Domenica 20 Gennaio 2019 | 14:36

LETTERE ALLA GAZZETTA

L’elezione del magnate il male minore

Trump è lo specchio dell'Americano nella sua vera essenza, quella di chi si è fatto da solo lottando contro tutto e tutti, come i primi Pionieri!..
Lui vuole chiudere la porta agli estranei, difendendo i confini dai clandestini e dagli indesiderati!... Lui è contro la Sanità gratis per tutti, è favorevole alle armi per la legittima difesa, protende per le fonti energetiche fossili anziché quelle pulite e rinnovabili, vuole ridare vita alle produzioni manifatturiere, specie a più alto valore aggiunto, quasi tutte delocalizzate in nome della Globalizzazione, è amico di Putin e come la maggioranza degli Americani non è colto ma predilige gli aspetti più materiali della vita!... Insomma la sua elezione, meno voluta dei cittadini delle grandi città, è una questione tutta Americana!...
Le Borse, passata la tempesta, si stanno rianimando e quindi possiamo pensare che l'elezione di Trump sia alla fin fine il male minore e che un futuro migliore possa iniziare per tutti, specie per quelle Nazioni dove la povertà e le guerre determinano quei flussi migratori di massa non sopportabili ancora per molto tempo e che sono anche causa di dissapori, specie tra le Nazioni Europee!... Il Papa, infine, con la sua autorevolezza morale potrà dare un contributo importante a questa svolta dell'Umanità!...
Speriamo bene per tutti!

Fausto Binetti, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400