Domenica 26 Gennaio 2020 | 13:26

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BatLa storia
Barletta, Antonella e il suo giro per il mondo a piedi e in bici: il viaggio nel sangue

Barletta, Antonella e il suo giro per il mondo a piedi e in bici: il viaggio nel sangue

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
GdM.TVAttentato
San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Ai terrremotati roulotte e camper

Credo di poter affermare senza tema di smentita che tutti in Italia sapevamo che l’Umbria, le Marche, l’Abruzzo erano soggette a scosse sismiche. Basti ricordare il terremoto di sette anni fa a L’Aquila.
All’uopo voglio menzionare i sismi che ci sono stati nel passato: Verona (3 gennaio 1117), 30.000 morti; Catania (4 febbraio 1169), 20.000 morti; Carinzia e Friuli (25 gennaio 1348), 10.000 morti; Molise e Sannio (5 dicembre 1456), 30.000 morti; Nicastro (oggi Lamezia Terme), Calabria (27 marzo 1638), oltre 10.000 morti; Val di Noto, Sicilia orientale (11 gennaio 1693), 60.000 morti; Irpinia e Basilicata (8 settembre 1694), 6.000 morti; Montemurro, Messina e Reggio Calabria (5 febbraio 1783), 50.000 morti; Basilicata (16 dicembre 1857), 12.000 morti; Calabria tirrenica centrale, Calabria (8 settembre 1905), 557 morti; Reggio Calabria e Messina (28 dicembre 1908), 100.000 morti; Avezzano, Abruzzo (13 gennaio 1915), 33.000 morti; Irpinia e Basilicata (23 novembre 1980), 2.914 morti.
Provvisoriamente sono state piazzate delle tende, ma credo sarebbe stato sufficiente richiedere le roulotte ed i camper giacenti, che sono migliaia, ai proprietari che penso sarebbero corsi nei paesi di Amatrice, Accumoli, ecc. per donarle momentaneamente, affinchè i sopravvissuti potessero avere una buona sistemazione ed aspettare con fiducia l’arrivo dell’inverno e la ricostruzione dei loro paesi.

Silvio Panaro, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie