Martedì 17 Settembre 2019 | 04:54

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Fantantonio Cassano riparte «studiando» da direttore sportivo

Fantantonio Cassano riparte «studiando» da direttore sportivo

 
Calcio
Nocerina-Foggia, scontri tra gli ultras prima della partita: due feriti

Nocerina-Foggia, scontri tra gli ultras prima della partita: due feriti

 
La cerimonia
Roma, i big del nuoto pugliese alla corte di Mattarella

Roma, i big del nuoto pugliese alla corte di Mattarella

 
Unico pugliese
A nuoto da Capri a Napoli, l'impresa del 18enne nocese Stefano Perta

A nuoto da Capri a Napoli, l'impresa del 18enne nocese Stefano Perta

 
Basket
La perduta generazione Nba aspettando il Real Spagnolo

La perduta generazione Nba aspettando il Real Spagnolo

 
Il caso
Via del Mare, amichevole Lecce-Cosenza 2-1: primo gol di Babacar

Via del Mare, amichevole Lecce-Cosenza 2-1: primo gol di Babacar

 
Dopo l'oro dell'under 19
Volley, parla Fanizza: «I miei azzurrini pronti per la pallavolo di alto livello»

Volley, parla Fanizza: «I miei azzurrini pronti per la pallavolo di alto livello»

 
Il match
Raffo Cup a Taranto, blackout allo stadio e la curva si accende con i cell

Raffo Cup a Taranto, blackout allo stadio: curva illuminata con i cell

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLotta alla droga
Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

 
BariIl bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
MateraNel Materano
Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

Basket

La perduta generazione Nba aspettando il Real Spagnolo

L'epilogo dei Campionati del mondo di basket è in linea con l’ennesima incompiuta azzurra

La perduta generazione Nba aspettando il Real Spagnolo

L’epilogo dei Campionati del mondo di basket è in linea con l’ennesima incompiuta azzurra. Un match inutile contro Portorico in cui la band di Sacchetti risale dal -26 per vincere al supplementare, dopo una prestazione a lungo indecorosa, frutto delle scorie velenose dell’esame di maturità fallito davanti ai «rossi» di Spagna.

L’Italia torna a casa senza superare gli ottavi a testimonianza di un salto di qualità che non c’è stato. E che appare sempre più difficile. Al momento la generazione dei tanto celebrati assi Nba - sono tutti oltre la trentina - in maglia azzurra rischia di aver vinto meno di Davide Lamma (con tutto il rispetto per l’impagabile gregario di coach Recalcati, bronzo agli Europei di Svezia del 2003). Così i limiti strutturali - continuiamo a non avere stazza e centimetri sotto canestro, ma anche sufficiente fosforo in regia - vengono ancora una volta ingigantiti dalla mancanza di personalità dei nostri presunti leader. Perché la verità è che non ne abbiamo, nemmeno a livello emotivo. Gallinari e Belinelli (soprattutto) restano giocatori molto efficaci in un sistema di gioco corroborato da altre star, ma incapaci di trascinare gli altri compagni alla meta, di compiere il passo decisivo. Eppure il Gallo in Usa è una stella di prima grandezza.

Paghiamo ancora una volta la mancanza di interpreti capaci di coglier il flusso del match o anche solo l’attimo fuggente, come sanno fare solo i grandi campioni. Quelli che si assumono le proprie responsabilità, fanno le scelte giuste quando la palla scotta e pochi vorrebbero averla tra le mani. Gli americani lo chiamano killer instinct. Anche in Cina, come negli appuntamenti con le spalle al muro degli ultimi anni, troppe volte abbiamo assistito a tiri non presi, passaggi capotici, esitazioni fatali o clamorose amnesie in difesa.

Capitan Datome ha spesso indicato la strada, dentro e fuori dal campo, senza alcun timore reverenziale, attaccando il canestro quando andava fatto e immolandosi in difesa contro gente più grossa. Altri, salvo estemporanee fiammate, sono semplicemente scomparsi lasciando incombenze e rogne ai compagni. Alla Spagna dell’Italiano Scariolo, ad esempio, è bastata la classe di Lull, seppur a mezzo servizio, per darci il meritato benservito. Non una stella d’oltreoceano, ma un campione con anni di militanza nell’Eurolega, al pari del nucleo delle più importanti nazionali del mondo, un torneo duro e competitivo per certi versi più dell’Nba, purtroppo non molto frequentato dai giocatori azzurri (nessuno oltre Datome e Hackett).

Il problema è quindi dare un sistema per far giocare assieme le nostre punte, magari dando loro fiducia nei momenti clou, mission finora fallita tra europei e mondiali, preolimpico compreso. Altrimenti continueremo, ad essere forti con i deboli - vedi le larghe vittorie contro Angola e Filippine - e deboli con i forti (emblematiche le partite contro serbi ed iberici, questi ultimi mai abbordabili come quest’anno). Magari più forti anche di certi arbitraggi inadeguati e fantasiosi - per certe interpretazioni e valutazioni, vedi il fallo antisportivo, siamo addirittura al comico - che hanno rovinato più di un match del Mondiale.

Vista l’età dei nostri migliori giocatori, tutti già dichiaratisi disponibili per il torneo preolimpico della prossima estate quando andremo a caccia di un pass per Tokio 2020, bisognerà iniziare ad andare a pescare tra le nuove promesse del nostro basket.

E chissà che in un futuro non troppo lontano proprio dalla Puglia non possa arrivate uno dei rinforzi per la nazionale, quel Matteo Spagnolo appena sedicenne, brindisino doc, che sta facendo mirabilie con la maglia del Real Madrid e nella nazionale di categoria. L’eredità di Magnifico e Basile è lì che l’aspetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie