Giovedì 22 Agosto 2019 | 08:55

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 
Il punto
Morti e feriti sulle strade come una guerra

Morti e feriti sulle strade come una guerra

 
L'analisi
Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

Quella fretta di dare subito la parola agli elettori

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

L'analisi

Ma a Taranto e Xylella adesso chi ci pensa?

Clima da altoforno e crisi di governo alla vigilia di Ferragosto. Tanto che ora si discute su come e quando far rientrare dalle ferie i parlamentari già da giorni in infradito e costume da bagno

ulivi colpiti da xylella

Diciamocelo: un’estate così calda non si era mai vista. Clima da altoforno e crisi di governo alla vigilia di Ferragosto. Tanto che ora si discute su come e quando far rientrare dalle ferie i parlamentari già da giorni in infradito e costume da bagno.
Più di tutti dovrà faticare Mattarella. La chiave per risolvere questa crisi dovrà trovarla lui. Il percorso più probabile appare il voto della sfiducia in Aula, poi la formazione di un governo ponte e, infine, scioglimento delle Camere ed elezioni, verosimilmente per metà-fine ottobre. Il tutto in un clima di polemiche infernali, con una campagna elettorale che non è mai cessata da quando fu indetto il referendum del 4 dicembre 2016.

Quella data segnò la fine di Matteo Renzi da una parte e dall’altra aprì la strada all’exploit dei 5Stelle e al progetto di Salvini. Ma l’interminabile campagna elettorale sta stancando gli italiani, che ormai sempre in minor numero vanno ai seggi. Non è un buon segnale.

Il futuro è un terreno minato. Incombono le clausole di salvaguardia che prevedono l’aumento dell’Iva: per evitarlo Tria o chi per lui dovrà recuperare da qualche parte 23 miliardi. In più bisognerà predisporre una manovra che incontri i favori di Bruxelles: in questo momento non siamo certo nelle condizioni di alzare la voce. Per di più la preconizzata vittoria di Salvini alle prossime elezioni, che ha commesso l’errore di non far votare la commissaria Von der Leyen, non faciliterà i rapporti con l’Europa. Questo clima avverso al Belpaese ostacolerà l’elezione di un italiano a ruolo di commissario e men che mai potrà aspirare a un portafoglio importante. Da battaglia difficile a missione impossibile.
Sul piano interno resta la tenuta dei conti pubblici il principale problema. Già da ieri lo spread è risalito: sono altri miliardi di interessi da pagare a chi acquista i nostri titoli di Stato.

Tra i guai in arrivo c’è il caso dell’ex Ilva di Taranto. Il Governo aveva cancellato, a partire dal 6 settembre, l’immunità penale concessa fino al 2023, inserendo una norma nel decreto crescita (legge 58/2019, art. 46). Di fronte alle minacce di rinuncia del gruppo francese ArcelorMittal e all’avvio della cassa integrazione per 8.400 dipendenti, il ministro Di Maio era intervenuto e alla fine aveva concesso le cosiddette «tutele a scadenza», cioè una sorta di immunità collegata all’avanzamento delle opere di ambientalizzazione e messa in sicurezza dell’acciaieria. Il provvedimento è inserito nel «decreto legge imprese», approvato nel consiglio dei ministri del 6 agosto, ma non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Se quel decreto non verrà convertito in legge - come sembra più che probabile - che succederà a Taranto?

C’è anche un’altra questione che riguarda l’ex Ilva e cioè la revisione dell’Aia (Autorizzazione integrata ambientale) chiesta dal sindaco Melucci, ben vista dal ministero all’Ambiente e dai 5Stelle, ma impugnata davanti al Tar da ArcelorMittal. Ai tempi della giustizia amministrativa si aggiungerà l’assenza di un interlocutore in grado di affrontare la spinosissima questione, la cui soluzione potrebbe determinare anche la fine della produzione di acciaio in Italia.
Ieri la ministra per il Sud, Barbara Lezzi, ha ricordato che mancano ancora le firme di alcuni ministri per far arrivare finalmente nelle tasche degli ulivicoltori la prima parte dei 300 milioni annunciati da tempo nell’ambito degli interventi per combattere la Xylella. Che succede adesso? Il rischio che quei 300 milioni continuino a restare una promessa buona per tener su convegni e comizi è più che reale.

Di promesse da oggi partirà un’altra stagione: assomigliano sempre più ai supersaldi della pubblicità. Dopo reddito di cittadinanza (a proposito, come e da chi sarà rifinanziato?), assunzioni a valanga tra le forze dell’ordine e nella pubblica amministrazione, flat tax per tutti e via di questo passo, che altro potranno metterci sotto il naso? Ma soprattutto a quante e a quali promesse gli italiani sono ancora disposti a credere? Basterà il mito, sapientemente costruito dalla propaganda salviniana in questi mesi confusi e litigiosi, dell’uomo solo al comando?
Gli italiani per ora se ne vanno per qualche giorno al mare o in montagna. Per la prima volta invece ai parlamentari toccherà accontentarsi dell’aria condizionata di Camera e Senato. Con in più il paradosso di dover stare lì per scrivere la parola fine al loro mandato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie