Martedì 23 Aprile 2019 | 05:53

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

Dove «stanno» i teatri attorno cresce la bellezza

 
L'editoriale
Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

Il fantasma dell'Europa nella vigilia elettorale

 
L'opinione
Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

Cari giovani, caricatevi quest'Italia sulle spalle

 
L'analisi
E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

E a Pasqua si scopre il delitto contro il Sud

 
L'analisi
Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

Nord, Sud e Centro l’orgia del potere

 
Consigli di lettura
Pulce, che favola di bambina!

Pulce, che favola di bambina!

 
L'analisi
Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

 
La riflessione
Lo schiaffo di Tripoli dopo lo schiaffo di Tunisi?

Lo schiaffo di Tripoli dopo lo schiaffo di Tunisi?

 
L'analisi
La web-giustizia altro pericolo per le garanzie democratiche

La web-giustizia altro pericolo per le garanzie democratiche

 
Il punto
Sconnessi per qualche ora, subito in crisi d'astinenza

Sconnessi per qualche ora, subito in crisi d'astinenza

 
Cervelli in fuga
Se il lavoro viene sostenuto soltanto a parole

Se il lavoro viene sostenuto soltanto a parole

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

L'analisi

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Nel “day after” di Notre-Dame, mentre siamo ancora sotto choc per un disastro annunciato che interpella la nostra cattiva coscienza, si può cominciare a riflettere sulle responsabilità che stanno a monte di questo incendio

Ma dopo Parigi non si può bestemmiare in cattedrale

Nel “day after” di Notre-Dame, mentre siamo ancora sotto choc per un disastro annunciato che interpella la nostra cattiva coscienza, si può cominciare a riflettere sulle responsabilità che stanno a monte di questo “assassinio della Cattedrale”, come l’ha definito ieri Il Fatto Quotidiano. Un delitto commesso e reiterato nel tempo da una pluralità di soggetti, più o meno complici di un degrado che durava già da molti anni. Quasi una metafora di un rapporto malato fra noi e la nostra storia, fra noi e il nostro patrimonio artistico e culturale oltreché ambientale. E dunque, anche un’occasione per cercare di correggere magari certi comportamenti e certi errori.

Le prime indagini sull’incendio che ha devastato Notre-Dame, ferendo al cuore Parigi, la Francia e tutta l’Europa, parlano di un “disastro colposo”. Vale a dire involontario, accidentale, determinato da negligenza o imperizia. Ma, al di là del significato che a questo termine attribuisce il linguaggio giuridico e delle assicurazioni della Procura di Parigi che esclude un atto doloso, le colpe in realtà sono ben più antiche e più gravi.
Non è soltanto una questione di sicurezza del cantiere, di misure di prevenzione, di norme elementari di prudenza e di cautela. Questa è una “tragedia dell’incuria”, un’incuria recidiva, sintomo rivelatore di un’incultura della manutenzione che chiama in causa responsabilità individuali e collettive.
Preoccupati come siamo del nostro presente, e in ansia esistenziale per il nostro futuro, non abbiamo abbastanza cura del nostro passato. Non ci occupiamo di conservare, tutelare, salvaguardare quello che abbiamo ricevuto in eredità da chi ci ha preceduto per consegnarlo nelle condizioni migliori a chi ci seguirà. E questo vale per i beni artistici e culturali, ma ancor più per quelli ambientali.
È una mancanza cronica di responsabilità, di fronte a noi stessi e di fronte al prossimo, di fronte alla natura e di fronte alla società. Un deficit che dovrebbe allarmarci molto più di quello economico e finanziario.
Da lungo tempo, ormai, la Cattedrale di Parigi versava in uno stato di deteroriamento e di abbandono. Tanto che, finalmente, erano iniziati i lavori di restauro. Ma, come per una nemesi storica, l’incendio - a quanto pare - è scoppiato proprio nel cantiere appena installato, quasi a punire un’omissione e un ritardo prolungati nel corso degli anni dall’inerzia. E ora, naturalmente, le opere e i costi della ricostruzione saranno ben più onerosi, come sempre accade purtroppo quando manca o difetta la prevenzione.

Si poteva far pagare il biglietto d’ingresso a Notre-Dame per finanziarne il restauro ed evitare questo disastro? Sì, certo, si poteva e si doveva. Magari a titolo di contributo straordinario all’intervento. E così si potrebbe fare pragmaticamente anche per tante chiese, palazzi, monumenti, in Francia o in Italia, che rischiano di cadere a pezzi e per i quali non bastano mai i fondi pubblici a disposizione. Basterebbe che le vestali dell’Arte e della Cultura non si opponessero ogni volta a quella “valorizzazione” dei beni culturali che alle loro orecchie suona come una bestemmia, secondo un atteggiamento ideologico da conservatori che rifiutano pregiudizialmente la modernità.
Ora, per la ricostruzione di Notre-Dame, è già scattata generosamente la gara di solidarietà e i “big del lusso” verseranno 300 milioni di euro che forse avrebbero potuto investire anche prima dell’incendio e del crollo, se fossero stati interpellati e coinvolti. Ma quanto tempo ha dovuto aspettare in Italia Diego Della Valle, patròn di Tod’s e di Fay, per superare gli ostacoli burocratici e avere il permesso di co-finanziare il restauro del Colosseo a Roma? E quanto tempo è trascorso da quando si gridava allo scandalo per le donazioni o le partnership delle banche e dei privati ai musei o alle gallerie d’arte?
In un Paese come il nostro, dotato del maggior numero di siti dell’Unesco al mondo, spesso paralizzato dai veti incrociati di certe Sovrintendenze, non si può certamente conservare e valorizzare questo immenso patrimonio dell’umanità nel segno del consumismo culturale e dello sfruttamento commerciale. Sarebbe il classico rimedio peggiore del male. Ma la dolorosa lezione di Parigi ammonisce a non bestemmiare più in cattedrale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400