforma della precedente ordinanza numero 7069 del 16 novembre 2020 del Tar Lazio, aveva evidenziato che la scelta se utilizzare o meno il farmaco, in una situazione di dubbio e di contrasto nella comunità scientifica, sulla base di dati clinici non univoci, dovesse rimettersi all’autonomia decisionale e alla responsabilità del singolo medico, con l’ovvio consenso informato del singolo paziente, e non ad una astratta affermazione di principio, in nome di un modello scientifico puro, declinato da AIFA con un aprioristico e generalizzato, ancorché temporaneo, divieto di utilizzo.

Ferma restando la necessità, ben scolpita nelle pronunce citate, di tutelare il diritto del medico a curare il paziente secondo “scienza e coscienza”, le decisioni del giudice amministrativo confermano l’esigenza di definire linee guida uniformi e fondate su tesi accreditate dalla comunità scientifica, pure nel rispetto della autonomia del medico davanti alla malattia e al caso concreto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie