Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 07:53

NEWS DALLA SEZIONE

Giornata mondiale dell'osteoporosi

 

«Cipolla, lacrime, sapori e salute

 
INDAGINE EIKON GILEAD E 66 PREMI DEI BANDI GILEAD

Innovazione tra tecnologia, ricerca e comunità

 

Terapia a base di cellule staminali: Takeda Italia vince premio per innovazione

 

Premio giornalistico «Riccardo Tomassetti»

 

Nel diabete, «l'occhio vuole la sua parte»

 

«Silver Generation» over 65: internet è il mio mestiere, ma l'udito no

 

Lenti intraoculari di ultima generazione

 

Diabete di tipo 2

 

Tubercolosi: in Italia 12 ammalati al giorno, 350 morti l'anno

 

Atrofia muscolare spinale: da diagnosi a quasi morte certa a diagnosi con terapia

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più visti della sezione

i più letti

Nuova era in medicina di laboratorio

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Precisione, prevenzione e personalizzazione la caratterizzano grazie al raggiunto alto valore tecnologico.

Individuazione precoce delle patologie in stadio asintomatico e personalizzazione delle terapie: queste alcune delle sfide più importanti alla base della medicina di laboratorio, la cui spesa non supera il 2% del budget totale e che è ritenuta, all’interno del sistema sanitario, uno dei volani del cambiamento grazie all’introduzione di tecnologie innovative ed esami ad alto valore clinico.

“Attualmente – dice il prof. Mario Pleblani (univ. Padova) - i test diagnostici guidano fino al 70-80% delle decisioni cliniche, quindi è importante che essi forniscano risultati rapidi e di alta qualità.

Per citare un esempio, l’esame della troponina cardiaca permette di individuare quel 30% dei pazienti con dolore cardiaco che, nonostante non presentino senza segni elettrocardiografici, hanno in atto un infarto ben definito il quale deve essere immediatamente identificato e trattato pena il rischio, anche grave, connesso all’ignorarlo”.

Il passaggio da test semplici, utilizzati principalmente per il monitoraggio delle malattie, a test sempre più sofisticati per l'identificazione del rischio e per la guida al trattamento comporta una rivoluzione nel modo di comprendere, organizzare e gestire la medicina di laboratorio.

Ne deriva l’uso sempre più sofisticato dell’informatica che rivoluziona lo scenario nel quale opera il professionista di laboratorio e cambia inevitabilmente anche il rapporto fra laboratorio stesso e clinica.

“Oggi abbiamo la possibilità di garantire la qualità di esami di laboratorio sempre più accurati e sofisticati grazie a strumentazioni fortemente innovative come la famiglia di sistemi Alinity di Abbott, progettati per semplificare la diagnostica e aiutare il personale sanitario a fornire risultati sempre più accurati e tempestivi, con riduzione di errori procedurali, al fine di garantire le cure più appropriate nel più breve tempo possibile. Questi analizzatori di ultima generazione assicurano prestazioni sanitarie significativamente migliori con un incremento del 15% delle performance organizzative del sistema laboratorio per velocità di refertazione ed accuratezza dei risultati rispetto ai sistemi attuali.

L’innovazione consentirà ai laboratori di aumentare efficienza ed efficacia, riducendo costi e, soprattutto, tempi di degenza e ricoveri inappropriati, semplificando i processi di accesso, ad esempio, in pronto soccorso e permettendo ai pazienti di ricevere da subito le cure più appropriate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400