Giovedì 28 Maggio 2020 | 07:47

NEWS DALLA SEZIONE

Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

Settembre poi verrà ma senza lezioni a distanza

 
Il commento
Non come eravamo prima ma come saremo dopo

Non come eravamo prima ma come saremo dopo

 
L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLutto
Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

 
Battragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
Potenzafase 2
Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

 
BariLa decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
MateraLavori pubblici
Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

 
Tarantofase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
Foggiafase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
LecceLa tragedia
Il cantiere del gasdotto

Pisignano, operaio 35enne muore schiacciato da tubo in gasdotto: cantiere sequestrato

 

i più letti

L'editoriale

Una bomba a orologeria sul futuro delle camere

Presi singolarmente, i parlamentari non hanno molta voce in capitolo nelle scelte del loro Principale. Ma presi in gruppo possono fare paura persino al leader più carismatico e padronale

Una bomba a orologeria sul futuro delle camere

Il 90 per cento dei parlamentari non vorrebbe votare mai. Solo in pochi, infatti, avrebbero la garanzia assoluta della rielezione. La stragrande maggioranza di deputati e senatori si prepara all’appuntamento elettorale con lo stesso stato d’animo (depresso) con cui i tacchini attendono il Natale. Figuriamoci se, poi, si dovessero creare le condizioni per lo scioglimento anticipato delle Camere. I peones, cioè i parlamentari semplici, scatenerebbero il putiferio pur di sventare la minaccia, prospettando sotto traccia transumanze organizzate e cambi individuali di casacca. Insomma, il Parlamento non assicurerà il posto fisso anelato dai personaggi di Checco Zalone, ma di certo, per almeno cinque anni, assicura privilegi sconosciuti altrove.

Comprensibile, perciò, la ritrosia dei soldati semplici di Palazzo Madama e Montecitorio ad accettare passivamente lo «sciogliete le righe», o il «tutti a casa», che potrebbe essere richiesto, improvvisamente, dall’uomo forte del momento.
Non si contano le legislature tenute in vita, in passato, con la respirazione bocca a bocca a opera delle truppe parlamentari timorose di non dover ritornare a Roma in caso di votazioni immediate. Presi singolarmente, i parlamentari non hanno molta voce in capitolo nelle scelte del loro Principale. Ma presi in gruppo possono fare paura persino al leader più carismatico e padronale.

Ecco perché molti capi preferiscono non spingere sull’acceleratore del voto. Temono che questa manovra possa loro sfuggire di mano e che alla fine debbano restare, e scottarsi, col cerino acceso in mano.
Ma c’è un tema, finora sottostimato, che potrebbe invece scompaginare i piani di tutti coloro che sono impegnati a salvaguardare la legislatura in corso: l’autonomia differenziata chiesta con forza da tre Regioni del Nord (Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna).

Qui non si scappa. O il Sud cede al Nord e sta zitto. O il M5S cede alla Lega e sta zitto. O l’opinione pubblica del Sud cede ai testimonial del Nord e sta zitta. Ma se, poco poco, qualcuno rialzasse la testa e, conti alla mano, cominciasse a smantellare le pretese del Lombardo-Veneto e della gregaria Emilia-Romagna, il gioco compromissorio potrebbe essere smascherato in un amen, con buona pace dei guardiani della legislatura in corso.

Il primo a saperlo è Luigi Di Maio, capo dei pentastellati. È vero che, prima del battesimo del governo, Di Maio ha sottoscritto con il suo equipollente Matteo Salvini l’impegno programmatico a varare il regionalismo differenziato. Ma Di Maio è consapevole che se l’autonomia dovesse arrivare al traguardo, la tegola più dolorosa cadrebbe sullo stato maggiore grillino, che ha nel Mezzogiorno il suo serbatoio elettorale più cospicuo.

Il secondo a saperlo è Matteo Salvini. Il Capitano leghista sa e comprende che il suo parigrado Di Maio non potrebbe concedergli ciò che vuole il presidente veneto Luca Zaia. Sa, pure, il conducente del Carroccio, che l’autonomia differenziata non costituisce per lui un comodo biglietto da visita durante le sue sempre più frequenti puntate nel Meridione. Ma, nonostante queste sue riserve, Salvini sa che il pressing dei presidenti leghisti Zaia e Fontana, sostenuti dal presidente emiliano Bonaccini (Pd), è così incalzante che persino lui, sceicco di una Lega protesa al 40 per cento di voti, si vede costretto a non girarsi dall’altro lato e a battere con lena il ferro caldo dell’autonomia.

Si dice: ma l’Italia è terra di inciuci e compromissioni, prima o poi anche sull’autonomia si raggiungerà l’accordo. Può essere. Non a caso, nonostante l’ennesimo rinvio, dopo il vertice di ieri, si sono ascoltate parole d’ottimismo. Ma la materia è così dirompente da rendere complicata anche l’intesa più facile e lineare. E siccome, nelle regioni del Nord, i falchi hanno ridotto al silenzio le colombe, l’ipotesi di un patto di ferro (nazionale) in zona Cesarini appare più improbabile di un matrimonio tra Donald Trump e Angela Merkel.

Il M5S è in regresso rispetto alla Lega trascinata da Salvini. Se dovesse mollare il Sud, dove il Movimento ha attutito la botta del voto europeo, Di Maio scenderebbe vieppiù di peso (elettorale), il che significherebbe dover cedere il timone ad Alessandro Di Battista o a Roberto Fico.

Ecco perché - nonostante tutto, nonostante la non belligeranza delle Rgioni meridionbali, non sarà una passeggiata, per la Lega, portare a casa il trofeo dell’autonomia. E se non sarà una scampagnata, l’unica cosa che potrà fare Salvini sarà quella di togliere l’ultimo sostegno alla tenuta di Camera e Senato, e poi accada quel che deve accadere.

Sorprende in questa vigilia autonomistica l’indifferenza delle Regioni del Sud che, a nostro avviso, dovrebbero sottoscrivere una petizione da inviare al Quirinale in difesa dell’unità nazionale in pericolo e a sostegno di una più equa distribuzione della spesa pubblica. Ma quando la politica si riduce a esercizi di calcolo o a valutazioni di convenienze di carriera, non c’è molto da discutere o da proporre. Anche se, continuiamo a pensare, il tema dell’autonomia differenziata è troppo dirompente per essere affrontato con la spensieratezza di una gita domenicale al mare. Rimane una bomba a orologeria. Prima o poi spunterà qualche inghippo, qualche dissonanza di rilievo che potrebbe far saltare il tavolo e rimandare tutti alle elezioni (anticipate). E a questo punto, un voto sull’autonomia differenziata non sarebbe una iattura, perché costringerebbe tutti a uscire allo scoperto. Leader ed elettori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie