Martedì 09 Agosto 2022 | 09:32

In Puglia e Basilicata

Una mela al giorno

Caffè: ecco perché dovreste prenderne almeno 3 al giorno

Il caffè non sarà patrimonio Unesco: bocciata la proposta «Ci riproveremo»

La caffeina viene assunta principalmente con il caffè preparato con la moka (circa 50 ml) o con l’espresso

18 Luglio 2022

Nicola Simonetti

Una mela al giorno

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Caffè: le tre C (“comodo, carico e caldo” o, secondo altra versione, “caspita come è caldo (coce: scottare quasi da non poter tenere la ceramica o la porcellana in mano: Chessa ‘a vera tazzulella ‘e cafè”) Per il napoletano verace non tre C ma 5: “prima la C di caffè che deve essere robusto, ben tostato, conservato e garantito e, poi, la compagnia (buona)” I benefici della bevanda più amata dagli italiani sono legati ad aspetti salutari e fisiologici ma anche al piacere della combinazione di tutti i sensi. “Gli amanti del caffè non sempre conoscono i benefici che un consumo corretto ed equilibrato può apportare al benessere dell’organismo. 400 mg di caffeina, cioè – assicura Patrick Hoffer, pres. Consorzio Promozione Caffè - l'equivalente di 5 tazzine di caffè al giorno è coerente con uno stile di vita sano ed equilibrato” .

Gli studiosi più accreditati raccomandano, però, di non superare i due-quattro espressi al giorno. Il caffè è la bevanda più studiata al mondo. Essi dimostrano che la caffeina contenuta è benefica su stato di vigilanza e concentrazione, performance fisiche (resistenza), creatività ( pensiero convergente e divergente), capacità di problem solving. Una tazzina dà una spinta al cervello, al cuore ed altri muscoli”. Recente la scoperta che esso agisca anche sul “secondo cervello” l’intestino: contro calcolosi, pancreatite ed aiuto a promuovere la motilità intestinale. Inoltre, secondo le nuove linee guide dell’American Cancer Society, 1-3 tazze di espresso al dì, possono ridurre il rischio di alcuni tumori epatici e dell’endometrio, di bocca, faringe, melanoma.

Ma, la caffeina crea dipendenza invisibile Nel 2015 l'Efsa (sicurezza alimentare in Europa), dopo valutazioni scientifiche nel mondo conclude: fino a 400 mg, di caffeina al giorno ( una tazzina di moka o di espresso ne contiene – 60- 80 mg; un americano oltre i 100) si può essene protetti e la tolleranza non è dose correlata, ma soggettiva.. "La caffeina, supera la barriera emato-encefalica che difende il cervello da sostanze dannose e raggiunge il resto del corpo in 4-6 ore, ma la durata del suo effetto varia da persona a persona". La caffeina è usata da alcuni come un rimedio contro la stanchezza e, per un ritmo di vita febrile, ne abusa con conseguenze negative. L’Autorità europea di controllo sicurezza alimentare, avverte; l’assunzione d caffdeina in gravidanza non superi 200 mg quotidiani. “Un moderato consumo giornaliero di caffè all’italiana può essere vantaggioso per la salute sì da meritare l’ inserimento nel quadro di una dieta salutare” (ricerca su 20.457 persone seguiite per oltre 8 anni, effettuata da I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli pubblicata sulla rivista scientifica internazionale The Journal of Nutrition (https://doi.org/10.1093/jn/nxaa365 per chi voglia verificare l’originale).

Si è osservato che consumo con moderazione e regolarità riduce rischio per la mortalità per qualsiasi causa e, specificamente, per le patologie cardiovascolari. La maggiore riduzione del rischio di morte, rispetto a chi non beve caffè o lo beve raramente, avviene per un consumo di 3-4 tazzine al giorno... chi consuma abitualmente caffè ha livelli inferiori di una molecola Propeptide Natriuretico di tipo B (livelli elevate sono correlati con un maggiore rischio di patologie cardiovascolari). “Questa è la prima ricerca in cui gli effetti benefici del caffè sono stati valutati su una popolazione mediterranea, (Molise), che prepara caffè secondo la tradizione italiana. Probabilmente è venuto il momento di inserire il caffè all’italiana, con piena dignità, nell’ambito della Dieta Mediterranea”. Lo “sciupone” può gustare il caffè più costoso al mondo (una tazzina: 80 euro), prodotto dalla thailandese Black Ivory Company Ltd.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Calendario dei post

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725