Lunedì 26 Ottobre 2020 | 00:04

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 
Il commento
Si vince o si perde tutti insieme

Si vince o si perde tutti insieme

 
L'editoriale
La tentazione del premier e il tandem pugliese

La tentazione del premier e il tandem pugliese

 
La riflessione
Se sono a rischio Natale e San Nicola

Se sono a rischio Natale e San Nicola

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

 
BrindisiL'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

 
Foggiaemergenza Covid
Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnale falsi assembramenti

Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnala falsi assembramenti

 
Batla scorsa notte
Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

 
MateraControlli dei CC
Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

 

i più letti

Il commento

M non tutte le colpe sono di giovani e «covida»

Quel che stiamo vivendo è il temporale che precede l’uragano. Il problema è che bisognerebbe correre ai ripari e invece ci si limita ad aprire l’ombrello, spesso ad aprirlo male

Surano, il Comune annuncia su Fb: «9 giovani turisti positivi al Covid, tutti in isolamento»

Anche l’«epidemiologo» Flavio Briatore, scottato personalmente dal virus, s’è accorto di quanto idiota e pericoloso possa essere il rito della «covida», ovvero l’arte di infettarsi e infettare gli altri, girando di notte, assembrandosi, baciandosi, ballando, bevendo.

Il credo che muove questa smania incontrollata (nel senso che quasi nessuno controlla), potrebbe essere l’infelice uscita che ha reso celebre una siciliana, casalinga tutta unghie : «Non ce n’è di Coviddi».
I numeri dei contagi dicono altro, il Covid è vivo, uccide di meno probabilmente perché colpisce giovani asintomatici che difficilmente finiranno in ospedale, ma hanno buone possibilità di mandarci i loro padri e i loro nonni.

Quel che stiamo vivendo è il temporale che precede l’uragano. Il problema è che bisognerebbe correre ai ripari e invece ci si limita ad aprire l’ombrello, spesso ad aprirlo male.

Qui occorre una breve parentesi: ha fatto scalpore la notizia dei dodici medici e otto infermieri che al pediatrico «Giovanni XXIII» di Bari festeggiavano non si sa bene cosa (un ambìto pensionamento, un compleanno, future nozze, un divorzio?) con baci e abbracci e senza indossare le mascherine. Il direttore generale dall’azienda sanitaria, Giovanni Migliore ha parlato di «comportamento inaccettabile e assolutamente irresponsabile». Parole, beninteso, condivisibili. Il personale coinvolto rischierebbe anche una denuncia penale perché tra un brindisi e l’altro si sarebbe interrotto un pubblico servizio. Migliore ha ragione: «Noi dobbiamo dare l’esempio».

Ed è questo appunto un esempio delle storture provocate dal coronavirus, dal momento che di inaccettabile, nella sanità pubblica ci sono le liste di attesa, i reparti fatiscenti, i pazienti maltrattati, i letti privi di biancheria. È inaccettabile che molte indicazioni per i tamponi avanzate dai medici di base, in Puglia ma non solo, vengano prese in considerazione dai dipartimenti di prevenzione delle Asl dopo mesi. È inaccettabile che l’esito di un tampone - positivo - sia fornito dopo settimane.

È inaccettabile naturalmente che medici e infermieri si abbraccino senza protezione. È inaccettabile che eserciti di ragazzotti/e se ne vadano in giro bocca e naso scoperti senza che nulla accada. È inaccettabile che tanti, troppi adulti e «vaccinati», facciano lo stesso. È inaccettabile che il Viminale «specifichi» che chi fa sport non deve indossare la mascherina, chi fa attività motoria sì, gettando nello sconforto una buona metà dei già confusi italiani ora alle prese con un nuovo rebus burocratese.

È inaccettabile pur solo immaginare che sia meglio morire di Covid che di fame. È inaccettabile che sabato sera, in una Bari assai free, siano state fatte molte più multe ai monopattinisti (che pure quasi sempre se le meritano) delle 19 sanzioni agli untori «no mask».

Prendiamo la guerra, imminente, tra governo e locali pubblici. Importante sarebbe stabilire con precisione quale ruolo deve essere assegnato ai gestori, quali siano le responsabilità dei cittadini, quali presenze e interventi sono richiesti alle autorità, per consentire a chi ha voglia di divertirsi di riprendere i contatti sociali al riparo da ogni rischio. Vietare, in Italia, è facile; far rispettare i divieti è quasi impossibile, soprattutto quando regna la confusione. Come è impossibile pretendere che ognuno si assuma le proprie responsabilità.

Troppo comodo configurare il nuovo untore perfetto di questa fase: il solito banale capro espiatorio dei giovani con i loro viaggi, le loro discoteche, gli inevitabili assembramenti. Si assolvono invece i 50-60enni genitori, con i loro viaggi, le loro discoteche, gli inevitabili assembramenti.
A tutti andrebbe ricordato che qualche ulteriore rinuncia adesso, forse, servirà a evitare un rovinoso lockdown dopo. Tutti dovremmo metterci una mano sulla coscienza e non dimenticare quello che abbiamo vissuto, la penitenza dello stare chiusi in casa per mesi, i camion militari carichi di bare, medici e infermieri allo stremo delle forze, città deserte e spettrali, aziende fallite, padri e madri di famiglia finiti senza lavoro per strada. Occorre avere un grande senso di responsabilità e fare chiarezza. Ecco il difficile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie