Sabato 29 Febbraio 2020 | 10:17

NEWS DALLA SEZIONE

musica
«Siamo solo amici»: il pugliese Il Mago torna con un brano sull'amicizia e l'amore

«Siamo solo amici»: il pugliese Il Mago torna con un brano sull'amicizia e l'amore

 
musica
«Ctrl+Alt+Canc», lo show tra elettronica e video-mapping arriva all'AncheCinema di Bari

«Ctrl+Alt+Canc», lo show tra elettronica e video-mapping arriva all'AncheCinema di Bari

 
Musica
Giusy Ferreri, tour annullato, compresa la tappa barese: ecco come chiedere rimborso

Giusy Ferreri, tour annullato, compresa la tappa barese: ecco come chiedere rimborso

 
L'intervista
«Bases»: il sassofonista Giovanni Chirico ritorna alle sue «radici» con un album ricco di influenze

«Bases»: il sassofonista Giovanni Chirico ritorna alle sue «radici» con un album ricco di influenze

 
l'evento
Bari, per carnevale al GarageSound arriva The NextOne, per una notte a tutto hip-hop

Bari, per carnevale al GarageSound arriva The NextOne, per una notte a tutto hip-hop

 
all'officina degli esordi
The Andre in concerto a Bari: dalle cover sul web al nuovo progetto musicale, più intimo

The Andre in concerto a Bari: dalle cover sul web al nuovo progetto musicale, più intimo

 
musica e libri
Due singoli insieme, con «lato A e lato B» e un nuovo romanzo: il momento felice del salentino Blumosso

Due singoli insieme, con «lato A e lato B» e un nuovo romanzo: il momento felice del salentino Blumosso

 
musica
«Labirinto», dopo Sanremo Giovani Raim si prepara al panorama internazionale

«Labirinto», dopo Sanremo Giovani Raim si prepara al panorama internazionale

 
l'intervista
Il Management in concerto a Conversano: «Anticonformisti da sempre, lasciamo parlare la musica»

Il Management in concerto a Conversano: «Anticonformisti da sempre, lasciamo parlare la musica»

 
instore tour
Elettra Lamborghini, dopo Sanremo la «Twerking Queen» incontra i fan a Bari e Andria

Elettra Lamborghini, dopo Sanremo la «Twerking Queen» incontra i fan a Bari e Andria

 
musica
Piero Pelù: dopo Sanremo il disco «Pugili Fragili», e a luglio il concerto a Molfetta

Piero Pelù: dopo Sanremo il disco «Pugili Fragili», e a luglio il concerto a Molfetta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
Baria toritto (Ba)
Quasano, cc trovano 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

Quasano, 2 senegalesi alla guida senza patente: uno aveva un ordine di carcerazione a Rimini

 
LecceL'allarme
Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 
Materarifiuti
Matera, il grande pasticcio della differenziata

Matera, il grande pasticcio della differenziata

 

i più letti

musica

Negrita, il tour 2020 passa da Lecce per il «compleanno» dell'album Reset

Appuntamento mercoledì 29 gennaio al Teatro Apollo

Atteso concerto dei Negrita domani all’Apollo di Lecce (inizio alle 21) per la tappa del nuovo tour «La Teatrale + Reset Celebration». La band, dopo due giri sui palchi di tutta Italia nel 2019, festeggia così i 20 anni dell’album «Reset», per l’occasione ristampato in vinile. La line up: Paolo «Pau» Bruni, Enrico «Drigo» Salvi, Cesare «Mac» Petricich. «L’ultimo show l’abbiamo fatto a fine agosto - racconta «Drigo», Enrico Salvi, storico chitarrista della band - e tutta questa attesa è stata una noia mortale. Il live è il momento più gratificante del nostro lavoro, siamo contentissimi di ritornare sul palco».

Cosa aspettarci da questo nuovo ciclo di concerti?
«La formula rimane più o meno la stessa: proponiamo uno show prevalentemente in chiave acustica, nei teatri, un’atmosfera molto particolare per una band come la nostra. In questo modo possiamo utilizzare sfumature che non sfruttiamo tutti i giorni, vari tipi di spessori, diversi dal concerto in elettrico. Poi festeggeremo i 20 anni di “Reset”, daremo gran risalto ad alcuni brani che hanno fatto la storia di questo disco».

Siete in giro da tanti anni: com’è cambiato il vostro pubblico?
«Probabilmente avendo fatto Sanremo nel 2019, una fetta di fan è arrivata anche da lì, ed è più recente. Siamo un po' schivi, lontani da dinamiche televisive e dal presenzialismo, ma l'esperienza del Festival abbiamo voluto farla, e oltre agli appassionati storici, ora ci seguono tanti giovani, anche grazie ai social».

Che rapporto avete con i social?
«Abbiamo cominciato a utilizzarli molto tardi, ma pian piano ci siamo accorti che non potevamo più rimanere fuori. Sono indispensabili per chi fa questo lavoro, pur conoscendone aspetti positivi e negativi».

L’impatto del teatro, rispetto a un palazzetto, come lo vivete?
«Siamo una band sempre in movimento, molti nostri dischi sono nati dopo viaggi importanti, anche all'estero. Oggi in Italia nel circuito dei concerti si suona nei palazzetti, che spesso sono costruiti in posizioni decentrate o periferiche delle città. Il teatro è il centro, il gioiello, anche storicamente e architettonicamente, nato e concepito per le performance artistiche, nasce insieme all'uomo. Ecco che allora diventa per noi quasi l'ultimo degli strumenti musicali a disposizione per lo show, per esprimere la nostra musica. Suonare in teatro è un'esperienza totalizzante, intensa, vedi il pubblico negli occhi, esplori nuove corde più intime e delicate. Una bella sintesi poetica ed espressiva».

Scelga un momento di questi lunghi anni di carriera che è rimasto intatto nella lunga storia dei Negrita...
«Quello che mi è sempre piaciuto è che siamo una band di amici, appassionati di musica, che hanno capito in fretta la loro natura un po’ nomade. Comprendere che viaggiare sarebbe stato focale nel nostro lavoro ha allargato gli orizzonti: ci è capitato di vivere il presente, il «qui ed ora», non tramite lo schermo di uno smartphone, ma in qualche posto pazzesco nel mondo. Abbiamo visto grandi metropoli e luoghi sperduti, e tutto questo come un gruppo di amici, che hanno conosciuto un'umanità curiosa e sorridente. Siamo stati ostinati, ma anche piuttosto fortunati».

Dove sarete fra vent’anni?
«Viviamo tempi un po’ particolari, oggi nessuno è abituato a pensare a lungo termine. La tecnologia ha in qualche modo facilitato la vita di tutti, ma ci sta anche schiavizzando e ipnotizzando, tanto siamo abituati a ottenere tutto con un clic. È difficile fare riferimento a corsi e ricorsi della storia e del passato: il tempo che viviamo è difficilmente prevedibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie