Domenica 24 Marzo 2019 | 16:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari: segui la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

L'analisi

Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

I disastri ambientali feriscono – spesso in maniera catastrofica e irreversibile – uomini, cose e territori

Papa Francesco a sostegno dell'ambiente: dalla Puglia una canzone

Di alcuni temi si parla troppo, di altri troppo poco. E non è un caso, forse, che sia stato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a ricordare con forza la crisi climatica globale prossima ventura, che potrebbe essere più imminente di quanto immaginiamo. Argomento che non costituisce un serbatoio di voti – e dunque non è affatto esplorato da governanti e politici – ma che coinvolge tutti e dunque (in teoria) dovrebbe far parte dell’agenda politica di chi ci rappresenta. Oltre ad essere assai più interessante della danza binaria Tav sì-Tav no. I disastri ambientali feriscono – spesso in maniera catastrofica e irreversibile – uomini, cose e territori.

Ma limitarsi ad evocare la straordinarietà dei fatti che si manifestano con prepotenza «per giustificare noncuranza verso una visione e progetti di più lungo periodo, è un incauto esercizio da sprovveduti». Parole nette, quelle di Mattarella, che ci fanno comprendere come la natura, pur non essendo addomesticabile, possa essere governata con interventi in grado, se non di evitare, di sminuire gli effetti dei mutamenti climatici, che si fanno sempre più bruschi anche a causa di politiche dissennate che violentano e deturpano il territorio ai fini di sfruttamento commerciale e di profitto.

Non si è solo sprovveduti, però. Vi sono delle responsabilità – pensiamo al mancato rispetto della legislazione antisismica – che non possono essere dimenticate e che non devono essere chiamate in causa solo nel momento in cui si verifica l’evento catastrofico. Occorre prevenzione, piuttosto che proclami subito dopo il disastro, magari fatti in maniera ampollosa in una vetrina approntata per l’occasione. Occorre un’assunzione di responsabilità da parte di chi ci governa, che evitino le tante vittime e stragi annunciate di cui il nostro Paese ha memoria. Più che la celebrazione di chi è caduto suo malgrado nella rete implacabile e impietosa di alluvioni, terremoti, ponti crollati, frane e dighe spazzate via, che quasi sempre costituisce una variazione sul tema del format “politici in vetrina”, è necessario un serio impegno per migliorare il rapporto con un territorio fragile qual è quello dell’Italia. Con la natura ci si confronta, e oggi abbiamo gli strumenti per non soccombere “a prescindere”. Equilibri secolari sono stati violati – si pensi alla cementificazione selvaggia che ha deturpato tante splendide località del nostro Paese – e occorre in primo luogo tutelare quelle zone che non hanno subito ancora l’aggressione del dio denaro.
E non si tratta di un problema soltanto italiano.
Il Presidente Mattarella ha ricordato che, proprio lo scorso anno, alcuni Capi di Stato europei hanno sottoscritto una sollecitazione che mette in guardia dall’incipiente crisi climatica globale, «per scongiurare la quale» – ha detto Mattarella – «occorrono misure concordate a livello globale».
È questo il punto.
Il tema del clima è un tema universale. Impone e presuppone una visione globale, è espressione di una globalizzazione. Non in senso meramente economico (anche se le implicazioni sono ovvie, guardando allo sfruttamento del territorio), ma anche sociale e culturale. Una cultura unitaria del rispetto della natura, nella quale e grazie alla quale viviamo, contribuirebbe senza dubbio a contrastare la crisi climatica mondiale.
Il clima, insomma, non è sovranista.

I confini tra Stati sono linee tracciate sulla carta geografica dall’uomo, talora coincidono con particolari conformazioni del territorio (fiumi, monti, etc.). La natura, come ci insegnano gli esperti del settore, non è fatta a compartimenti stagni ma ogni sua parte comunica con le altre parti, condizionandole ed essendo condizionate da queste.
I cultori del sovranismo, l’ideologia del momento, dovranno rassegnarsi. Su questo punto nulla può essere fatto in chiave esclusivamente nazionale. Non si possono erigere muri e barriere per fermare perturbazioni, cicloni e tornado. Non si possono chiudere i porti per impedire maremoti e tsunami.
E poi avere contezza delle relazioni che intercorrono tra i fenomeni naturali potrebbe aiutare, forse, ad accrescere la consapevolezza della dimensione sociale dell’umanità, oggi sempre più affievolita da un egoismo imperante che considera il prossimo solo uno strumento per la realizzazione dei propri obiettivi o un cestino nel quale riversare le proprie frustrazioni, invidie e ostilità.
Gli sforzi comuni compiuti a livello internazionale da numerose conferenze non hanno, fino ad ora, portato a risultati determinanti. Ecco perché è auspicabile un impegno a livello intergovernativo, in una dimensione sovranazionale, che metta da parte rivalità e ideologie, interessi di parte, schieramenti pregiudiziali e opachi nazionalismi, perché il mondo è un bene di tutti, al pari del suo clima. E va tutelato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400