Giovedì 25 Aprile 2019 | 10:38

NEWS DALLA SEZIONE

INESISTENTI AL SUD
«Banche di tessuti»: riserva di vita per ossa, muscoli, cornee, cuore, vasi e altro

«Banche di tessuti»: riserva di vita per ossa, muscoli, cornee, cuore, vasi e altro

 
VERDURE E LEGUMI DIMOSTRATI ANTICANCRO
Alimentazione e tumore della vescica

Alimentazione e tumore della vescica

 
MIGLIORA L’ADERENZA DEI MALATI ALLA TERAPIA
Telemedicina, sì al progetto pilota Asl Bat

Telemedicina, sì al progetto pilota Asl Bat

 
MENO RICOVERI - DIMEZZATA LA MORTALITÀ
Cuore matto, la telemedicina può curarlo

Cuore matto, la telemedicina può curarlo

 
GIORNATA MONDIALE DELLO SPORT
Società italiana ortopedia: importante l'attività fisica

Società italiana ortopedia: importante l'attività fisica

 
La donna è molto spesso sola
Tumore ovarico, cosa vorrebbero le pazienti dall'ospedale

Tumore ovarico, cosa vorrebbero le pazienti dall'ospedale

 
DAGLI ESPERTI SETTE SUGGERIMENTI
Rivoluzione in diagnosi e terapia dei tumori

Rivoluzione in diagnosi e terapia dei tumori

 
ITALIA FANALINO DI CODA IN UE PER SPESA PRO-CAPITE
Sanità digitale, chiave d'efficacia - efficienza

Sanità digitale, chiave d'efficacia - efficienza

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
FoggiaOperazione della Polizia
Cerignola, preso corriere algerino con 4 etti di hashish

Cerignola, preso corriere algerino con 4 etti di hashish

 
LecceOmicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite FOTO

 
BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Che influenza ci porta la befana?

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Nella seconda metà di gennaio si concreterà l’orientamento dell’influenza. Potrà rivelarsi benigna e circolare meno oppure fare un’impennata. Non è prevedibile. E, per questo, chi non s’è vaccinato, specie se è compreso tra le categorie a rischio, lo faccia subito. Non c’è da rimandare. Neanche un giorno.

L’influenza, in calo rispetto agli altri anni (3 contagiati su 1.000 italiani; 11 su 1000 i bambini) ma punta specialmente sui bambini di età fino ai 4 anni (sarà il caso di vaccinarli, su consiglio del pediatra), colpiti tre volte di più di genitori e nonni (gli over 65 sono stati, in proporzione, i meno colpiti), anche grazie alla vaccinazione effettuata in numero più elevato rispetto all’anno scorso. Secondo l’ISS (Ist. Sup. di Sanità), finora si sono avuti in Italia circa 1milione e mezzo di casi e “la mortalità è stata, sia pure di poco, superiore alle attese”.

Su queste basi, si spera che l'influenza non sia molto diffusa e che si possa fermare, nell’anno, a 5 milioni di casi (l’anno scorso: 8 milioni, con un costo complessivo di 8 miliardi di euro). Dipenderà, soprattutto, da cosa accadrà nei prossimi 20-30 giorni. Hanno spadroneggiato, finora, i virus di tipo A (H3N2, H1N1), ma si sono utilizzati, inutilmente, gli antibiotici, che – va ripetuto – sono efficaci contro i batteri e non contro i virus (responsabili dell’influenza; raramente sono implicati i batteri; non servono per la prevenzione), sono stati usati altri farmaci autoprescritti in eccedenza (regola sia chiedere se, quali e dosi a medico, pediatra o farmacista). Molte le confezioni appena utilizzate e, poi, finite tra i rifiuti.

Chi non s’è vaccinato, specie se tra le fasce a rischio, potrebbe “beffare” la befana porta-virus vaccinandosi. Uno spiraglio di tempo ancora utile è questo, tenendo presente che la protezione scatta 7-10 giorni dopo la puntura. È proprio l’ultimo appello, salvo fantasia di virus in libera uscita. Va ribadito che le donne in gravidanza devono vaccinarsi per proteggere bimbo (che ne sarà protetto fino a 6 mesi di età) e se stesse. Come affrontare l’eventuale influenza? Inutile, quando ce la fossimo beccata, fare l’eroe e andare in giro: diverremmo facili monatti per gli altri e rischieremmo complicanze in proprio.

Letto e sciroppo di coperte per qualche giorno, bevande non alcoliche calde, alimentazione sobria, la frutta sia la prediletta. Con Ungaretti “… il caldo buono/Sto/con le quattro capriole/di fumo/del focolare. Per la prevenzione, non sfidare il freddo ed i cambi di temperatura; vestirsi a “cipolla” o, se preferite, “a carciofo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400