Martedì 02 Marzo 2021 | 03:43

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Se anche i migranti vanno via da Puglia e Basilicata

Se anche i migranti vanno via da Puglia e Basilicata

 
L'analisi
Un nuovo Mandrake per rifare conoscenza

Un nuovo Mandrake per rifare conoscenza

 
Il commento
Sindaci costretti dal Covid a fare gli sceriffi

Sindaci costretti dal Covid a fare gli sceriffi

 
L'editoriale
Risparmio poco virtuoso se non accetta il rischio

Risparmio poco virtuoso se non accetta il rischio

 
L'ANALISI
Se l’industria farmaceutica diventa strategica

Se l’industria farmaceutica diventa strategica

 
Il caso
Effetto virus italiani sempre più individualisti

Effetto virus italiani sempre più individualisti

 
La riflessione
Squadra al completo, non ci sono più alibi

Squadra al completo, non ci sono più alibi

 
L'analisi
sindaci

Da 50 sindaci «sfida» a Draghi: dateci i fondi e il Sud riparte

 
L'editoriale
Governare può logorare anche i primi della classe

Governare può logorare anche i primi della classe

 
La testimonianza
La vaccinazione degli anziani può attendere

La vaccinazione degli anziani può attendere

 
Il ricordo
Addio Franco Cassano, un orizzonte oltre le ferite della modernità

Addio Franco Cassano, un orizzonte oltre le ferite della modernità

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

L'analisi

Lolita, città nazional popolare come la Sicilia di Montalbano

Lolita Lobosco, «Quella finta cadenza accende il popolo social»

Orgoglio e pregiudizio. L’eroina peccaminosa Lolita Lobosco segna l’irruzione dell’immaginario di Bari nello spazio nazionalpopolare degli sceneggiati Rai. La fiction liberamente tratta delle opere della scrittrice Gabriella Genisi può aver diviso il pubblico (soprattutto barese), ma ha però centrato l’obiettivo di una produzione volta al pubblico della domenica sera: sedurre sette milioni e mezzo di spettatori, con il 31,8 di share.

La bellezza del paesaggio si è coniugata perfettamente con lo charme della protagonista Luisa Ranieri, e nel complesso risalta con semplicità l’anima di una città: il rapporto con il mare, la gastronomia etnica tra crudo e panzerotti, i modi di dire, il cameratismo femminile tutto improntato alla concretezza, una educazione sentimentale al pragmatismo. La musica di sottofondo è stata la magia dei luoghi, non una cadenza dialettale che ha fatto storcere il naso.

Orgoglio e pregiudizio. Come è stato per gli sceneggiati di Andrea Camilleri in Sicilia, l’affezione per il pubblico è connessa alla geografia dei luoghi, e a una visione meridiana dell’esistenza: i pranzi, le cene, le case, l’accoglienza, i proverbi, le abitudini. Le serie tv trovano forza nello scandagliare i costumi e i riti di una comunità. Il racconto di Lolita è anche questo e il pubblico lo ha apprezzato, al netto di certe legittime critiche.

In passato un racconto più meno vernacolare aveva caratterizzato la narrazione pubblica: era la serie tv di Toti & Tata, che con Filomena coza depurada fustigavano le mollezze della borghesia barese, anche grazie allo sguardo anticonformista del regista e autore Gennaro Nunziante. Ogni puntata era un saggio antropologico tra splendori e decadenza, cadenzato da «mateux» e «Eccheccos». E nessuno al tempo si scandalizzò, tanto che divennero un cult le maglie con le frasi celebri della telenovela barese, e recentemente Toti & Tata sono stati riproposti come brand identitario per spot e campagne addirittura di Puglia promozione.

Un certo tribalismo ha poi fatto anche irruzione nella politica: un claim della campagna elettorale da sindaco di Michele Emiliano era fondato sul «Cha’ffat Emilian», mentre anche Antonio Decaro, con uno spot nel quale compariva la renziana Maria Elena Boschi, spingeva sul tasto dell’identità semplice del popolo barese, tra sorrisi e focaccia.

Restando sul filo tra pop e politica, in tempi in cui non si riesce a praticare una attenzione alla parità di genere (se non strumentale o inutilmente ideologica), Lolita rappresenta una novella eroina femminile, con un personaggio pieno di sfaccettature e debolezze, e con un punto di forza: una chiara valorizzazione dell’intuito femminile nella risoluzione dei casi di cronaca affrontati. Lolita diventa l’archetipo di una donna coraggiosa, sul lavoro con la divisa e nella vita con il tacco 12, che non si smarrisce e alla fine trova sempre la soluzione adatta a rivolgere gli enigmi del suo mestiere.

Oltre orgoglio e pregiudizio. «Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?»: il tic nannimorettiano è una delle chiavi per comprendere le forti critiche di una parte della città che si sente sminuita da una narrazione calibrata sul nazionalpopolare. Ai critici basterebbe ricordare che i tic della baresità popolare e noir impressionarono in positivo addirittura la platea del Festival di Berlino, nel 2000, con il film «Lacapagira». Vent’anni dopo Lolita riporta alla ribalta Bari, nonostante le tifoserie divise sulla produzione televisiva, ma unite nel riconoscere l’appeal della città in una vetrina nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie