Giovedì 15 Aprile 2021 | 04:19

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
«Impresa enciclopedia» per l’eco-territorio

«Impresa enciclopedia» per l’eco-territorio

 
L'analisi
Il grande e infinito caos tra le dosi e i potenti

Il grande e infinito caos tra le dosi e i potenti

 
Il punto
Al banco delle dosi così fragili così forti

Al banco delle dosi così fragili così forti

 
L'analisi
Se il mercato «cattivo» produce fiali salvavita

Se il mercato «cattivo» produce fiali salvavita

 
La relazione
Inps, tra Puglia e Basilicata si accumulano le pratiche: è emergenza invalidi civili

Inps, tra Puglia e Basilicata si accumulano le pratiche: è emergenza invalidi civili

 
L'ANALISI
Il vaccino del futuro che serve all’Europa

Il vaccino del futuro che serve all’Europa

 
IL PUNTO
Pandemia, gli interventi dell’Università di Bari

Pandemia, gli interventi dell’Università di Bari

 
Il punto di vista
Ma quali furbetti, sono soltanto mascalzoni!

Ma quali furbetti, sono soltanto mascalzoni!

 
L'editoriale
Prigionieri di timbri, moduli, ordinanze e circolari

Prigionieri di timbri, moduli, ordinanze e circolari

 
Il commento
La troika lucana contro la pandemia

La troika lucana contro la pandemia

 
L'analisi
Da Erdogan ai furbetti, lezione sulla dignità

Da Erdogan ai furbetti, lezione sulla dignità

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, contro il Palermo torna Celiento?

Bari calcio, contro il Palermo torna Celiento?

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariUltim'ora
Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

 
TarantoIl caso
Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

 
FoggiaMomenti di panico
Foggia, «Attenzione il Teatro Giordano va a fuoco»: falso allarme, è solo vapore

Foggia, «Attenzione il Teatro Giordano va a fuoco»: falso allarme, è solo vapore

 
PotenzaIl virus
Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

Vaccini, Bardi: «Modello Basilicata scelto anche a livello nazionale»

 
MateraL'inchiesta
Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

Matera, inchiesta sull'ex dg Asm: il gup archivia

 
BrindisiIl caso
Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

Versalis a Brindisi, stop agli impianti per nuova torcia a terra

 
LecceIl caso
Lequile, avvistata la pantera vicino a un market da un autista

Lequile, nuovo avvistamento della pantera: era vicino un market

 
BatL'episodio
Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

Barletta, viola coprifuoco e aggredisce poliziotto per evitare sanzione: arrestato

 

i più letti

La riflessione

Il Papa e la grazia della quotidianità

Non sapremo mai quanto la pandemia avrà fiaccato o rinfocolato la fede degli italiani

Papa Francesco

Non sapremo mai quanto la pandemia avrà fiaccato o rinfocolato la fede degli italiani. In questo anno e passa di sofferenza le chiese sono state a numero chiuso, le processioni, i funerali e le altre pubbliche manifestazioni religiose sono state cancellate. Per ben due volte la veglia pasquale, che per sua natura è notturna e così la prescrive il messale, è stata celebrata di pomeriggio. Nella notte di Pasqua c’è la madre di tutte le celebrazioni, come ricorda l’Exultet. Ricchissima di simbologia, in essa si concentra l’essenza della fede in Cristo. L’insieme di elementi religiosi che sostengono e trasmettono la fede è stato ridimensionato, adattato, tagliato di momenti e segni importanti come, per esempio, lo scambio della pace.
È vero che la fede è un dono, ma come ogni altro dono può essere abbandonato in cantina, coperto di polvere e ragnatele, oppure può essere valorizzato al centro della casa. In questo ventaglio di scelte sta in fondo la libertà dei credenti. Ecco allora che assume un valore diverso e più profondo la parola del Papa che prova a far superare il momento difficile e a far sperare nel futuro, in modo da ricominciare. È curioso come questi due termini – superare e sperare – siano distinti solo da una vocale. Eppure sono indissolubilmente legate dal senso: è solo sperando che si può superare un ostacolo, un momento negativo, una crisi di rapporti. Sperando e superando si può sempre ricominciare, come ha detto Francesco nell’omelia della notte di Pasqua.

Alla speranza però bisogna offrire il giusto contesto. C’è una speranza che poggia sulla roccia della fede e c’è una speranza che poggia sulle debolezze (fragilità è ormai parola fin troppo abusata) umane. Nella primavera scorsa abbiamo sperato nelle capacità delle scienza di mettere a punto un vaccino efficace, poi abbiamo sperato che non fosse nocivo, ora speriamo che lo si possa avere tutti al più presto. È una speranza molto laica, che poggia sulle certezze della scienza e del suo metodo, ma non può andare oltre. Nell’ambito della speranza «laica» sono nascosti anche tanti difetti e tante cadute dell’uomo: la speranza di vincere al gioco, la speranza che un uomo o una donna accettino il corteggiamento, la speranza di una promozione o di un riconoscimento, la speranza che nessuno scopra le mie magagne. È un catalogo vasto quanto vasti sono i modi di mentire dell’uomo a se stesso.

Allora bisogna rifarsi alla speranza che Paolo di Tarso unisce alla fede e alla carità, le «tre cose che ci rimangono», dice l’apostolo, che sottolinea come la più grande di tutte sia la carità. E il pensiero del Papa così si è sviluppato: fra la carità dei vaccini per tutti e la speranza che consente di ricominciare sempre, di compiere quel viaggio verso la Galilea che il Risorto indica ai discepoli ancora increduli. «La Galilea è dunque il luogo della vita quotidiana», ha detto Francesco precisando che «Egli (Gesù) ha piantato la sua presenza nel cuore del mondo e invita anche noi a superare le barriere, vincere i pregiudizi, avvicinare chi ci sta accanto ogni giorno per riscoprire la grazia della quotidianità». E non abbiamo noi tutti – credenti e non – in questo momento un grande bisogno di tornare alla normalità della vita quotidiana? Non è il desiderio più grande vedere riaperti i negozi, andare a scuola in serenità, fare una partita a pallone con gli amici, incontrare chi ci pare, viaggiare e spostarci liberamente?

È strano come non avessimo mai pensato alla «grazia della quotidianità», anzi spesso l’abbiamo confusa e come tale disprezzata associandola al termine routine. «Una monotona e deprimente consuetudine», così i dizionari spiegano la parola routine e così in tanti valutavamo le nostre giornate: «una monotona e deprimente consuetudine». Una considerazione che ha portato alla logica dello sballo e dello sbando. Perché in tanti hanno visto così le loro giornate e trasformato il fine settimana nell’unica interruzione possibile alla monotona e deprimente consuetudine, l’unica via per uscirne, seppure per poche ore.
Se davvero vogliamo ripartire bisogna fondare la speranza su certezze diverse, più profonde e più impermeabili alle difficoltà del momento. Altrimenti ci sentiremo sempre sbandati, avremo sempre bisogno di un nemico con cui prendercela. La politica italiana è un manuale perfetto da questo punto di vista: finché si tratta di parlare male dell’avversario, di contestare i provvedimenti di qualsiasi autorità, è facile e gli attacchi risultano anche convincenti. Quando è necessario passare a costruire non ci sono più argomenti e ogni slogan e ogni trovata comunicativa si mostrano per quello che sono: un’abile costruzione di parole manipolate da esperti il cui unico scopo è di creare il consenso e non di raccontare la verità.
In tanti hanno detto che la pandemia ci avrebbe resi più buoni. Non è accaduto, anzi ci ha resi più aridi. Però stiamo rivalutando la «grazia della quotidianità» e forse questo ci aiuterà a sperare e a superare il tempo difficile. In fondo è questo che alla fine ci interessa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie