Lunedì 30 Marzo 2020 | 07:06

NEWS DALLA SEZIONE

l'editoriale
Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

 
Il commento
Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

 
Il commento
Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

 
L'analisi
Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

 
Coronavirus
Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

 
L'analisi
La modernità del papa che prega in latino

La modernità del papa che prega in latino

 
l'editoriale
Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

 
L'analisi
Disobbedienza civile degli inutili idioti

Disobbedienza civile degli inutili idioti

 
l'editoriale
Un atto di giustizia, un fattore di serenità

Un atto di giustizia, un fattore di serenità

 
L'analisi
La rivincita del fato sul fatto tecnologico

La rivincita del fato sul fatto tecnologico

 
Il punto
L'informazione dei giornali non ha prezzo, sostenetela

L'informazione dei giornali non ha prezzo, sostenetela

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceal vito fazzi
Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

 
BariIl virus
Covid 19, altri 4 casi in una Rsa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

Covid 19, altri 4 casi in una Rssa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

 
TarantoIl personaggio
Camillo Pace esorcizza il Covid 19:  con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

Camillo Pace esorcizza il Covid 19: con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

 
PotenzaIl virus
Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

 
Foggiapene inasprite
Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

 
Batnuoto
«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

 
Brindisiemergenza coronavirus
Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 

i più letti

L'analisi

Se il familismo amorale mette a rischio la salute

Ormai è ufficiale: il Coronavirus ce lo stiamo portando noi nelle case nostre, nei nostri luoghi di lavoro, perfino nei luoghi che per eccellenza dovrebbero essere dedicati alla cura, gli ospedali

Foggia, rientra dalla Cina e chiude la sartoria:«Chiudo per 15 giorni per maggiore tranquillità di tutti»

Ormai è ufficiale: il Coronavirus ce lo stiamo portando noi nelle case nostre, nei nostri luoghi di lavoro, perfino nei luoghi che per eccellenza dovrebbero essere dedicati alla cura, gli ospedali. Il virus dell'anno bisesto d'altronde non viaggia col vento ma si espande dai luoghi di contagio a bordo delle persone che incuranti di decreti, leggi, multe e prediche, hanno prima disubbidito alla quarantena prevista per chi proveniva dalle zone rosse e poi più o meno continuato a fare la vita di prima. Come se nulla fosse. La vicenda dell'ospedale di Castellaneta d'altronde è emblematica. Un dirigente medico va fuori regione, torna, e si fa sottoporre a esami chirurgici dai suoi colleghi di lavoro, una parte dei quali ieri risultato positivo ai tamponi. Non si tratta di processare questo o quell'altro – sarà la magistratura prima o poi a fare chiarezza sulle eventuali responsabilità - o di additare al pubblico ludibrio l'untore di manzoniana memoria, con il vecchietto lapidato perché si era permesso di spolverare con un fazzoletto il banchetto della chiesa dove si era recato per assistere alla messa con il professionista sicuro di sé che va a prendere la figlia dal Nord e ritorna col camice addosso, tanto non è a lui.

C'è un comportamento bipolare in noi meridionali davvero incredibile. Passiamo le ore a investigare per capire chi sono i contagiati del giorno, bravi a tracciare meglio delle celle telefoniche parentele-amicizie-comparanze-spostamenti, dicendo ai compagni di chat – che essendo spesso composta da un numero maggiore di 3 persone è paragonabile ad una vera e propria associazione a delinquere – e una volta posato lo smartphone usciamo a farci una passeggiata come se nulla fosse, come se l'emergenza toccasse a qualcun altro, pieni di quel vaccino che mezzo mondo sta cercando di scoprire e brevettare, insensibili alle drammatiche immagini delle decine di bare allineate a Bergamo.

Non capiamo che finirà – perché finirà – anche e soprattutto se adotteremo comportamenti coerenti con la voglia, che abbiamo, di uscire con gli amici, tornare allo stadio, andare a ristorante, gustarci le nostre città, riempirci gli occhi dei paesaggi meravigliosi che la nostra terra sa regalare, andare al lavoro per ritrovare i colleghi di sempre. È difficile tenere a casa i nostri figli, e noi per primi, specie se i nostri numeri dei contagiati sono parecchio inferiori a quelli di altre parti d'Italia e del mondo ma non capiamo se non c'è stata – ancora - l'esplosione temuta è anche perché da dieci giorni a questa parte stiamo vivendo una fase di privazione della libertà personale che altrove è stata adottata quando il virus aveva già allargato la sua maledetta corona e che mai come in questo caso, prevenire è un miliardo di volte meglio che curare. Certo, serve uno sforzo corale e ancor prima occorrono buoni esempi, e quanto accaduto all'ospedale di Castellaneta non pare proprio un caso da imitare. Ma usiamo questo caso – in attesa che se ne definiscano i contorni – per trarne una certezza: nessuno può sentirsi al sicuro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie