Domenica 24 Gennaio 2021 | 17:48

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Foggia, focolaio Covid in casa di risposo con 18 positivi: 14 pazienti e 4 operatori

Foggia, focolaio Covid in casa di riposo con 18 positivi: 14 pazienti e 4 operatori

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Ai terrremotati roulotte e camper

Credo di poter affermare senza tema di smentita che tutti in Italia sapevamo che l’Umbria, le Marche, l’Abruzzo erano soggette a scosse sismiche. Basti ricordare il terremoto di sette anni fa a L’Aquila.
All’uopo voglio menzionare i sismi che ci sono stati nel passato: Verona (3 gennaio 1117), 30.000 morti; Catania (4 febbraio 1169), 20.000 morti; Carinzia e Friuli (25 gennaio 1348), 10.000 morti; Molise e Sannio (5 dicembre 1456), 30.000 morti; Nicastro (oggi Lamezia Terme), Calabria (27 marzo 1638), oltre 10.000 morti; Val di Noto, Sicilia orientale (11 gennaio 1693), 60.000 morti; Irpinia e Basilicata (8 settembre 1694), 6.000 morti; Montemurro, Messina e Reggio Calabria (5 febbraio 1783), 50.000 morti; Basilicata (16 dicembre 1857), 12.000 morti; Calabria tirrenica centrale, Calabria (8 settembre 1905), 557 morti; Reggio Calabria e Messina (28 dicembre 1908), 100.000 morti; Avezzano, Abruzzo (13 gennaio 1915), 33.000 morti; Irpinia e Basilicata (23 novembre 1980), 2.914 morti.
Provvisoriamente sono state piazzate delle tende, ma credo sarebbe stato sufficiente richiedere le roulotte ed i camper giacenti, che sono migliaia, ai proprietari che penso sarebbero corsi nei paesi di Amatrice, Accumoli, ecc. per donarle momentaneamente, affinchè i sopravvissuti potessero avere una buona sistemazione ed aspettare con fiducia l’arrivo dell’inverno e la ricostruzione dei loro paesi.

Silvio Panaro, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie