Giovedì 18 Aprile 2019 | 18:23

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Verso le amministrative

Politica, laboratorio Bisceglie
addio partiti, liste civiche a gogò

Addio alle alleanze tradizionali, avanza il trasversalismo. Solo il M5S con il proprio simbolo

Bisceglie, commissioni «fantasma» Verbali introvabili sul sitodel Comune

BARI - Dotatevi di una buona bussola se intendete provare a orientarvi tra liste e candidati sindaci per le comunali di Bisceglie. La città del Nordbarese è un laboratorio a cielo aperto che fotografa la mutazione dei partiti e la potente attrattiva dell’esperienza del civismo come formula del «buon governo» da opporre alle sirene dell’antipolitica.

Per addentrarsi nel labirinto biscegliese si parte dai candidati sindacicosidetti «civici» ai blocchi di partenza: c’è Vittorio Fata, avvocato ex Fi, iscritto al Pd, candidato con un cartello civico, attualmente sindaco facente funzioni dopo le dimissioni del primo cittadino eletto, Francesco Spina; Tonia Spina, libero professionista, per Noi con Bisceglie, lista fittiana più altre civiche; Angelantonio Angarano, impiegato di banca, famiglia di estrazione democristiana, già lettiano, e candidato nelle precedenti comunali a sindaco per i dem, ora sostenuto da liste senza simboli di partito nelle quali sono confluiti trasversalmente da Pd, Forza Italia (che qui ha come leader l’ex eurodeputato Sergio Silvestris) e destre (con la lista Bisceglie tricolore); Franco Napoletano, già uno dei pochi sindaci in Italia dei Comunisti italiani, avvocato, ex deputato del PdCi, sostenuto dal Faro e da una alleanza civica a cui ha aderito il primo cittadino uscente, Francesco Spina, un passato nel centrodestra, poi con Mario Monti e infine al Pd (con cui, dopo una polemica nazionale per la sua contestata iscrizione al partito, si è candidato alla Camera il 4 marzo).

Non è finita. Corre anche Gianni Casella, commercialista, appoggiato da un gruppo di civiche centriste. Quest’ultimo, già dirigente della Nuova Democrazia cristiana, era stato candidato sindaco del centrodestra nelle ultime amministrative. Dopo cinque candidati civici e trasversali (senza simboli marcatamente di destra o di sinistra), ecco l’unico partito che corre con le proprie insegne, il Movimento 5 Stelle, che propone Enzo Amendolagine, dirigente amministrativo scolastico, sostenuto da una lista di attivisti grillini.

Per completare il quadro, che resta difficile da decifrare, il deputato Pd Francesco Boccia, quando erano in corso trattative per la presentazione di una lista dem, aveva così scomunicato l’eventuale sostegno a Franco Napoletano-sindaco, considerato «incandidabile dal Pd», stante le pregresse polemiche (e una querela di Boccia all’ex sindaco finita con una condanna in primo grado per diffamazione).

Il centrodestra, invece, come spiega rammaricato Francesco Ventola, segretario regionale dei fittiani-Noi con l’Italia, ha cercato l’unità, «ma solo con un incontro, al termine del quale ognuno è andato per la sua strada».

Con questi scenari irregolari, nessun bookmaker bandirebbe quote per le elezioni comunali biscegliesi, anche perché i grillini, che alle politiche sono stati veri trionfatori in città (con il 50,21%), sono reduci da un risultato poco brillante alle precedenti amministrative del 2013, quando raccolsero solo il 2,34%. Insomma benvenuti nella città della focaccia, del Dolmen, del Don Uva e della postpolitica (che chissà che sorprese ci riserverà in un eventuale secondo turno).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400