Venerdì 24 Maggio 2019 | 06:01

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Gli anziani vanno coinvolti nelle scelte

Nella nostra cultura collettiva per lo più si pensa all’anziano come a un soggetto che vive nella solitudine e che ha bisogno di essere aiutato perché ha dei problemi da risolvere. Marco Porcio Catone (234-149 aC), nel “Cato maior de senectute” di Cicerone (106-43 aC), afferma che la vecchiaia, essendo un’inevitabile tappa della vita, non va vista in modo negativo ma accettata con serenità e nella quale si possono utilizzare armi come la conoscenza e l’esercizio della virtù. Il teologo Romano Guardini (1885-1968) ne “Le età della vita” parla di una quarta fase, tra la maturità e la vecchiaia, in cui subentra la cosiddetta “crisi del distacco”, in cui l’uomo acquisisce la consapevolezza della caducità delle cose per cui continua sì svolgere i propri compiti, ma senza passione e spontaneità. Diversamente dal pensiero consolidato nella realtà politica e sociale, credo che la persona anziana debba essere partecipe alla collettività integrata insieme ai giovani e agli adulti, cogliere l’opportunità di rinnovare entusiasmi e desideri e recuperare una continua conoscenza di sé e disponibilità verso gli altri.

Mario Conforti, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400