Lunedì 26 Agosto 2019 | 03:02

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Quella voglia di distribuire (e indebitarsi) prima di creare

Quella voglia di distribuire (e indebitarsi) prima di creare

 
La riflessione
Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

 
L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

La riflessione

Domani alla resa dei voti per scenari assai diversi

Domani si vota per cinque scenari diversi

Governo

Domani si vota per cinque scenari diversi. Primo. Salvini e Di Maio dicono all’unisono che il governo durerà altri quattro anni. Nessuno ci crede, a cominciare da loro perché le differenze tra Lega e Cinque Stelle si sono ingigantite giorno per giorno e soprattutto perché è caduto in modo irreparabile il rapporto di fiducia tra i due leader sul quale si è retto finora il governo. Il futuro del gabinetto Conte dipende dall’ampiezza della forbice tra i due partiti.

È vero, come dice Di Maio, che il suo gruppo parlamentare è molto più ampio di quello leghista, ma se Salvini fosse sopra nei voti di almeno sei punti sarebbe impossibile non ridiscutere i rapporti di forza in modo consistente. Non tanto nella distribuzione delle ‘poltrone’ quanto nell’attuazione del programma, dal Tav alle Autonomie, dallo sblocco effettivo delle grandi opere pubbliche alla riforma della giustizia. Temi sui quali il Nord rumoreggia da tempo. Accetterebbe il Movimento di farlo?
Secondo. Alle elezioni del 4 marzo 2018 il Pd precipitò a 18 punti, il peggior risultato sempre. Il M5S schizzò a 32. Di quanto si avvicineranno domani i due partiti? Un sorpasso (assai difficile) sarebbe devastante per i grillini. Una distanza minima darebbe fiato a chi nel Pd pensa che dopo le elezioni politiche anticipate (non si sa quando) potrebbe riaprirsi un discorso tra i due partiti e garantirebbe al M5s un ipotetico secondo forno alternativo a quello leghista.

Terzo. Il centrodestra. Quanto valgono Forza Italia e Fratelli d’Italia? L’unico che dopo elezioni anticipate vorrebbe tornare al centrodestra classico è Berlusconi. Il Cavaliere chiede di votarlo per dare una mano di vernice moderata alla facciata sovranista. Salvini vorrebbe andare soltanto con la Meloni. La Meloni vorrebbe la stessa cosa, ma negli ultimi giorni ha fatto capire che se fosse necessario potrebbe ripensare al Cavaliere. Ancora una volta contano i numeri e il successo della Lega in quelli che saranno singoli collegi maggioritari delle elezioni politiche. Chi potrà permettersi che cosa?

Quarto. Domani si vota in Piemonte e in 3846 comuni, 221 con popolazione superiore ai 15mila abitanti, di cui sei capoluoghi di regione e 23 capoluoghi di provincia. Sono elezioni fondamentali per capire se è ancora inarrestabile l’ondata di centrodestra che dopo il 4 marzo dell’anno scorso ha conquistato sei regioni. Se il Piemonte passasse al centrodestra, per la prima volta si colorerebbe di verdeazzurro l’intero Nord fino ai confini con l’Emilia Romagna, il vero obiettivo della Lega in autunno. Se vuole mantenere comuni importanti come Firenze e Bari, dove gli uscenti partono favoriti, i sindaci di centrosinistra debbono vincere al primo turno, rischiando molto al ballottaggio. Un eccessivo indebolimento del centrosinistra e dei 5 Stelle peserebbe anche a livello nazionale.

Quinto scenario. L’Europa. Avremmo dovuto aprirci. Ci chiudiamo travolti dalla lotta nazionale. L’Europa è troppo importante per farne a meno, ha sbagliato troppo per restare la stessa. Comunque vadano le cose, Lega e Cinque Stelle apparterranno a coalizioni minoritarie a Bruxelles. Riusciranno a far pesare i loro voti nella futura coalizione? Riusciranno ad assicurare all’Italia un importante commissario economico? Quale sarà il peso dei nostri tra i socialisti e i popolari? La posta in gioco è troppo alta per disertare le urne. Andiamo a votare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie