Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 16:55

LETTERE ALLA GAZZETTA

Da Di Battista riflessioni giuste e sbagliate

Un esponente di spicco del M5S, Alessandro Di Battista, per commentare la bufera che si è abbattuta sul Campidoglio, dopo l’arresto di Raffaele Marra, ha detto: «A volte siamo ingenui, sì. A volte onestà e ingenuità camminano assieme».
Io credo che quando pago le tasse fino all’ultimo spicciolo, sono onesto e non ingenuo. Quando timbro il cartellino e faccio il mio dovere, sono onesto e non ingenuo. Quando dico la verità, sono onesto e non ingenuo.
Se mi fido di qualcuno, credo nella sua onestà. In questo caso, però, posso essere davvero ingenuo a fidarmi. Rimane da capire se la mia riposta fiducia è cristallina o dettata da tornaconti personali.
Insomma, sono espressioni giuste e sbagliate allo stesso tempo. Si possono tirare da una parte e dall’altra.
C’è un fatto: in politica, come nella vita, chi sbaglia paga. Il tentativo di ricorrere alla retorica è lodevole, ma difetta di onestà. O di ingenuità. Mannaggia, siamo punto e a capo!

Fabio Sìcari, Bergamo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400