Giovedì 24 Settembre 2020 | 04:05

NEWS DALLA SEZIONE

IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 
Intervista
Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

Bari, Marcello Veneziani: il sovranismo non è morto

 
Il commento
Ora una spinta per riformare il Belpaese

Referendum, ora una spinta per riformare il Belpaese

 
L'Analisi
Le ragioni di un sorpasso ad alta velocità

Le ragioni di un sorpasso ad alta velocità

 
L'editoriale
Pd, Emiliano sbatte la porta: i suoi fuori dalla segreteria

Lo schiaffo del vincitore al fronte sovranista

 
Il ricordo
Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

 
Lettera alla Gazzetta
Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

 
L'ANALISI
Il fantasma del virus che spariglia le carte

Il fantasma del virus che spariglia le carte

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

Batpost voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Tarantola vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
Foggiaemergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Potenzala sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
Leccela svolta
Lecce, duplice omicidio, sospettato in Procura: è un 37enne di Aradeo

Lecce, duplice omicidio, interrogato sospettato: la Procura smentisce
Autopsia: «Ferocia omicida su donna»

 
BariAvvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

il punto

Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

Il valore dell'opera sul mercato dell’arte era stato indicato in ben centoventimila dollari

Se l'arte si può mangiare come fosse una banana

Non ce ne vogliano gli amanti dell’arte contemporanea, di quell’arte concettuale nella quale il messaggio, la provocazione, contano più dell’opera in sé. Ma l’idea che «Comedian», l’opera di Maurizio Cattelan esposta alla fiera Art Basel di Miami abbia finito per essere... mangiata da un collega buontempone dell’artista padovano, ci diverte proprio assai.
A beneficio dei Lettori, almeno di quanti tra loro (non crediamo proprio pochissimi) sono a digiuno di arte contemporanea, giova ricordare che «Comedian» altro non era che una banana vera, fissata su una parete bianca con un pezzo di nastro adesivo grigio. E che il suo valore sul mercato dell’arte era stato indicato in ben centoventimila dollari (circa centodiecimila euro), una cifra presumibilmente sufficiente ad acquistare un intero bananeto. Ma in un mondo nel quale Piero Manzoni si concesse, quasi sessant’anni fa, di inscatolare la sua ormai celebre «merda d’artista», si può dire che valga tutto. E pertanto si deve anche saper accettare l’idea che, a cotanta profonda provocazione - siamo tornati alla banana... - possa seguire una reazione ancor più provocatoria, appunto quella dell’artista David Datuna che ha rimosso dal muro il frutto del... peccato e lo ha mangiato, facendosi riprendere con un telefonino. Era una performance d’arte anche la sua, ha poi spiegato, dal titolo che la dice lunga: Hungry Artist, l’artista affamato.

Possiamo soltanto immaginare cosa si possa provare nell’addentare una banana talmente preziosa, né di quanto quel piacere possa successivamente accrescersi nell’apprendere di non dover risarcire l’autore o la fiera. E però, ai poveri mortali abituati ad accettare, tutt’al più una Gioconda baffuta e che già davanti ai celebri tagli di Fontana cominciano ad andare in crisi, un episodio simile non può non ricordare Le vacanze intelligenti, il film del 1978 in cui Alberto Sordi con rotonda signora al seguito, nei panni di una coppia di fruttivendoli arricchiti, venivano «spediti» dai propri figli in un esilarante tour culturale che, tra musei e concerti di musica contemporanea, ne metteva duramente alla prova gli animi (e i gusti) semplici, da figli del popolo.
E se è vero che talvolta quello dalla fantasia alla realtà è un passo brevissimo, è altrettanto inevitabile ricordare l’eroica donna delle pulizie che proprio a Bari, nel 2014, scambiandole per ordinaria spazzatura, affidò agli operatori ecologici due opere d’arte del valore di qualche migliaio di euro, esposte alla Sala Murat durante la mostra «Display Mediating Landscape». Anche lei, al pari di Datuna, stava reagendo provocatoriamente con una performance estemporanea. Il cui messaggio non era poi così difficile da interpretare!

La casistica, tutt’altro che sporadica, potrebbe proseguire a lungo, ma ci fermiamo qui. Ma pur nella consapevolezza di andare incontro agli strali dei grandi sacerdoti della critica d’arte con tanto di coribanti al seguito, riesce difficile non restare perplessi davanti all’ipotetico significato - o messaggio - di una banana appiccicata al muro (ché di questo si parla); e per giunta a cinque zeri. Qualcuno, in questi giorni, ha pubblicato sui social le foto di panzerotti attaccati alle pareti, quasi a voler ripercorrere i passi di Cattelan con un capolavoro analogo. Ma il panzerotto unge, inguacchia e, soprattutto, non è diabolicamente provocatorio come la banana. E poi, mentre quest’ultima può essere consumata con soddisfazione finché la buccia non si fa marrone, il panzerotto ha bisogno della sua temperatura ustionante e consumarlo freddo è un crimine contro l’umanità.

In ogni caso, la banana è stata rimpiazzata perché, fanno sapere da Miami, «l’opera è stata pensata come rinnovabile e sostituibile e il suo valore risiede nell’idea».
A questo punto, ci aspettiamo che venga più riprodotta e imitata di Monna Lisa. Con buona pace di messer Leonardo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie