Sabato 16 Febbraio 2019 | 01:05

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

Gli anziani vanno coinvolti nelle scelte

Nella nostra cultura collettiva per lo più si pensa all’anziano come a un soggetto che vive nella solitudine e che ha bisogno di essere aiutato perché ha dei problemi da risolvere. Marco Porcio Catone (234-149 aC), nel “Cato maior de senectute” di Cicerone (106-43 aC), afferma che la vecchiaia, essendo un’inevitabile tappa della vita, non va vista in modo negativo ma accettata con serenità e nella quale si possono utilizzare armi come la conoscenza e l’esercizio della virtù. Il teologo Romano Guardini (1885-1968) ne “Le età della vita” parla di una quarta fase, tra la maturità e la vecchiaia, in cui subentra la cosiddetta “crisi del distacco”, in cui l’uomo acquisisce la consapevolezza della caducità delle cose per cui continua sì svolgere i propri compiti, ma senza passione e spontaneità. Diversamente dal pensiero consolidato nella realtà politica e sociale, credo che la persona anziana debba essere partecipe alla collettività integrata insieme ai giovani e agli adulti, cogliere l’opportunità di rinnovare entusiasmi e desideri e recuperare una continua conoscenza di sé e disponibilità verso gli altri.

Mario Conforti, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400