Mercoledì 28 Ottobre 2020 | 04:21

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

 
Il caso
Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

Se la disobbedienza (non) fa spettacolo sfidando i divieti

 
Il commento
Cronaca di una seconda ondata annunciata

Cronaca di una seconda ondata annunciata

 
Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

Bari calcio, Di Cesare: «Conta vincere, non giocare bene»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

Nicola di Bari ricoverato in rianimazione dopo operazione al cuore

 
FoggiaLa lite
Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

Coltellate tra migranti nel ghetto di Borgo Mezzanone: un morto

 
TarantoLa denuncia
M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

M5s Taranto: «Mittal è cattivo pagatore e crea terrore tra gli operai»

 
PotenzaIl caso
Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

Covid 19 in Basilicata: è allarme, reparti sotto pressione

 
MateraIl virus
Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

Matera, la richiesta del sindaco: «Nuovi interventi per l'ospedale della città»

 
LecceLe dichiarazioni
Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

Disordini a Lecce per protesta al Dpcm, il sindaco: «Rabbia non prevalga, facciamo squadra»

 
Brindisinel Brindisino
Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

Mesagne, centinaia di chiamate e messaggi alla ex: arrestato mentre era appostato sotto casa

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 

i più letti

Il commento

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Con la riapertura delle scuole, sono proprio loro, bimbi e adolescenti, nel mirino di regole e Coronavirus

Bitritto, dipendente di una scuola positivo: istituto annulla attività in presenza

banchi di scuola

Nelle settimane più buie dei feretri sui camion militari non sapevamo neanche che esistessero, poi gli asintomatici si sono materializzati ma, ci assicuravano, non erano contagiosi. Qualche mese dopo il dietrofront e ora si sa che gli asintomatici positivi al Covid-19, anche se non malati, possono diffondere il virus. E' speculare quanto ci è stato detto sui bambini: prima immuni, inattaccabili dal Coronavirus grazie a difese più forti, ma poi no, la realtà di contagi e vittime ha frantumato anche questa certezza (contagiabili e contagianti persino i neonati, dimostra uno studio).

E adesso che le scuole riaprono in presenza sono proprio loro, bimbi e adolescenti, nel mirino di regole e Coronavirus. Molto di più dei fratelli maggiori iscritti all'Università, perchè tanti Atenei hanno lasciato esami, lezioni e sedute di lauree a distanza, limitando gli insegnamenti frontali a primo anno e tirocinii.

A delineare meglio i contorni di questo paradosso, i test volontari (e gratuiti) per docenti, personale Ata e insegnanti precari di scuole dell'obbligo e superiori: nel caso avessero deciso di non farli, al lavoro possono andare comunque e tutti, mentre i loro discenti, come le relative famiglie, non sapranno mai, grazie alla privacy, se i ragazzi così condizionati nei movimenti e nei comportamenti in classe e persino a ricreazione rischino di prendere la terribile infezione da maestri o professori rientrati senza il sierologico.

Nello specifico il "pungidito", che in caso di positività al virus prevede il tampone (e quando positivo quest'ultimo esame obbliga alla quarantena fino a successivo tampone negativo). Va detto che i medici di famiglia, cui lo screening è stato demandato, possono a loro volta rifiutarsi di eseguirlo e a quel punto il docente deve rivolgersi all'Asl con i tempi e le attese che questo comporta, ma nessuno vieta a ciascun insegnante, o personale Ata, di pagarsi ed eseguire il test privatamente, garantendo così anche la propria sicurezza in aggiunta a quella dei ragazzi.

Queste storture visibili a occhio nudo (già molti i casi di istituti chiusi per insegnanti positivi) diventano caos in nidi, scuole d'infanzia ed elementari, dove sono i pediatri a dover fornire l'ormai arcinoto certificato anti-Covid per il rientro del bambino dopo tre giorni di malattia. Gli specialisti, in rivolta, dicono a ragione che il certificato medico per il ritorno in classe senza la prova del tampone (o i tamponi, perchè i bambini si raffreddano più volte durante l'anno) è "inutile e dannoso", mentre sarebbe più logico attenersi alle norme dell'ultimo DPCM, cioè eseguire il tampone naso-faringeo in tutte le principali e più frequenti condizioni che causano l'assenza dalle comunità scolastiche. I test salivari, o rapidi, promessi dal ministro Speranza, potranno forse dirimere questo ulteriore macigno che il Covid e la burocrazia hanno scaraventato sull'istruzione dei più piccoli, ma intanto come non rilevare, anche, che un consistente numero di docenti universitari, quelli dei corsi di laurea di area medica integrati nelle aziende ospedaliere, si sottopongono con regolarità ai test sierologici, ma continuano a fare lezioni ed esami a distanza?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie