Giovedì 21 Marzo 2019 | 02:19

NEWS DALLA SEZIONE

la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 
La riflessione
Le reprimende del garante per i malanni del fisco

Le reprimende del garante per i malanni del fisco

 
L'analisi
Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

 
La riflessione
L’Italia a due velocità: il passato che non passa

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

 
L'analisi
Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Ora a Cerignola sia lo Stato a fare la sua parte

CERIGNOLA - Il largo raggio dei Carabinieri

CERIGNOLA - Il largo raggio dei Carabinieri

di FILIPPO SANTIGLIANO

L’attenzione è rivolta alle «faide» tra le mafie che si contendono il Gargano tra spaccio di droga, estorsioni e infiltrazioni nell’economia turistica, ma a Cerignola era in coltura il ritorno del racket: sei bombe carta - una anche con i clienti all’interno di un negozio - dalla notte di Natale a oggi. Una recrudescenza senza precedenti che ha scatenato la rabbia del sindaco Franco Metta. In un post video ha «stramaledetto» i banditi che hanno diffuso il panico e la paura nella comunità cerignolana.
Un post alla maniera del sindaco Metta, diretto, essenziale, spavaldo, espresso senza ricorrere a figure retoriche.

Come dire, se questo è il vostro vocabolario ecco le parole del linguaggio che fa al vostro caso. Metta è il sindaco che, ricevuto un pacco di biscotti con ventimila euro in contanti, senza colpo ferire ha denunciato tutto e fatto arrestare due imprenditori di peso della Capitanata, tra cui il presidente regionale dell’Associazione nazionale dei costruttori edili e concittadino di Metta.

Ma linguaggio a parte, appare evidente che la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica a Cerignola è un problema che non va sottovalutato. Piuttosto, in una zona dove le organizzazioni criminali spesso preferiscono specializzarsi in altri business illegali (grandi rapine, assalti a portavalori, traffico di armi) e per di più in sinergia con i clan che governano l’area del nord Barese, il ritorno delle rapine e delle bombe a scopo estorsivo allarma e non poco.

Soprattutto se ad operare sono bande di minorenni (come si ipotizza per l’ultima rapina alla filiale del Monte dei Paschi) oppure cani sciolti che non rispondono ai capi clan.

Le forze politiche, stucchevoli schermaglie pre elettorali a parte, hanno manifestato la preoccupazione sia pur con punti di vista differenti. E non è un bene. Anzi, sarebbe utile non consegnare la materia sicurezza alla campagna elettorale per le politiche e invece concentrarsi sulle azioni da fare ed evitare le oscillazioni delle Istituzioni democratiche, che appartengono a tutti.

Chi ha compreso che non siamo su «scherzi a parte» è il vescovo della diocesi di Cerignola Ascoli Satriano, mons. Luigi Renna, anche lui durissimo con chi distrugge «la laboriosità e l’operosità di quanti quotidianamente fanno il proprio dovere». Nelle parole del presule c’è anche un invito a non cedere al «fai da te» oppure al disinteresse tanto non cambierà mai nulla. Invece fare «rete» è quanto mai opportuno, se non altro per arginare un fenomeno, prima di debellarlo, di cui si potrebbe anche perdere il controllo.

Allora risposte concrete, azioni più che rassicurazioni e una presenza costante e «intelligente» dello Stato. La provincia di Foggia e anche Cerignola meritano la giusta attenzione, ma non da «minimo sindacale». Anche per non mortificare gli sforzi che pure non mancano per affrancarsi da pregiudizi duri a morire. Cerignola del resto è una eccellenza in campo sportivo, presenta uno spettro di imprese nella filiera agro alimentare di livello anche internazionale, si sta riaccreditando in campo culturale con le iniziative promosse per celebrare i 150 anni di fondazione del teatro Mercadante. Poi arriva un manipolo che decide di riazzerare tutto. Non avranno vita facile, assicura il battagliero sindaco Metta. Tutto giusto. Ora però lo Stato - a cui è demandata la sicurezza e non la sua percezione - faccia la sua parte. Senza fare sconti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400