Lunedì 21 Settembre 2020 | 02:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

 
L'editoriale
Dopo il voto Puglia e sud si mobilitino per la banda larga

Dopo il voto Puglia e Sud si mobilitino per la banda larga

 
L'analisi
Il gioco degli specchi della politica italiana

Il gioco degli specchi della politica italiana

 
L'editoriale
La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

 
IL PUNTO
Da marzo a settembre la fragilità permanente

Da marzo a settembre la fragilità permanente

 
IL PUNTO
Fari accesi sul tacco. Dalla Puglia dipende tutto

Fari accesi sul tacco: dalla Puglia dipende tutto

 
L'Analisi
Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

 
Il commento
Binario unico addio. Sarà la volta buona?

Binario unico addio. Sarà la volta buona?

 
L'ANALISI
Politica come idee, non come voce del padrone

Politica come idee, non come voce del padrone

 
Editoriale
Referendum, quello che le parole non dicono

Referendum, quello che le parole non dicono

 
L'Analisi
“Dress code” a scuola tra gonne e cravatte

“Dress code” a scuola tra gonne e cravatte

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

Bari calcio, in arrivo Candellone in prestito biennale

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso ad Adelfia
Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

Elezioni 2020, nel Barese scarseggiano le urne di riserva: schede troppo grandi e ingombranti

 
MateraIl caso
Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

Elezioni, fotografano schede votate: 2 denunciati a Matera

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 
HomeIl ritorno del contagio
Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

Coronavirus in Puglia, adesso preoccupa un centro disabili a Foggia

 
NewsweekL'iniziativa
Ferrero sceglie Grotta della poesia e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

Ferrero sceglie Roca (Melendugno) e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

 
BatLa ricorrenza
Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

 
TarantoRiciclaggio
Taranto, auto di lusso sequestrata dalla stradale

Taranto, auto di lusso sequestrata dalla Polstrada

 
PotenzaLa pena inflitta
Stupro a S. Valentino condannato 36enne di Abriola a 6 anni e 6 mesi

Abriola, stupro di S. Valentino: condannato 36enne a 6 anni e 6 mesi

 

i più letti

L'ANALISI

Questa società così schizofrenica

Schizofrenia è parola lugubre e minacciosa. La parlata volgare la usa a casaccio per tamponare vuoti semantici. In medicina indica una psicosi dissociativa, una disgregazione della personalità psichica

Questa società così  schizofrenica

Schizofrenia è parola lugubre e minacciosa. La parlata volgare la usa a casaccio per tamponare vuoti semantici. Da ultimo, però, io stesso mi sono trovato a ricorrere alla parola «schizofreniche» per definire la politica e la cronaca italiane. Soprattutto di questi ultimi tempi. So bene di abusare di un termine medico che indica una psicosi dissociativa, una disgregazione della personalità psichica. Se accogliamo l’interpretazione della società come di un organismo vitale apparentabile a un individuo, scopriremo accettabile l’uso della parola. Perché, dunque, rintraccio nelle vicende attuali del Paese i caratteri dissociati di una psicosi? Qualche esempio, qualche aspetto del caso clinico si possono comodamente desumere dalla attuale situazione socio politica del nostro Paese. 

I responsabili del governo, dico, non un paio di funzionari di periferia, si arrabattano e si sono a lungo arrabattati sulla questione della riapertura delle scuole italiane decisa, testardamente per domani. Si è arrivati alla simbolizzazione di questa data con la ritualizzazione sociale e un caotico, e affollato di protagonisti, marasma in cui sono stati arruolati temi logistici, sanitari, economici e, perfino didattici e culturali. Lo scetticismo ha prevalso sull’ottimismo della volontà condito di patetismi demagogici, apprensioni sanitarie, asperità polemiche e litigi politici. Con scarsa prudenza hanno agito le forze di governo, con scarsissimo senso dello Stato hanno reagito le opposizioni. In che cosa consiste la schizofrenia? Nella separazione tra comportamenti annunciati, condotte proclamate e prassi tristemente antagonistiche del buon senso e della coscienza sociale.

E le scuole, pare, in buona parte non riusciranno ad aprire i battenti, come avrebbe detto De Amicis, lasciando alla disarmate e scarse maestrine dalla penna rossa e ai desolati maestri Perboni il compito terribile di coprire con la loro indiscussa qualità anche le cattedre vacanti di docenti. Ma la cattedra vuota non fa lezione. Neanche ai banchi con posto singolo. Ma non sarebbe bastato segare i banchi doppi? No, non sembra sia stato considerato sufficiente e si son inventate le ruote. Altra schizofrenia: si afferma la semplificazione, la esiguità calcolata delle scolaresche, la riduzione dei tempi e degli orari e non ci si accorge in tempo che non ci sono maestri e professori a sufficienza. Intanto si rodano le rotelle dei banche ruotanti come all’auto scontro e la gioia dei bidelli che faranno più in fretta a pulire le aule per sanificarle. Sempre che siano state occupate durante le lezioni. Ma non sarebbe stato meglio rinviare l’apertura delle scuole al fatidico 1° ottobre? No, non sarebbe stato meglio perché la scuola è la baby sitter della società, ormai.

Altro esempio di schizofrenia. Nelle alte sfere del Ministero degli interni, una dozzina di anni fa, un dirigente altolocato affermò che in Italia esisteva un «indulto quotidiano» e lanciò un allarme criminalità severo in una sede ufficiale che più autorevole non si potrebbe: il Parlamento. La criminalità grande e piccola (ma esiste, poi una differenza?) si avvantaggia ancora oggi di una legislazione e di un sistema giudiziario che sembrano strutturati a bella posta per consentire impunità ai delinquenti e rendere l’operato delle Forze dell’ordine vano nei risultati e frustrante per gli operatori. Tutte le fonti di opinione fanno a gara per esaltare la posizione dei responsabili della sicurezza dei cittadini, non senza condividerne l’inquietudine. Anche quei giornali e quelle fonti di opinione che, poi, per costume, convinzioni politiche, atteggiamenti culturali, danno sempre addosso alla legge e chi la difende irridendo alla richiesta di sicurezza dei cittadini trattati come forcaioli.

Se non è schizofrenia questa! La sinistra ha perso, e non solo le elezioni, per questa ragione, perché non ha saputo e voluto comprendere la mutazione sostanziale del paese in questo senso. E avrebbe avuto il dovere di farlo, non solo il pigro piacere intellettuale, come è abituata. Il dovere. Proprio perché Sinistra, formazione politica, cioè attivata, alimentata, motivata, pur nelle sue plurali varianti e sensibilità, dallo studio della società del suo sentire, della sua cultura, delle sue dinamiche.

Prendiamo i fatti recenti di Colleferro e di Pisticci. I presunti assassini del ragazzo inerme erano straconosciuti da tutti per quello che erano e potevano diventare. Ma nessuno si è preso la briga di provvedere a renderli innocui. Non solo nelle forze dell’ordine, ma, anche tra i cittadini che hanno sopportato, ignorato, tollerato. Schizofrenicamente. Infatti al funerale dello sventurato ragazzo erano in tanti.

I giornali hanno pubblicato le foto di alcuni dei «presunti» stupratori delle ragazzine inglesi nella paese di Pisticci. La stampa non nasconde con tendenziosità rassegnata il suo giudizio su quelle immagini: «C’era da spettarselo!». Ed ecco la schizofrenia: solo tre mesi fa la didascalia a quelle fotografie orribili sarebbe stata pseudo sociologica, insistente sul pittoresco. Oggi sono quasi una denuncia come se didascalia fosse: «Da gente così c’era da aspettarselo».

Ed è cominciata la sindrome schizofrenica: la stessa opinione pubblica che, in stragrande maggioranza reclama il pugno duro per riportare la sicurezza nelle strade, arrivando anche a invocare le ronde di quartiere, alle prime realizzazioni di tutto questo, pavidamente organizza i cortei pacificatori e chiama la polizia. E che? Non lo sapevano anche prima che quando si invoca il pugno duro, qualcuno, poi, finisce per usarlo? La lamentela è endemica e insistente: tutti vogliono sicurezza, ossequio all’ordine, alla disciplina, rispetto delle regole e ossequio alle leggi. Da parte degli altri. Giorni fa ho origliato un dibattito stradale, all’angolo di una via del centro, tra una mezza dozzina di cittadini infervorati nel chiedere tutto questo. Erano appoggiati alle loro auto e motorini parcheggiati in doppia fila sulla corsia preferenziale dell’autobus. E senza mascherine. Tanto, loro non sono gli altri. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie