Giovedì 09 Luglio 2020 | 13:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Quella voglia matta di tornare alle urne Prima pagina

Quella voglia matta di tornare alle urne

 
Analisi
Se basta un uccellino a far volare via la ferrovia

Termoli-Lesina: se basta un uccellino a far volare via la ferrovia

 
Il punto
La rivoluzione? Stop ai timbri e linguaggio comprensibile

La rivoluzione? Stop ai timbri e linguaggio comprensibile

 
L'analisi
Il luglio caldo della politica tra resistenze e spallate

Il luglio caldo della politica tra resistenze e spallate

 
L'opinione
Covid? Ci siamo illusi. Non siamo migliori

Covid? Ci siamo illusi. Non siamo migliori

 
Il punto
Stop al razzismo, Europa sempre più intransigente

Stop al razzismo, Europa sempre più intransigente

 
L'ANALISI
Il tesoro dei santi medici al tempo della pandemia

Il tesoro dei Santi Medici al tempo della pandemia

 
L' editoriale
Quelle parole di Moro sui rischi della politica factotum

Quelle parole di Moro sui rischi della politica factotum

 
Analisi
Osare significa facilitare la vita

Osare significa facilitare la vita

 
L'Analisi
Siamo tornati nella palude dell’epoca Ante Covid

Siamo tornati nella palude dell’epoca ante covid

 
L'analisi
Menopausa post covid

Menopausa post covid

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaAbusivismo
Potenza, scoperto allaccio abusivo a rete idrica: utilizzati 10 metri cubi d'acqua al giorno

Potenza, scoperto allaccio abusivo a rete idrica: utilizzati 10 metri cubi d'acqua al giorno

 
Bariconsuntivo
Bari Policlinico, bilancio 2019 in «rosso» ma recupera 27 mln rispetto all'anno precedente

Bari Policlinico, bilancio 2019 in «rosso» ma recupera 27 mln rispetto all'anno precedente

 
FoggiaIndagini Gdf
Alberona, gestione familiare appalti comunali: sospesi 2 funzionari Ufficio tecnico

Alberona, gestione familiare appalti comunali: sospesi 2 funzionari Ufficio tecnico VIDEO

 
BatControlli polizia ferroviaria
Trani, sottrae da un vagone del treno martelletti frangivetro: denunciato 17enne insospettabile

Trani, sottrae da un vagone del treno martelletti frangivetro: denunciato 17enne insospettabile

 
TarantoLa firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
Brindisinel Brindisino
Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

 
MateraLa battaglia Legale
Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

 

i più letti

Il commento

Regionali in Puglia fra sardine e pinguini

Il termometro della solidità dell’alleanza di centrodestra e della risposta della politica alla richiesta di rinnovamento che arriva dalle piazze web e dalla «zoopolitica», animata da sardine progressiste e pinguini sovranisti

Regionali in Puglia fra sardine e pinguini

Le regionali dei prossimi mesi saranno il bivio cruciale della politica italiana, la misura della tenuta del governo, il termometro della solidità dell’alleanza di centrodestra e della risposta della politica alla richiesta di rinnovamento che arriva dalle piazze web e dalla «zoopolitica», animata da sardine progressiste e pinguini sovranisti.

Emilia-Romagna e Calabria, e subito dopo Puglia, Campania e Toscana sono dunque i fronti caldi dello scontro politico. L’alleanza di governo che sostiene Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, al momento, non si va ricomponendo in Emilia-Romagna e Calabria: il voto a sorpresa degli iscritti pentastellati su Rousseau, ribaltando le indicazioni del capo politico Di Maio volte a saltare il turno elettorale, ha scombinato i piani del centrosinistra. Tra i grillini è rinata una tentazione identitaria insieme alla volontà di schierare liste equidistanti dalla destra e dalla sinistra. Un pericoloso ritorno alle origini ribellistiche che però mette a repentaglio la solidità dell’accordo nazionale giallo-rosso. In particolare in Emilia-Romagna - regione la cui consultazione è ritenuta «madre di tutte le battaglie» - i sondaggi indicano il governatore uscente dem Stefano Bonaccini e la rivale leghista Lucia Borgonzoni distaccati di una incollatura. E così la partecipazione dei grillini potrebbe sottrarre al centrosinistra i voti necessari alla conferma del politico modenese. In questo contesto arrivano le mediazioni dell’ala progressista del M5S, schierata in funzione di favorire un accordo con i dem, accordo al momento sarebbe sgradito a Di Maio («intese con partiti no, sì con formazioni civiche»): si ipotizza però un patto con l’Emilia-Romagna alla sinistra e una chance ai grillini in Calabria. Ma tutto è in alto mare.

Queste dinamiche nazionali si riflettono anche sulla Puglia dove un accordo tra centrosinistra e Pd consoliderebbe la corsa del candidato progressista (il governatore uscente Michele Emiliano cerca la riconferma con il meccanismo delle primarie, fissate per gennaio). Tutto facile? No. Emiliano preferisce non fare alleanze e il M5S, con la nomina a co-coordinatrice dell’ex ministro Barbara Lezzi, rivendica autonomia e distanze siderali dal governo regionale (a cui chiede chiarezza dopo le ultime inchieste giudiziarie). Intanto si accendono quotidianamente fiammate sulle primarie progressiste: la benzina arriva dai renziani di Italia viva, che considerano i gazebo inadeguati ed Emiliano poco attraente al punto da scegliere il disimpegno. Insomma sulle trattative (sotterranee e pubbliche) a sinistra, non poteva mancare il fantasma dell’ex premier Renzi, che potrebbe ricordarsi dei suoi pregressi dissapori con Emiliano, schierando un candidato governatore autonomo… In Puglia si voterà in primavera e non è da escludere che questo quadro possa essere stravolto con un matrimonio in extremis tra Pd, centrosinistra e M5S, come per il Conte Bis.

Sul fronte opposto il centrodestra non ha ancora individuato il proprio candidato governatore: il pallino è saldamente nelle mani di Giorgia Meloni che dovrà indicare un esponente di Fratelli d’Italia, ma la Lega punta i piedi e chiede «una nuova narrazione» (una velata presa di distanze dalla scelta dell’alleato?). Insomma se Atene piange, Sparta non ride. E dalle piazze digitali e reali si alza una richiesta di partecipazione sotto forma di mobilitazione da «zoo-politica»: per vincere alle Regionali, in contese decise all’ultimo voto, sardine e pinguini avranno un peso inimmaginabile fino a qualche settimana fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie