Martedì 26 Maggio 2020 | 22:53

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
rda i giorni della Storia

Porre fine alla guerra fredda Stato-Regioni

 
L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 
L'Editoriale
l brutto della Fase 2 liberati, ma non liberi

Il brutto della Fase 2: liberati ma non liberi

 
L'analisi
alta velocità

Alta velocità e asili nido: per il Sud è il solito danno

 

Il Biancorosso

Calcio
L’ultima incornata dello Zar Maiellaro. «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

L’ultima incornata dello Zar Maiellaro: «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barimobilità sostenibile
Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

 
TarantoLa tragedia
Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

 
LecceLa decisione
Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

 
Foggiafase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Materadalla polizia
Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

 
Potenzanel Potentino
Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

 
Batil grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
BrindisiAmbiente
Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

 

i più letti

l'analisi

Alla ricerca di un centro di gravità permanente

Il cantiere del centro è affollato. I partiti di nuovo conio se vogliono avere successo devono essere il risultato di un processo e non la condizione

Alla ricerca di un centro di gravità permanente

Il duello tra Matteo Renzi e Matteo Salvini a Porta a Porta non ha nulla di epico. I due leader, per ragioni diverse, si trovano ad occupare spazi di seconda fila: uno spazio modesto per Renzi, molto più ampio quello di Salvini. Ma i due esponenti hanno in comune una dote di capitale professionale: la lunga militanza politica, da quando avevano appena dismesso i pantaloni corti da adolescenti. Renzi ha masticato politica democristiana e post democristiana in famiglia, il leghista ha avuto anche il tempo di assaporare le sirene dell’ideologia comunista nei centri sociali. I due sanno come muoversi, conoscono la tattica soprattutto della intercettazione.

La scelta di confrontarsi in tv in modo plateale risponde a uno schema preciso: azzerare gli spazi intermedi nella grande area che va da un ipotetico centro fino alla destra di governo occupata dalla Lega. La polarizzazione retorica e populistica serve a fidelizzare e a evitare il terzo incomodo in grado di tessere la tela della politica dell’immediato futuro. Perché questo è il tema vero del conflitto politico: chi sarà in grado di tessere la tela estesa dal centro potrà determinare l’agenda politica. Molti indizi, infatti, fanno pensare che la fase del dilettantismo stia per finire. Con il tempo i dilettanti imparano e diventano inesorabilmente casta anche loro. Una cosa è gridare parole e slogan da oppositori e promettere la felicità, altro è dover misurarsi con i complicati problemi del governo.

In politica però, come nella vita professionale e culturale, non si diventa veramente leader senza imparare dai grandi del passato. Senza maestri autentici e riferimenti morali di alto profilo non si entra nel giro della storia. I due Matteo hanno un grave problema: prima Renzi e poi lo stesso Salvini hanno conquistato il potere opponendosi al passato. Il fiorentino ha pensato di crescere decretando la rottamazione degli avversari, il leghista si è avventurato in un percorso solitario che lo ha portato inesorabilmente a sbattere contro i muri che lui stesso aveva alzato. Senza il passato dei grandi uomini della libertà e della democrazia il rischio è di scivolare nel buio della fine della libertà e delle avventure antidemocratiche.

Il cantiere del centro è affollato. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha finora escluso la formazione di un partito da lui guidato. In realtà, i partiti di nuovo conio se vogliono avere successo devono essere il risultato di un processo e non la condizione. Meglio lavorare con quello che c’è, impegnarsi nel comporre relazioni ed equilibri e costruire capisaldi di potere su cui contare. Conte ha molti avversari e non mancano i denigratori. I suoi pregi però non sono da sottovalutare. Difficile trovarlo impreparato. I dossier li studia personalmente e non si accontenta delle sintesi preparate. In questi giorni di scontri e liti per la preparazione della legge di bilancio non si è fatto sorprendere fuori dal campo. Non ha paura di affrontare le asprezze polemiche e le sa rielaborare a suo vantaggio. Un cardinale, nella crisi dell’estate, disse che Conte rappresentava <una trincea>. Da allora l’impressione è che la trincea si sia allargata, o forse si è ristretta quella degli altri.

L’Italia è in stagnazione economica. Purtroppo non abbiamo energie in grado di trascinare in modo esteso e creativo il paese fuori dalle difficoltà. Possiamo contare su personalità nell’impresa, nella scienza e nella tecnica di grande valore, ma si tratta di esempi frequenti e isolati. L’immobilismo economico, il macigno del debito pubblico, la pesante situazione demografica con il crollo delle nascite, lo scoraggiamento dei giovani hanno determinato una caduta rovinosa della qualità della politica. Questo intreccio perverso deve essere risolto perché non si è mai visto un paese riprendere coraggio e mettersi in marcia senza un largo fronte ottimistico e fiducioso delle proprie capacità. Una politica pasticciona, che si accontenta di piccoli aggiustamenti, un ceto dirigente che si lascia sedurre dai regali finanziari, l’uso strumentale della spesa pubblica, rappresentano gravine di depositi maleodoranti nelle quali finiscono anche le buone intenzioni. In tale situazione, qualsiasi tentativo di creare un nuovo centro è destinato al fallimento. Una piccola folla di politici si appella al popolo sperando di conquistarne la mente. E intanto spende il proprio tempo nei tatticismi di potere. All’orizzonte non è apparsa una buona squadra, preparata e leale, pronta alla grande fatica di cooperare con il popolo in modo onesto. Se il popolo è solo uno strumento della demagogia un centro vitale non potrà nascere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie