Venerdì 07 Agosto 2020 | 20:58

Il Biancorosso

serie c
La C del Bari sarà da brividi grandi firme nel girone Sud

La C del Bari sarà da brividi: grandi firme nel girone Sud

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVTurismo
«Monopoli, la tua vacanza inizia da qui»: presentato il video promozionale

«Monopoli, la tua vacanza inizia da qui»: presentato il video promozionale

 
TarantoL'appello
Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

Taranto, Confindustria scrive a Turco: «Tessile, rilanciare Made in Italy»

 
MateraNel materano
Farrandina, sono positivi al Covid tre migranti dei 9 in fuga da Centro accoglienza

Ferrandina, positivi al Covid tre migranti tunisini in fuga da Centro accoglienza

 
Potenzala denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Leccegiornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
Batl'evento
Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

Trani, l'11 agosto appuntamento con Neri Marcorè tra cinema, canzoni e imitazioni

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

Ceglie Messapica: banditi rapinano banca in pieno giorno, via con il bottino

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Gli anziani vanno coinvolti nelle scelte

Nella nostra cultura collettiva per lo più si pensa all’anziano come a un soggetto che vive nella solitudine e che ha bisogno di essere aiutato perché ha dei problemi da risolvere. Marco Porcio Catone (234-149 aC), nel “Cato maior de senectute” di Cicerone (106-43 aC), afferma che la vecchiaia, essendo un’inevitabile tappa della vita, non va vista in modo negativo ma accettata con serenità e nella quale si possono utilizzare armi come la conoscenza e l’esercizio della virtù. Il teologo Romano Guardini (1885-1968) ne “Le età della vita” parla di una quarta fase, tra la maturità e la vecchiaia, in cui subentra la cosiddetta “crisi del distacco”, in cui l’uomo acquisisce la consapevolezza della caducità delle cose per cui continua sì svolgere i propri compiti, ma senza passione e spontaneità. Diversamente dal pensiero consolidato nella realtà politica e sociale, credo che la persona anziana debba essere partecipe alla collettività integrata insieme ai giovani e agli adulti, cogliere l’opportunità di rinnovare entusiasmi e desideri e recuperare una continua conoscenza di sé e disponibilità verso gli altri.

Mario Conforti, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie