Mercoledì 01 Aprile 2020 | 20:11

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
L’autocontrollo (niente sprechi) chiesto all’italia

L’autocontrollo (niente sprechi) chiesto all’italia

 
l'analisi
Compleanno turbolento per il premier Conte: spegne 55 candeline con la crisi di governo

Ma l’Europa senza solidarietà non sopravvive

 
l'editoriale
L'impresa di rimettere in salute le imprese

L'impresa di rimettere in salute le imprese

 
Il punto
L’euro-intesa si troverà ma l’italia deve cambiare

L’euro-intesa si troverà ma l’Italia deve cambiare

 
L'analisi
È ancora poco per sventare il pericolo «bomba sociale»

È ancora poco per sventare il pericolo «bomba sociale»

 
l'editoriale
Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

 
Il commento
Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

 
Il commento
Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

 
L'analisi
Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

 
Coronavirus
Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

 
L'analisi
La modernità del papa che prega in latino

La modernità del papa che prega in latino

 

Il Biancorosso

l'annuncio
Comune Bari stanzia 3,6mln per manutenzione stadio San Nicola

Comune Bari stanzia 3,6mln per manutenzione stadio San Nicola

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaemergenza coronavirus
Scuola didattica a distanza: oltre un milione per la Basilicata

Scuola didattica a distanza: oltre un milione per la Basilicata

 
Bariemergenza coronavirus
Bari, alla Mater Dei mascherine «Andrà tutto bene» alle partorienti

Bari, alla Mater Dei mascherine «Andrà tutto bene» alle partorienti

 
Materasolidarietà
Matera, 5mila mascherine donate all'ospedale Madonna delle Grazie

Matera, 5mila mascherine donate all'ospedale Madonna delle Grazie

 
Tarantola segnalazione
Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

Mittal Taranto, «gravi carenze igieniche in Acciaieria»

 
Foggiaraid
Foggia: bomba contro centro anziani, danni. Secondo attentato in tre mesi

Foggia: bomba contro Rsa. Secondo attentato in tre mesi
La gente dai balconi: «Basta mafia»

 
Batuniversità
Come cambia lo stile di vita al tempo del Covid-19? La risposta in una tesi di Laurea di un barlettano

Come cambia lo stile di vita al tempo del Covid-19? La risposta in una tesi di Laurea di un barlettano

 
Brindisia mesagne
Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

 
Leccel'operazione
Lecce, cc arrestano in flagrante giovane con marijuana e 395 euro in contanti

Lecce, cc arrestano in flagrante giovane con marijuana e 395 euro in contanti

 

i più letti

Il commento

Saper spendere rimane la questione principale

Il Piano Sud 2030 annunciato dal premier Giuseppe Conte prevede 123 miliardi, di cui 21 da spendere entro il 2022

Il premier Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

Una delle ragioni per le quali il Mezzogiorno è un tema sempre più marginale in ogni agenda politica è l’abuso che se ne è fatto per decenni. Abuso dialettico, quando è servito per coagulare consensi sociali e politici. Abuso economico, quando i danari stanziati (ordinari e straordinari) sono stati usati per opere inutili. Abuso propriamente detto, quando le due fattispecie precedenti sono sfociate in dolorose inchieste giudiziarie. Con queste eredità è difficile, ora, teorizzare il rilancio del Sud: ad avallare con entusiasmo si rischia l’ennesima delusione se non un’accusa postuma di complicità; la prudenza di giudizio, invece, potrebbe essere fraintesa con uno scetticismo disfattista e dare un alibi a chi accusa i meridionali di essere gli artefici del proprio male.

Dunque, come esprimersi verso il Piano Sud 2030 annunciato dal premier (meridionale) Giuseppe Conte? Intanto non gli si possono rimproverare promesse non mantenute, il suo ruolo politico e istituzionale da esordiente lo tengono al riparo almeno da queste accuse. Mette sul tavolo 123 miliardi, di cui 21 da spendere entro il 2022 e parla esplicitamente di fondi interni. «Noi - dice Conte - le risorse le abbiamo. Interne, più quelle europee di cui ci possiamo giovare. Quello che ci è mancato fino ad ora è la capacità di spenderle bene. Questi miliardi di cui parliamo ci sono e abbiamo individuato le criticità che non ci hanno permesso di spenderli».
Da questa affermazione è ragionevole dedurre che non siamo di fronte a un piano basato su risorse straordinarie ma a un impegno più pressante per un utilizzo rapido e virtuoso di danari già programmati sui bilanci pubblici. Niente di male, chiaramente. Ma intanto c’è il rischio che da domani qualunque intervento di ordinaria amministrazione venga veicolato come strumento straordinario. Un film già visto, peraltro.
Così come sanno di già visto le presentazioni con le slide e perfino gli scivoloni formali (come l’uso di una foto del golfo di Trieste per presentare il piano per il Sud).

Allora la novità si annida in altre parole della presentazione che il premier e due ministri hanno mandato in onda dalla Calabria (proprio da quella Calabria appena espugnata dal centrodestra a trazione leghista): parole che rimandano al centralismo statale che suona come una bocciatura sonora delle autonomie locali e regionali già al centro del dibattito politico degli ultimi anni. Leggere di un «nuovo metodo improntato sul rafforzamento del presidio centrale, attraverso l'istituzione di Comitati di indirizzo e un Piano Sviluppo e Coesione (PSC) per ciascuna missione, sulla cooperazione rafforzata tra amministrazioni centrali e locali, sull'attivazione dei centri di competenza nazionale e il ricorso a centrali di committenza e stazioni appaltanti (nazionali e locali)» sembra più che altro un modo paludato per spiegare che d’ora in poi i soldi statali per gli investimenti nel Mezzogiorno resteranno sotto la responsabilità e gestione dello Stato.

È, allora, questa la vera chiave di lettura sulla quale esercitarsi: la bocciatura delle autonomie e, dunque, della classe dirigente che nelle regioni del Sud hanno declinato in chiave locale la gestione delle risorse nazionali. Se non è un ritorno alla Cassa per il Mezzogiorno nella forma, rischia di diventarlo nella sostanza. Il tempo dirà se con maggior successo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie