Martedì 02 Marzo 2021 | 05:18

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

«L'eco dei tuoi no», Reverendo insieme a Claver Gold per il remix prodotto da Gian Flores

 
Nuove uscite
«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

«Dove sei», il ritmo dancehall del brindisino Plata su una produzione che profuma di Salento

 
L'intervista
Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

Gaudiano da Foggia a Sanremo: «Le prove all'Ariston emozionanti, finalmente di nuovo su un palco»

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
fuori il 26 marzo
«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

«Parasite», gli Shakalab tornano in feat con i salentini Sud Sound System e Inoki

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
Musica
«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

«on fiVe», il disco tra prog e jazz di Leonardo De Lorenzo realizzato dal vivo, col pubblico in studio

 
In uscita
«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

«Notoriedad», il duo Bautista, con un pizzico di Puglia, canta gioie e dolori della fama

 
Ha radici molfettesi
«Niente da dire», viaggio nel mondo visionario di Lemuri sull'incomunicabilità della vita

«Niente da dire», viaggio nel mondo di Lemuri Il Visionario sull'incomunicabilità della vita

 
Musica
«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

«La Strega», il pugliese Mattia Pellicoro e il suo inno di ribellione contro le idee imposte dalla società

 
Musica
«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

«Mogi», da Lucera il nuovo album di Giuseppe Silvestri

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

musica

Negrita, il tour 2020 passa da Lecce per il «compleanno» dell'album Reset

Appuntamento mercoledì 29 gennaio al Teatro Apollo

Atteso concerto dei Negrita domani all’Apollo di Lecce (inizio alle 21) per la tappa del nuovo tour «La Teatrale + Reset Celebration». La band, dopo due giri sui palchi di tutta Italia nel 2019, festeggia così i 20 anni dell’album «Reset», per l’occasione ristampato in vinile. La line up: Paolo «Pau» Bruni, Enrico «Drigo» Salvi, Cesare «Mac» Petricich. «L’ultimo show l’abbiamo fatto a fine agosto - racconta «Drigo», Enrico Salvi, storico chitarrista della band - e tutta questa attesa è stata una noia mortale. Il live è il momento più gratificante del nostro lavoro, siamo contentissimi di ritornare sul palco».

Cosa aspettarci da questo nuovo ciclo di concerti?
«La formula rimane più o meno la stessa: proponiamo uno show prevalentemente in chiave acustica, nei teatri, un’atmosfera molto particolare per una band come la nostra. In questo modo possiamo utilizzare sfumature che non sfruttiamo tutti i giorni, vari tipi di spessori, diversi dal concerto in elettrico. Poi festeggeremo i 20 anni di “Reset”, daremo gran risalto ad alcuni brani che hanno fatto la storia di questo disco».

Siete in giro da tanti anni: com’è cambiato il vostro pubblico?
«Probabilmente avendo fatto Sanremo nel 2019, una fetta di fan è arrivata anche da lì, ed è più recente. Siamo un po' schivi, lontani da dinamiche televisive e dal presenzialismo, ma l'esperienza del Festival abbiamo voluto farla, e oltre agli appassionati storici, ora ci seguono tanti giovani, anche grazie ai social».

Che rapporto avete con i social?
«Abbiamo cominciato a utilizzarli molto tardi, ma pian piano ci siamo accorti che non potevamo più rimanere fuori. Sono indispensabili per chi fa questo lavoro, pur conoscendone aspetti positivi e negativi».

L’impatto del teatro, rispetto a un palazzetto, come lo vivete?
«Siamo una band sempre in movimento, molti nostri dischi sono nati dopo viaggi importanti, anche all'estero. Oggi in Italia nel circuito dei concerti si suona nei palazzetti, che spesso sono costruiti in posizioni decentrate o periferiche delle città. Il teatro è il centro, il gioiello, anche storicamente e architettonicamente, nato e concepito per le performance artistiche, nasce insieme all'uomo. Ecco che allora diventa per noi quasi l'ultimo degli strumenti musicali a disposizione per lo show, per esprimere la nostra musica. Suonare in teatro è un'esperienza totalizzante, intensa, vedi il pubblico negli occhi, esplori nuove corde più intime e delicate. Una bella sintesi poetica ed espressiva».

Scelga un momento di questi lunghi anni di carriera che è rimasto intatto nella lunga storia dei Negrita...
«Quello che mi è sempre piaciuto è che siamo una band di amici, appassionati di musica, che hanno capito in fretta la loro natura un po’ nomade. Comprendere che viaggiare sarebbe stato focale nel nostro lavoro ha allargato gli orizzonti: ci è capitato di vivere il presente, il «qui ed ora», non tramite lo schermo di uno smartphone, ma in qualche posto pazzesco nel mondo. Abbiamo visto grandi metropoli e luoghi sperduti, e tutto questo come un gruppo di amici, che hanno conosciuto un'umanità curiosa e sorridente. Siamo stati ostinati, ma anche piuttosto fortunati».

Dove sarete fra vent’anni?
«Viviamo tempi un po’ particolari, oggi nessuno è abituato a pensare a lungo termine. La tecnologia ha in qualche modo facilitato la vita di tutti, ma ci sta anche schiavizzando e ipnotizzando, tanto siamo abituati a ottenere tutto con un clic. È difficile fare riferimento a corsi e ricorsi della storia e del passato: il tempo che viviamo è difficilmente prevedibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie