Giovedì 27 Giugno 2019 | 12:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

 
L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi: la finanza torna in Regione

Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi: la Finanza torna in Regione

 
FoggiaLaurea magistrale
Foggia, arriva la laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: prima in Italia

Foggia, arriva laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: è la prima in Italia

 
TarantoIl caso
Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

 
PotenzaIl processo
Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

 
MateraSanità
Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

 
LecceIl provvedimento
Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

 
Batomicidio griner
Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 

i più letti

L'approfondimento

Quelle vittime in nome del sogno europeo

Antonio Megalizzi, Valeria Solesin e gli studenti Erasmus della mattanza in Spagna avevano in comune due cose: la morte e l'Europa

Quelle vittime in nome del sogno europeo

Che cosa hanno in comune Antonio Megalizzi, Valeria Solesin e gli studenti Erasmus della «mattanza in Spagna»? Certamente due cose: la morte e l'Europa.
Proviamo a ragionare, con sentimenti di profonda ammirazione e gratitudine, partendo proprio dalla morte del giovane collega stroncato a Strasburgo dalla mano assassina del terrorista Cherif Chekatt. Antonio, giovane e brillante giornalista radiofonico con le idee ben chiare a tal punto da voler in maniera ostinata raccontare il sogno europeo con il microfono di Europhonica, non ha avuto dubbi nell’affermare che l’Europa è necessaria perché «lo dice la Storia. Le alternative sono inimmaginabili ed essenzialmente tragiche».


Affermazione che trova ispirazione dal suo Dna dove era scolpito il suo status di indomito appartenente alla «generazione Erasmus». Già questo, non solo nell’attuale momento storico, lo annovera tra i padri nobili e fondatori dell’Unione europea avendo avuto il coraggio di rafforzare il sogno europeo.
Un progetto che, al netto dei correttivi necessari da apportare, continua ad assicurare la pace nel Vecchio continente da oltre 70 anni. Il Premio Nobel conferito nel 2012 ai cittadini europei è un faro da non spegnere.
Lo stesso presidente Sergio Mattarella, europeista credibile e convinto, ha fatto sapere che: «Il sogno di Antonio Megalizzi è il sogno di molti di noi. Per un’Europa libera, unita, pacifica e aperta. La sua morte insensata ci colpisce tutti. Onoreremo la sua memoria con un impegno ancora maggiore per realizzarlo».


Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo da Assisi capitale mondiale della Pace, ha precisato: «L’omicidio di Antonio Megalizzi e di altre vittime innocenti a Strasburgo deve farci riflettere: è un odio forte contro l'Europa, contro la convivenza civile, contro la nostra democrazia». E allora non si vanifichi il sacrificio di questo ragazzo dell'Europa con il sorriso contagioso e l'entusiasmo di chi crede nel valore del giornalismo. Quello al servizio dell'Altro. La missione di Antonio di fondare una radio europea composta di giovani e di studenti di ogni Paese, con sede a Bruxelles, va alimentata per poter rendere attori principali proprio i ragazzi primi verificatori e narratori delle palpitazioni degli stati aderenti al progetto europeo.
Quel progetto che tanto Valeria Solesin - la ricercatrice veneziana uccisa il 13 novembre del 2015 durante l’attentato al Bataclan di Parigi - quanto i tredici studenti Erasmus (sette erano italiani e morirono nell'incidente del pullman su cui viaggiavano il 20 marzo 2016 in Spagna) hanno onorato grazie alle coordinate della ricerca e dello studio. Forme di cultura che profumano di Pace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie