Sabato 23 Febbraio 2019 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Non basta parlare l’inglese per essere un bravo maestro

Non basta parlare l’inglese per essere un bravo maestro

 
L'analisi
Il progetto segreto? Abbandonare il Mezzogiorno

Il progetto segreto? Abbandonare il Mezzogiorno

 
La riflessione
Summit sulla pedofilia la svolta della chiesa

Summit sulla pedofilia la svolta della chiesa

 
L'analisi
L’acqua di cittadinanza una riforma a caro prezzo

L’acqua di cittadinanza una riforma a caro prezzo

 
La riflessione
Democrazia eterodiretta il movimento si è fermato

Democrazia eterodiretta il movimento si è fermato

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
Dopo il voto
Caso Salvini-Diciotti e il voto su Rousseau: gli effetti collaterali del direttismo «democratico»

Caso Salvini-Diciotti e il voto su Rousseau: gli effetti collaterali del direttismo «democratico»

 
L'analisi
Caso Diciotti e autonomia, la difficile arte del compromesso

Caso Diciotti e autonomia, la difficile arte del compromesso

 
La riflessione
La renitenza del capitano verso il forno del cavaliere

La renitenza del capitano verso il forno del cavaliere

 
L'analisi
Gilet gialli e pericolosi tentativi di imitazione

Gilet gialli e pericolosi tentativi di imitazione

 
L'analisi
L'Italia ricca in doppiopetto: ecco come si sta rompendo l'unità del Paese

Così l'Italia ricca cancella l'Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'Incidente
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
BariNel Barese
Muri imbrattati a Giovinazzo, autori e genitori rimuovono le scritte

Muri imbrattati a Giovinazzo, autori e genitori rimuovono le scritte

 
FoggiaMaltempo
Vieste, crolla impalcatura in pieno centro: nessun ferito

Vieste, crolla impalcatura in pieno centro: nessun ferito

 
PotenzaMaltempo
Nevica allo stadio: rinviata gara di serie C Potenza - Sicula Leonzio

Nevica allo stadio: rinviata gara di serie C Potenza - Sicula Leonzio

 
LecceNel Salento
Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 28enne

Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 27enne

 
MateraA Tokyo
Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

 
BatDavanti alla stazione
Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

 

Il ricordo

Primo giorno di scuola? Ragazzi, che incubo

«Ma io non voglio imparare niente, non ne ho bisogno - gridavo disperato - io so già tutto»

scuola

Il mio primo giorno di scuola lo ricordo come un incubo. Erano i primi di ottobre del 1952, avevo 5 anni perché mi avevano iscritto un anno avanti. Non dormivo da giorni all'idea di lasciare la mia casa per andare in un posto sconosciuto, seduto ore e ore in una classe con chissà chi: la cosa mi terrorizzava.

Mio nonno materno era incaricato di accompagnarmi. Io fingevo di voler andare, ma appena arrivato alla porta di casa mi divincolavo e scappavo sulle scale, cercando di nascondermi da qualche parte. Ma mio nonno, malgrado l’età, era più veloce di me, mi inseguiva e mi scovava ovunque. Credo che questa scena si sia ripetuta tre o quattro volte finché non fui catturato definitivamente e costretto a uscire di casa. Ricordo che mio nonno mi chiedeva: «Ma perché non vuoi andare a scuola?» e io tra le lacrime rispondevo: «Perché non mi va!». E per me come risposta sarebbe bastata e invece il nonno insisteva: «Ma ci sarà un motivo, dimmi perché non ti va. Vedi che la scuola è bella, ci sono tanti bambini della tua età e si imparano tante cose». «Ma io non voglio imparare niente, non ne ho bisogno - gridavo disperato - io so già tutto!».
Che poi «io so già tutto» era il titolo di un librettino che mi avevano regalato i miei genitori: la storia di un bambino presuntuoso che diceva di sapere tutto, ed era soprannominato appunto «io so tutto».
Insomma alla fine mi sono lasciato convincere e sono andato a scuola. Ma sotto sotto, quando ci ripenso, dopo sessantasei anni, non sono sicuro di aver fatto bene ad andarci, perché (rimanga fra di noi) io sapevo già tutto!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400