Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 21:25

NEWS DALLA SEZIONE

Cronache del distanziamento
Don Ciccio «Barone di Cartun»

Don Ciccio «Barone di Cartun»

 
Cronache del distanziamento
Una «Tuta blu» piena di ricordi

Una «Tuta blu» piena di ricordi

 
il racconto
Se Dante «abbraccia» la Puglia

Se Dante «abbraccia» la Puglia

 
Cronache del distanziamento
«Cara Anne Frank sono il tuo Peter»

«Cara Anne Frank sono il tuo Peter»

 
Il racconto
L'abbraccio più lungo della vita

L'abbraccio più lungo della vita

 
Il racconto
Volo e focolare, evviva la Befana

Volo e focolare, evviva la Befana

 
il racconto
Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

 
Il racconto
Più vicini di sempre, grazie virus

Più vicini di sempre, grazie virus

 
Il racconto
Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

 
Il racconto
Rocco e Amelia, parole sul mare

Rocco e Amelia, parole sul mare

 
il racconto
L’avventura con «Tommaso blu»

L’avventura con «Tommaso blu»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

il racconto

Ma le parole creano nuovi mondi

Al crocevia tra bestemmia e canto: una vita tra le righe

Ma le parole creano nuovi  mondi

Sono mesi che sentiamo bestemmie: al bar, la mattina, come al supermercato, in fila: si cercano colpevoli.
Sentiamo bestemmie: nel panificio nelle chat, in coda alla posta, le parole sono frecce appuntite: autoassoluzioni e condanne, senza scampo.
Altro che Fratelli-tutti: tutti contro tutti.

Da mesi i media raccontano con scene e lessico da guerra civile. Il gioco dell’odio trova e rinnova capri espiatori sui quali versare tutto il veleno che la bile ha necessità di scaricare.

L’oscillazione più comune sembra quella tra tristezza e rabbia: fuga o attacco, le due forme della risposta binaria che ci appartiene come creature animali. Insieme a quella che è propria solo della specie umana: la convinzione di aver capito tutto.

Qualcuno, angosciato e arrabbiato, sembra avere necessità fisiologica dell’attacco, sembra darsi pace – passeggera, bisognosa di sangue sempre vivo – nel trasferire il proprio male di vivere su un altro/oggetto da colpire.
Questo è il racconto, questa la narrazione altisonante: la paura si è presa tutto. La rabbia è totale.

Eppure osservando meglio, ascoltando ancora: in fila, al supermercato come alla posta, nelle chat come al bar, la realtà è, invero, screziata.
Ognuno sta al cospetto di una scelta che riguarda a quale narrazione credere: credere che “andrà tutto bene” è consolatorio ma è anche esposizione feroce a cadere nel suo opposto. Ogni visione “totale” ci illude di fornirci sicurezza mentre, proprio così facendo, ce la sfila completamente. Esiste una via terza, oltre l’oscillazione tra “tutto bene”/”tutto male”: è lo sguardo caleidoscopico delle scienze della complessità che ritrovo in quello splendido testo poetico, “Mondo, ti devo lodare”, di Marcoaldi: imparare a guardare in zoom out, aprendo e non solo circoscrivendo la messa a fuoco dello sguardo.

E in questo allargare la cornice che tenta di stringerci, vediamo un paesaggio che consola occhi, orecchie, ragione e fegato e polmoni: la paura è ancora parte.

Visibile, poderosa, rumorosa, agghiacciante, ma ancora parte, non tutto: mesi fa ho chiamato la referente Covid della scuola di mio figlio, per chiederle alcune informazioni circa la quarantena fiduciaria; sapevo che centinaia di genitori la chiamano tutti i giorni, e a tutte le ore, sicché mi aspettavo una voce trascinata, irritata o quantomeno assai, assai stanca: mi ha risposto stupendomi per gentilezza: parlava piano, e ascoltava.

Mi ha ammutolito, la sua non-rabbia mi ha offerto uno spiraglio salutare.
Da allora mi sono impegnata in un esercizio, compito interiore/esteriore: fare attenzione alle persone che non sono prese: hanno paura, sì, e sono stanche, come tutti, come me, ma insieme all’incerto tengono saldo il desiderio di non perdersi, non perdere sé.
Non si perdono: vegliano su di sé.
Dalla quarantena vegliare è il mio verbo preferito.

Ed eccolo il curioso compito, intimo e politico: vegliare su noi stessi: sulle parole, sui pensieri, sulla tentazione alla presa totale di paura e rabbia.
Non sappiamo quel che verrà. Tutto può succedere: nella classe di mio figlio la famiglia positiva ha ricevuto sostegno e accoglienza; in un’altra scuola la caccia all’untore ha generato assai male.

Tutto può succedere: la pandemia come epifania ci rivela. A noi stessi innanzitutto: ora che non possediamo molto, soprattutto non possediamo il futuro, mentre il presente sembra sfuggire in mille pezzi (come i coriandoli esplosi da quei tubi giganteschi che ho visto alle lauree): possiamo però tenere/trattenere noi stessi.

Tenere la rotta, il timone interiore, mentre intorno vediamo macerie.
In questi mesi ho ripensato spesso alla grazia fragile e maestosa di Gina Lollobrigida in Pane amore e fantasia.
Non so perché ma quando cito quel film tanti immediatamente richiamano quanto lei fosse strepitosamente bella (e sì, lo era lei, e poi la Sofia, con l’indimenticabile mambo nel film che seguì gli altri due) e solo pochi quanto, anche, fosse povera. E sì che quel film di Comencini, come tutti i capolavori mozzafiato di Zavattini e De Sica, teneva la bellezza ricamata a filo doppio con lo strazio. Quei film raccontano, soprattutto i primi due, nel 1953 e nel 1954, di una povertà che moltissimi di noi non hanno mai conosciuto e di una resilienza che forse non potremmo neppure evocare senza quella guida.

La povertà di allora ridimensiona, lo spavento da atroce diventa forse governabile, pensando alla bersagliera scalza. Bella, sì: ma pure senza scarpe.

E poi da lei, mentre vegliamo per tenerci saldi nel mare aperto, il “cinema interiore” – come lo chiamava Calvino – può portarci a Totò, e a Miseria e nobiltà: e oltre a rivederne interiormente le immagini, così a tutti familiari eppure al contempo estranee, considerare che cosa quel titolo dice: il fragoroso ossimoro che ci descrive come umani: miseri, nobili, miseri e nobili.

Come la vita: che ci tira bestemmie ma anche, incredibilmente, canti.
Direi che sì, realisticamente, si muore in entrambi i casi, sia che la si canti sia che la si bestemmi. La veglia interiore e la contemplazione anche dell’ignoto non ci salvano dalla morte: ma io, morendo, vorrei saperlo fare cantando. E, vivendo, al bar saper sentire ancora anche il sapore del cappuccino, e la voce dei tanti che – in molti modi – ancora la cantano, la sanno cantare.

Che poi il canto non si oppone al dolore né lo edulcolora: si canta anche (o forse soprattutto?) per strazio, per ferita, per lutto. Ma è una postura diversa da quella che conosce solo rabbia, solo paura, solo bestemmia: chi anche patendo canta, riesce a restare nella vita non smettendo di amarla.
E’ una vocazione assai particolare questa di noi esseri umani interpellati a tenere insieme nobiltà e miseria, a tenere salda la nobiltà nella miseria, a vegliare sul non perderci quando tutto sembra perduto: ma è forse la nostra più elevata possibilità - scegliendo le parole con cui creiamo i nostri mondi – di non farci prendere.

E provare così a compiere una forma particolare di azione, contemporaneamente intima e politica:

«La contemplazione, ciò che chiamiamo poesia, (…) è il contrario
di ciò che intendiamo troppo spesso con la parola poesia. 
Non è una decorazione, non è una Grazia, non è qualcosa di estetico:
è come mettere la mano sulla punta più sottile del reale. 
(…)
I contemplativi, chiunque essi siano, possono essere poeti conosciuti come tali, 
ma può esserlo anche un imbianchino che fiaschetta come un merlo in una stanza vuota,
o una giovane donna che pensa a tutt'altro mentre stira la biancheria.
(…)

Abitare poeticamente il mondo sarebbe forse prima di tutto guardare pacificamene, senza l'intenzione di prendere, senza cercare una consolazione, senza cercare nulla.
(...) 
E penso che in quel momento 
qualcosa del mondo si apra come una mandorla».

Christian Bobin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie