Giovedì 24 Giugno 2021 | 05:57

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

 
La riflessione
La riforma della giustizia e la solitudine della ministra

La riforma della giustizia e la solitudine della ministra

 
L'analisi
Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

 
La riflessione
La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

 
La riflessione
Occorre seminare oggi per il turismo di domani

Occorre seminare oggi per il turismo di domani

 
L'analisi
Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

 
L'editoriale
Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

 
La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

 
TarantoLa protesta
Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere»

Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere». Sindacati: «Cig non idonea, presidio il 2 luglio»

 
Bari
Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

 
PotenzaIl blitz
Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

 
PotenzaCovid
Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

 
BrindisiTesori dimenticati
«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

 
LecceAttentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 

i più letti

L'analisi

Con il giallo attenti all’esplosione di libertà

I dati parlano chiaro con il 15% dei contagi in meno

Coronavirus, Puglia e Basilicata da lunedì tornano in zona gialla

La Puglia torna in giallo: i dati parlano chiaro con il 15% dei contagi in meno (in valori assoluti) nell’ultima settimana e i ricoveri che si riducono. Ma attenzione a farsi trarre in inganno: ogni giorno dalle nostre parti si contano tra i 20 e i 40 decessi e il tasso dei contagi tracciato tramite i test si è sempre mantenuto su valori doppi rispetto alla media nazionale.

Insomma, non è solo oro che luccica quell’indice R con T che stabilisce le colorazioni assegnate dal Governo, perché la Puglia è ancora lontana dal paradiso covid free che tutti stiamo immaginando.


Si sta avvicinando l’estate e le temperature spingono all’aria aperta, al mare, alle fughe da casa. Tutto giusto e comprensibile dopo oltre un anno di lock down pesante (quello del 2020) e di semi-lock down da zona arancione. Un sondaggio diffuso ieri dall’Ordine degli psicologi pugliesi dice che il 39% della popolazione ha un livello di stress elevato, con un calo della paura per l’emergenza Coronavirus (dal 58% di febbraio-marzo al 40%) e un incremento di stress riguardo la condizione economica (oggi al 31% contro un 25% degli ultimi mesi) e del peso di fattori psico-relazionali (rapporti familiari, con i figli, con i colleghi di lavoro, benessere soggettivo): oggi è al 21% contro il 15% dei mesi precedenti.

Significa che il livello di sopportazione sta superando il limite e sbaglia chi pensa siano solo i ristoratori «maschietti», costretti a chiudere, ad aver diritto di protestare: il peso maggiore delle chiusure lo hanno subìto le donne, che si sono dovute fare carico dei problemi familiari e in molti casi della perdita del lavoro, e i giovani. Ai quali è stato negato il diritto più importante della vita, quello che spesso solo la scuola può garantirti: la socialità.

«Gli aspetti psico-relazionali non sono più una conseguenza dello stress causato dal Covid, bensì sono diventati la causa stessa dello stress. Moltissimi adolescenti – spiega Vincenzo Gesualdo, presidente degli Psicologi pugliesi - sono talmente isolati da aver dichiarato di non aver più voglia di uscire nemmeno quando si potrà. Sono spaventati e bloccati, e questo inficerà certamente la capacità relazionale di alcuni di loro».

Ecco, la Puglia gialla dovrà affrontare anche questo: da un lato l’esplosione di libertà (folla in strada, gente in spiaggia, bar spalancati e cene al ristorante anche dopo le 22); dall’altro la miseria economica cresciuta, l’isolamento sociale, la disoccupazione galoppante. E, ancora una volta, dovrà affrontare tutti i problemi lasciati irrisolti dalla pandemia, quelli che già nel 2020 ci erano noti e nessuno è stato in grado di risolvere. Cosa accadrà a settembre, quando si pensa dovranno riaprire le scuole? Davvero i trasporti saranno pronti agli afflussi scaglionati essendoci più mezzi pubblici a disposizione o – come ammette persino il governatore della regione più ricca d’Italia, Zaia – i mezzi non sono sufficienti nemmeno in Veneto? Figuriamoci in Puglia.

E ancora, facciamo bene a illuderci che il caldo «soffochi» il virus, che nel frattempo si è «organizzato» con nuove varianti arrivate dall’India o dal Sudafrica anche dalle nostre parti? Basterà stare di più all’aria aperta – magari dimenticando i dispositivi di sicurezza come le mascherine – per dire «ne siamo usciti»? O sarà sufficiente correre sulle vaccinazioni, come pure si sta provando a fare, senza raggiungere però quella immunità di gregge (che significa, dopo gli anziani e i fragili, i giovani, le categorie produttive etc.) per dire «ce l’abbiamo fatta»?

Ecco perché nella Puglia gialla sarebbe sufficiente non commettere gli errori che già abbiamo visto in Sardegna, non ancora affollata di turisti ma esaltata dal passaggio in bianco durato una settimana… A far nascere nuovi focolai, purtroppo, non ci si mette niente: sarebbe sufficiente rispettare le regole, distanziare i tavoli e gli ombrelloni, scaglionare gli ingressi in negozio o a ristorante e, magari, aumentare i controlli nelle città invece di assistere ad altre «sceneggiate» a beneficio di qualche telecamera da parte dei sindaci, per superare indenni la nuova libertà. Che è un bene prezioso e, per questo, dopo averlo conquistato bisogna saperlo custodire con cura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie