Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 02:02

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«Controregola», l'inno alla libertà nel nuovo progetto della lucana Rosmy

«Controregola», l'inno alla libertà nel nuovo progetto della lucana Rosmy

 
Il riconoscimento
Il 2021 parte alla grande per i Boomdabash: «Don't worry» è disco d'oro

Il 2021 parte alla grande per i Boomdabash: «Don't worry» è disco d'oro

 
L'intervista
Da Foggia all'Ariston l'anima di Gaudiano: «Sanremo? Il mio calcio di rigore»

Da Foggia all'Ariston l'anima di Gaudiano: «Sanremo? Il mio calcio di rigore»

 
Nuove uscite
«Rifiorire dentro», il brano della salentina Greta Portacci è un inno alla libertà di amare

«Rifiorire dentro», il brano della salentina Greta Portacci è un inno alla libertà di amare

 
nuove uscite
«Stanco della gente»: il barese Daniele Lanave torna con il nuovo singolo che invita a guardare il futuro

«Stanco della gente»: il barese Daniele Lanave torna con il nuovo singolo che invita a guardare il futuro

 
Musica
Erica Mou canta «Soldi» di Mahmood con «inserti» in barese: il risultato fa impazzire il web

Erica Mou canta «Soldi» di Mahmood con «inserti» in barese: il risultato fa impazzire il web

 
Il video
«La vita è un sogno»: visioni dantesche con i Tamburellisti di Torrepaduli

«La vita è un sogno»: visioni dantesche con i Tamburellisti di Torrepaduli

 
Musica
«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

«Era bella»: il video del salentino Manu Funk è una storia d'amore vista da un acquario

 
Il disco
Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

Quell'antica Puglia musicale che fece la «napoletana»

 
La notizia
È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

È di Roberto Ottaviano il miglior cd del 2020

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Cultura e spettacolo

La «Taranta» raccontata da Cannizzaro

Il regista racconta genesi e curiosità sulla pellicola ora online

Pietro Cannizzaro

"La Notte della Taranta e dintorni” ritorna a Parigi. Sarà in streaming online fino al 20 giugno, su iniziativa dell’Istituto di Cultura diretto da Fabio Gambaro, il film di Pietro Cannizzaro che racconta la pizzica salentina all’ombra del convento degli Agostiniani di Melpignano. In un montaggio veloce e ritmato si rivivono le emozioni della Notte della Taranta nel passato, attraverso la musica e le parole di Uccio Aloisi, Claudio “Cavallo” Giagnotti, Cesare Dell’Anna, Cinzia Villani e molti altri. «L’unico personaggio che non è musicista - chiarisce il regista - è da sempre la mia guida e il mio riferimento nel Salento: Maurizio Nocera». Nel Salento ha girato oltre che “La Notte della Taranta e dintorni” anche “Ritorno a Kurumuny”, “Ritratti dal Salento” e “Tradinnovazione - Una musica global”.

Cannizzaro, come nasce l’iniziativa?

«Il documentario fu presentato all’Istituto di Cultura a Parigi già nel 2016, in una serata franco-salentina, cui prese parte anche Daniele Durante. In questo periodo, per via del coronavirus, questo modo di comunicare è sempre più diffuso. Il film ha 20 anni e non è stato mai dimenticato, anzi è diventato un cult nell’ambito dei film musicali».

Perché pensa che il film abbia avuto tanto successo?

«È stato il mio terzo lavoro nel Salento, che ho scoperto negli anni ‘90. Allora non era il Salento che conosciamo oggi, altrove le persone lo confondevano con il Cilento. Uno dei motivi del successo potrebbe essere che il Salento è diventato “alla moda”. Certo, all’epoca c’erano 30mila persone alla Notte della Taranta, ma aveva comunque una connotazione più locale di adesso. Ora tutto si è trasformato: abbiamo Belen che presenta un format televisivo. E guardando il mio film, la gente torna a sentire l’atmosfera del passato, quella dell’improvvisazione positiva. Quando sono venuto a girare il film, non mi si dava neppure retta, con l’eccezione della Provincia con Luigi De Luca, che quando è nata l’Apulia Film Commission citava il mio film come uno dei primi ad aver dato un contributo alla conoscenza internazionale della pizzica. Inoltre, la pellicola viene oggi riscoperta perché racconta una Notte della Taranta che non c’è più - e ognuno può dare un significato diverso al cambiamento».

Uccio Aloisi non fu sul palco nel 2001, ma è stato incluso nel film.

«Avevo intuito che Aloisi fosse un personaggio che esprimeva molto. Il mio non è un film solo sulla serata finale, ma sulle interpretazioni di un fenomeno, infatti Uccio apre e chiude la pellicola».

Uccio non c’è più insieme ad altri personaggi del film, come Pino Zimba.

«Naturalmente ho un ricordo personale di queste persone. Zimba lo ricordo sanguigno, tutto musica e tamburello. Sarà che ho inserito queste persone in diversi film e rappresentano qualcosa di importante per me: è come se ci fossero ancora, come fossero ancora in vita».

Pensa di tornare nel Salento per ragioni artistiche?

«Per i pasticciotti. In realtà, avevo un progetto che riguardava in qualche modo l’etnomusicologo Alan Lomax, ma è fermo. Spero di trovare presto un’occasione per tornare. Ho frequentato il Salento da regista dalla metà degli anni ‘90 fino ai primi 2000, il che non è usuale. Una volta proiettammo il film alla Cineteca di Milano: erano convinti che fossi salentino e chiamarono Edoardo Winspeare per rintracciarmi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie