Martedì 26 Maggio 2020 | 09:04

NEWS DALLA SEZIONE

L'EDITORIALE
Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

Se l’effetto del virus uccide il ceto medio

 
LA SCOMMESSA
Beppe Macchione

Gazzetta, la prospettiva di bene storico culturale

 
LA STORIA
Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

Bari, il ricordo del re delle zip, Claudio Goffredo: la storia continua

 
Il punto
Gli insegnanti vogliono riaperte le scuole

Bar e ristoranti aperti. Scuole e atenei chiusi?

 
L'analisi
Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

Il testacoda del fisco che penalizza merito e lavoro

 
L'analisi
Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

Prime elezioni post-Covid banco di prova per la politica

 
Il ricordo
Piero Manni

Piero Manni, il cuore a Sud di un editore militante

 
L'Editoriale
Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

Quelle parole che cambiano il nostro modo di stare insieme

 
L'Editoriale
l brutto della Fase 2 liberati, ma non liberi

Il brutto della Fase 2: liberati ma non liberi

 
L'analisi
alta velocità

Alta velocità e asili nido: per il Sud è il solito danno

 
L'ANALISI
Aree disseccate dalla Xylella

Sos Salento uliveti ignorati: intere aree desertificate

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
San Severo, blitz dei cc: arresti per usura ai danni di un imprenditore, perquisizioni per armi e droga

Blitz cc a San Severo: usura, armi e droga, arresti e perquisizioni

 
BariL'intervista
Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

Bari, parla Decaro, un anno da sindaco: «Ma il virus ha cambiato tutto»

 
PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da oggi palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

L'analisi

Lo stile di vita europeo tra un danese e un pugliese

Il presidente Conte oggi sarà a Bari per inaugurare l’edizione n. 83 della Fiera del Levante

Tre proposte gelide verso l'Europa

Il presidente Conte oggi sarà a Bari per inaugurare l’edizione n. 83 della Fiera del Levante. Un appuntamento che rientra in una tradizione consolidata, sebbene il contesto sia assai mutato. Un tempo l’apertura della Fiera, con il discorso del presidente del Consiglio, segnava anche la ripresa ufficiale dell’attività politica dopo la pausa estiva. Il giorno dell’inaugurazione era come il 1° ottobre della scuola di una volta. Oggi non c’è più una sosta della politica. Meglio, c’è una sosta formale rappresentata dalla sospensione dell’attività parlamentare – quest’anno più breve del solito per le note vicende – ma nella pratica non c’è tregua.

Un continuum come nella vita, del resto. La logica performante della società contemporanea non permette fermate: quell’idea di interruzione, di pausa, di «feria» dedicata all’otium, come l’avevano immaginata gli antichi romani, non ha più diritto di cittadinanza. Occorre lavorare, produrre e soprattutto essere connessi h. 24, senza lasciare un minimo spazio alla possibilità di porsi domande, magari quelle abusate di sapere chi siamo e perché viviamo. Transeat.

Un anticipo di ciò che dirà Conte oggi all’affollata platea è già presente nell’intervista concessa al direttore De Tomaso. Al premier che tanta stima è riuscito a guadagnarsi a Bruxelles, e in un breve lasso di tempo, verrebbe però da chiedergli qualche informazione su una polemica che si sta aprendo in Europa. La neo commissaria Ursula von der Leyen ha deciso di affidare a uno degli otto vicepresidenti, il greco Margaritis Schinas, la delega per la «protezione dello stile di vita europeo». Sostituirà il connazionale Dīmītrīs Avramopoulos e si occuperà anche di immigrazione. La decisione ha già sollevato un polverone, facendo partire accuse di fascismo verso la von der Leyen, ritenuta una lady di ferro e dalle idee piuttosto conservatrici.

Prima di avventurarsi sul terreno della fantapolitica, immaginando chissà quali scenari in materia di immigrazione, è interessante chiedersi che cosa si intende per «stile di vita europeo». A spanne si potrebbe dire che indica quel modello abbastanza laico, improntato a una tradizione liberista, con radici cristiane e caratterizzato dalla presenza di sistemi democratici. Ma è una classificazione piuttosto blanda e perciò inutile. Allora la domanda è se sia davvero possibile definire uno stile di vita europeo.

Se dobbiamo parlare di come la gente vive, da Oslo a S. Maria di Leuca, e non di una tassonomia ideologica, diventa difficile trovare punti identitari, perché alla fine a questo sembra si voglia arrivare: a marcare un’identità comune da tutelare rispetto a ipotetiche «aggressioni» esterne, costituite evidentemente da identità diverse e di cui supponiamo possano essere portatori i migranti.

Sul piano concreto non si riesce a vedere quale sia, per esempio, lo stile di vita comune fra un pugliese e un danese. Il primo è figlio della cultura dell’olio e del vino, l’altro vive nel burro e nella birra. Uno deve proteggersi dalla luce e dal caldo eccessivi: le sue case sono in tufo, con finestre non molto grandi, dipinte di bianco per respingere i raggi solari; l’altro le fa tutte colorate per difendersi dalla monotonia delle giornate grigie e buie, le costruisce in legno per difendersi dal freddo e dall’umidità delle piogge costanti. Uno sa che i suoi antichi padri erano greci e il suo dire è infarcito di parole che richiamano quella lingua; l’altro ha le origini nella cultura vichinga e nei miti di quei popoli. Uno è abituato a vivere all’aperto, è loquace, curioso, pettegolo, organizza poco del suo tempo potendo contare su una fantasia creativa; l’altro è costretto a vivere al coperto per lunga parte dei suoi giorni ed è quindi silenzioso, programma in ogni dettaglio la vita quotidiana ed è introverso, incline alla tristezza.

Entrambi sono gente di mare e nel loro passato hanno subito invasioni, conquiste e dominazioni che li hanno contaminati e oppressi ma anche fatti sviluppare. Ora hanno deciso di convivere in una «comunità» più vasta, in cui hanno in comune solo la moneta, ma dove mancano ancora una lingua e una spada, perché si possa parlare di una comunità autentica. Allora qual è lo stile di vita che devono proteggere? E da che cosa lo devono proteggere?

La risposta può essere solo una: devono continuare a coltivare le loro diversità e a proteggerle dall’omologazione, dall’appiattimento indotto da quella logica asfissiante che ci chiede di essere iperattivi, ma per soli fini produttivi. Da 83 anni alla Fiera del Levante queste diversità s’incontrano e provano a tessere relazioni – non solo economiche – dentro e fuori dal vecchio Continente, per il bene di tutti.

Forse è questo il vero e forse unico stile di vita europeo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie