Mercoledì 26 Giugno 2019 | 17:51

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVandalismo
Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

 
FoggiaLa lettera agli assassini
Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

 
TarantoLe aggressioni
Manduria, botte e calci all'anziano per condividere i video sui social: le azioni della baby-gang

Manduria: «È diventato pazzo il triplo», così il branco derideva il disabile

 
LecceL'inchiesta
Scorrano, c’è l’ipotesi scioglimento per il Comune

Mafia, a Scorrano ipotesi scioglimento del Comune. Interdetta la ditta dei fuochi

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

L'opinione

Un'estate italiana, così calda, così sfigata

«L’esplosione in autostrada, il ponte di Genova crollato, i morti nel Parco del Pollino [...] Eppure il Paese di guai già ne aveva: la manovra, i migranti, l’Ilva...»

Genova, via la concessione a AutostradeTre ministri:stop e  multa da 150 milioni

Di una stagione così carica di morti e tragedie ne avremmo fatto volentieri a meno. In altri tempi qualcuno si sarebbe messo a cercare lo iettatore e magari l’avrebbe pure trovato. L’esplosione in autostrada, il ponte di Genova crollato, i morti nel Parco del Pollino, per non parlare dei violenti nubifragi e delle scosse di terremoto. A questo Paese baciato dalla sfiga servirebbero cornetti e ferri di cavallo della misura di Polifemo. Anche se rifugiarsi nella superstizione non aiuta a capire che cosa accade né di chi siano le responsabilità.
Eppure il Paese di guai già ne aveva: la manovra, i migranti, l’Ilva, solo per citare quelli più divisivi all’interno della maggioranza di governo. 

E sono ancora tutti lì, con l’esplosione della questione migranti, che se fa volare Salvini nei sondaggi, porta pure l’Italia su una strada che non si sa dove arrivi. Le maleparole intercorse fra il presidente della Camera, Roberto Fico, e il ministro nonché vicepresidente del Consiglio non sono una lezione di buona politica. Sono come due genitori che litigano davanti ai figli: che rispetto potranno sperare di avere in futuro?
Demolire il senso delle istituzioni è un gioco pericoloso che può fare solo male. Non a caso il nostro ordinamento tutela in maniera particolare il Capo dello Stato o un «Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o una sua rappresentanza, o una Autorità costituita in collegio» quando le parole si trasformano in offese. In questi giorni siamo sommersi da parole inappropriate pronunciate da chi forse dovrebbe sperimentare le virtù terapeutiche del silenzio.
Non si sa se tutta questa violenza polemica sia solo ideologica o non serva a nascondere l’incapacità di risolvere questioni importanti. A Taranto - ma non solo là - non hanno ancora capito che fine farà l’Ilva. Sembra di vivere in una situazione surreale con il ministro Di Maio che parla di «delitto perfetto» (a proposito di parole inappropriate) per indicare che la vendita del siderurgico presenta anomalie ma che non si può annullare. Ma dopo 24 ore fa un passo indietro e dice che l’annullamento della gara non è questione chiusa. Che vuol dire? Non si può giocare con il destino di 14mila operai e con il futuro di un’azienda rilevante per l’intero sistema produttivo nazionale. Certo, è difficile tradurre in realtà le (avventate) promesse fatte in campagna elettorale. Perché quando sei nella stanza dei bottoni la realtà cambia. È come guardare il mondo da un aereo invece che stando per terra.
L’Ilva è una questione maledettamente seria e che a Genova diventa una tragedia nella tragedia. L’impianto si trova a dover fare i conti anche con la viabilità disastrata dopo il crollo del ponte Morandi. Già il ponte. Non bastava il suo carico di morti innocenti. Ha fatto scoperchiare anche un’altra questione inestricabile: le privatizzazioni, come se non ci fossero già abbastanza punti di disaccordo a tenere unita questa singolare maggioranza fondata solo se stessa.
Alla gente comune importa poco se le autostrade devono avere una proprietà pubblica o privata: l’importante è che siano ben tenute e sicure. È la saggezza popolare anche di un vecchio timoniere come Mao Tse Tung: non importa se il gatto è bianco o nero, l’importante è che prenda i topi.
Invece, anche nel caso del ponte si parla a sproposito. Anzi si danno i numeri: il ponte sarà ricostruito in 6 mesi fu detto all’indomani della tragedia. Ponte in 8 mesi, corresse opportunamente il presidente della Regione Liguria che ieri però ha annunciato che solo per rimuovere le macerie del preventivato abbattimento totale occorrerà un anno. E per rifarlo chissà quanto, tenendo conto degli immancabili ricorsi: dal Tar fino all’Onu.
Quel ponte è troppo importante per Genova, per la sua identità e per i traffici del suo porto. Per rifarlo occorrono tempo e competenze. Eppoi: come rifarlo? Dove rifarlo? Alla luce del traffico che si è sviluppato, quante corsie dovrà avere? Ancora, una questione sottovalutata, ma che pure ha la sua importanza: quel ponte che ha segnato l’esistenza di centinaia di migliaia di persone per 50 anni va completamente cancellato? D’un tratto come non fosse mai esistito? Non è solo dare un colpo di spugna al volto della città, di cui nel bene e nel male era diventato uno dei simboli, ma è anche cancellare i ricordi, i sentimenti, il vissuto che vi era legato. A chi ha perso una persona cara, la casa con tutto quello che significa, si vuole togliere anche questo ricordo?
Negli altri Paesi in questi casi si apre un dibattito pubblico (una volta tanto la Rete potrebbe avere la sua importanza) perché non si può fare violenza a chi una terribile violenza l’ha già subita.
Sì è vero, è proprio un’estate sfigata

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie