Sabato 16 Febbraio 2019 | 12:01

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
TarantoIn via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
MateraComune
Da Matera all'Aeroporto con bus navetta: siglato accordo

Da Matera all'Aeroporto di Bari con bus navetta: siglato accordo

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
LecceIn via Giammatteo
Lecce, si fingono poliziotti e rapinano ristoratore: via con la fuoriserie

Lecce, si fingono poliziotti e rapinano ristoratore: via con la fuoriserie

 
BariRunning heart
Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la Corsa del cuore

Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la corsa del cuore

 
BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

Licenziati cioè condannati a morte

In Italia c’è la pena di morte. A Foggia, una ventina di “furbetti del cartellino” sono stati licenziati. Al di là di facili ed ipocriti moralismi, chiediamoci se la pena è congrua al reato. In un Paese dove conosciamo bene le reali pene che scontano assassini, rapinatori, ladri, grandi corrotti e corruttori, dove le carceri si svuotano di delinquenti, dove chi ti ha rubato l’auto il giorno dopo la sentenza è in libertà per rubare altre auto, in questo Paese i furbetti del cartellino vanno certamente sanzionati, anche con pene durissime, ma non con il licenziamento. In una città come Foggia, al giorno d’oggi, un licenziamento equivale ad una condanna a morte.

Francesco Berardino, Foggia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400