Giovedì 25 Aprile 2019 | 14:01

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Ma a crescere è sempre il debito pubblico

Ma a crescere è sempre il debito pubblico

 
Il fondo
Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

Se Lino Banfi spinge Canosa verso il patrimonio Unesco

 
La riflessione
Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

Torna anche quest’anno la resistenza sul 25 aprile

 
L'analisi
Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

Il Colle, vera posta in gioco in caso di voto anticipato

 
Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 
L'analisi
Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIslam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

L'analisi

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

«Tutti, compreso il governo, prestano attenzione e non lesinano applausi ai giovanissimi che manifestano contro l’inquinamento. Ma, poi, il governo si prepara a spalancare le porte alla via della seta cara ai cinesi»

cavalli transumanza gargano

Vivesse oggi, anche il grande Leonardo Sciascia (1921-1989), implacabile demolitore di luoghi comuni, si arrenderebbe di fronte alla confusione imperante, e forse esclamerebbe: «Non si capisce!». «Non si capisce», amava ripetere, con profonda onestà intellettuale, lo scrittore siciliano tutte le volte che non riusciva a spiegarsi fatti e fenomeni più complicati di un rebus in lingue diverse. Prendiamo la Francia, terra assai cara a Sciascia per il lascito dell’illuminismo. Da un lato il presidente Emmanuel Macron cerca di placare i gilet gialli che protestano contro il caro-carburante e le restrizioni alla circolazione stradale, dall’altro lato - sempre Macron- intende accontentare i baby-ambientalisti che invocano misure draconiane a difesa della natura.

Qualcosa di simile accade in Italia. Tutti, compreso il governo, prestano attenzione e non lesinano applausi ai giovanissimi che manifestano contro l’inquinamento. Ma, poi, il governo si prepara a spalancare le porte alla via della seta cara ai cinesi, che tutto potrebbero essere tranne che testimonial di una campagna in difesa dell’aria pura. Le opposizioni a Conte, anch’esse accomodanti nei confronti dell’eco-manifesto della 16enne svedese Greta e dei suoi coetanei in mezzo mondo, tifano per la realizzazione del Tav in Piemonte, un’opera che l’eco-protesta giovanile considererebbe più blasfema di una bestemmia davanti all’altare.
La corsa al consenso si è fatta così spasmodica che ci si contraddice nello stesso giorno, nel giro di un’ora. Tanto, nessuno ci fa caso. La Rete è un tritacarne irresistibile, che macina qualsiasi ragionamento e stritola qualsiasi verità scientifica. Anche le contraddizioni più palesi e sfacciate riescono a non destare sospetti nel tribunale dell’opinione pubblica, indaffarato quasi sempre ad elaborare tweet usa e getta.
Logico che non si comprenda e non si capisca più nulla. Il governo si fa in due e soprattutto fa il controcanto a se stesso. L’opposizione (teorica) anch’essa si fa in due, ma non vede l’ora di affiancarsi a uno dei due soci di Palazzo Chigi.
L’era dei partiti aprogrammatici (tutto è commestibile se serve a ingoiare il potere) e dei partiti piedistallo (tutto è digeribile se serve alla progressione, cioè alla carriera, del capo) ha portato la politica, o meglio la strategia di lotta e di governo, a livelli inimmaginabili solo pochi anni addietro.

Un tempo i partiti ambivano a sostituire le scuole sia nella formazione/selezione della classe dirigente del Paese sia nell’azione pedagogica a beneficio dell’elettorato. Oggi l’unica bussola dei partiti sono i sondaggi, i presunti orientamenti della popolazione, le indicazioni della Rete.
Ma la politica, compresa la classe dirigente, dovrebbe indirizzare ed educare, non certo limitarsi a intercettare le tendenze delle minoranze rumorose. E soprattutto dovrebbe sottoscrivere con la scienza un patto di mutuo soccorso per contrastare superstizioni e bufale varie, utili solo a mettere in moto la macchina della paura e del consenso. Infine, la politica dovrebbe guardarsi dalla tentazione fatale di semplificare i problemi che, di solito, sono più inestricabili di una foresta africana. «La semplificazione - ammoniva Aldo Moro (1916-1978) - può sembrare un contributo alla chiarezza, ma in definitiva nasconde un impoverimento della verità».
Esaminiamo il caso dell’ecosistema urbano. Nel 1898 la Conferenza mondiale sull’urbanistica, convocata a New York, ammise la propria impotenza di fronte all’inquinamento cittadino provocato dal letame dei cavalli e dalle carcasse degli animali. Le carrozze, per giunta, provocavano un incidente stradale dopo l’altro, con centinaia di morti e feriti ogni anno. Nel giro di pochi lustri, oracolarono sconsolati gli esperti, New York e Londra sarebbero state sepolte da una montagna di sterco, con tutte le (nefaste) conseguenze igienico-sanitarie del caso.

L’emergenza venne risolta grazie all’avvento dell’auto che prepensionò le carrozze e i relativi quadrupedi da traino. Improvvisamente le città smisero di puzzare come mandrie di capre e, soprattutto, si ritrovarono a disporre di strade più sicure, oltre che meno insozzate dal letame e dal suo malefico gas serra. Successivamente l’utilizzo dell’automobile provocherà tutti i problemi (traffico e smog) che sappiamo, ma di sicuro poco più di un secolo fa le «quattro ruote» rappresentarono una soluzione ecologica alle tragedie umane e ambientali cagionate dalle carrozze e dai cavalli.
Dovrebbero essere la scienza e la tecnologia le principali fonti di sostegno della classe politica nella produzione legislativa e nell’alfabetizzazione della gente comune. Invece, si preferisce la strada opposta: seguire il senso comune (non il buon senso) nell’opera di confutazione (e mediatizzazione) della scienza e della tecnologia.
Risultato. S’impoverisce la verità (per dirla con Moro) senza nemmeno fare un po’ di chiarezza. Tanto è vero che, nello stesso istante, si sta con la Cina e con chi contesta la Cina, si sta con chi esalta il Tap e con chi esecra il Tap. Ma a furia di governare e di controgovernare nello stesso tempo, chissà dove andremo a finire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400