Martedì 19 Marzo 2019 | 16:17

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 
L'analisi
Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

Il piano crescita e la campagna elettorale permanente

 
L'editoriale
Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

Attenzione a non tifare per la decrescita infelice

 
L'analisi
Comincia su un treno la morte del Sud

Comincia su un treno la morte del Sud

 
La riflessione
Le reprimende del garante per i malanni del fisco

Le reprimende del garante per i malanni del fisco

 
L'analisi
Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

Il mondo gira, l’Italia e il Sud non stiano a guardare

 
La riflessione
L’Italia a due velocità: il passato che non passa

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

 
L'analisi
Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

Le emergenze planetarie non sono «sovraniste»

 
L'analisi
Aldo Moro (1916-1978)

La democrazia operante ha bisogno dei giornali

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
"Tanti auguri Ciccio e non mollare"I primi 40 anni di super Brienza

"Tanti auguri Ciccio e non mollare"
I primi 40 anni di super Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
BariL'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Il punto

Antidoti della scienza
e veleni della politica

«Meglio tardi che mai. Alla fine l’importante è che sia stata presa una decisione che va nel segno della scienza. Quanto tempo perso, però. E quanta inutile aria alla bocca»

vaccino

Vaccini, indietro tutta. La maggioranza di governo, stretta d’assedio, soprattutto da medici e presidi, ha deciso di rimangiarsi un cavallo di battaglia della campagna elettorale pentastellata e sembra intenzionata a confermare l’obbligo delle vaccinazioni per poter frequentare la scuola. Anche se la prescrizione della legge Lorenzin non era mai stata cancellata.

C'era stata, però, una circolare del ministro della Salute, Giulia Grillo, e del titolare dell’Istruzione, Marco Bussetti, che prevedeva di poter continuare a presentare anche per il nuovo anno scolastico, 2018-2019, l’autocertificazione sostitutiva invece dei certificati originali di vaccinazione. Dopo le diffuse proteste e gli imbarazzi della Lega, con una nuova proposta, si era giunti a una soluzione di compromesso. Ma, come molto spesso accade ai compromessi, si era trattato di un rimedio che sfiorava il ridicolo: «L’obbligo flessibile». Nonostante le tante arrampicate sugli specchi per spiegare una «ratio» che in realtà non poteva avere, la soluzione proposta ha scontentato tutti, sia i favorevoli che i contrari ai vaccini, i cosiddetti «no vax».
Alla fine, la svolta, o così pare. Un emendamento al Milleproroghe dovrebbe ribadire l’obbligo delle certificazioni per accedere in classe.
«Nei confronti della scienza non possiamo esprimere diffidenza», commenta, finalmente sollevato, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
Che dire? Meglio tardi che mai. Alla fine l’importante è che sia stata presa una decisione che va nel segno della scienza. Quanto tempo perso, però. E quanta inutile aria alla bocca. Perché, se è vero che tra noi pochi sono scienziati e possono parlare con cognizione di causa sull’argomento vaccini, è però altrettanto vero che se la scienza arriva a una determinazione certa, è il caso di starla a sentire. A ognuno il suo mestiere. Allo scienziato quello dello scienziato, e al politico quello del politico. Altrimenti qualcuno, domani, potrebbe alzarsi dagli scranni di Montecitorio e affermare che «la terra è piatta». Cerchiamo di non renderci patetici. Certo, questa è l’epoca dei «leoni da tastiera» che sui social affermano con categorica certezza e sicumera le affermazioni le più prive di senno e senso, per non parlare delle offese e violenze verbali. Ma il sapere non si forma «on line», non è vero quello che, dall’alto dell’ignoranza più abissale, molti sciagurati diffondono in rete. È il caso di tornare al sapere tradizionale, quello basato sullo studio, sulla ricerca e sulla competenza settoriale. E, soprattutto, prima di parlare è il caso di connettere il cervello con la bocca.
Questa volta ci è andata bene: i nostri figli eviteranno di tornare da scuola contagiati con una pericolosa malattia. Ci preoccupa però il futuro. Troppe «scie chimiche» ci hanno annebbiato il cervello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400