Giovedì 02 Luglio 2020 | 07:35

NEWS DALLA SEZIONE

LA FASE 3
Alberobello, tra i trullo svettano le star della pallavolo

Alberobello, tra i trulli svettano le star della pallavolo

 
L'incidente
Alex Zanardi, la sua handbike contro un camion: lotta tra la vita e la morte

Alex Zanardi, la sua handbike contro un camion: lotta tra la vita e la morte

 
SERIE C
Bari calcio, primo allenamento in gruppo all'antistadio

Bari calcio, primo allenamento in gruppo all'antistadio

 
Calcio
Bitonto esulta. Rossiello «Vittoria straordinaria»

Il Bitonto conquista la C i tifosi e la città in festa, Rossiello «Vittoria straordinaria»

 
SERIE C
Bari calcio, riprendono gli allenamenti individuali al San Nicola

Bari calcio, riprendono gli allenamenti individuali al San Nicola

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Frattali: «Nei playoff decisive energie mentali»

Bari calcio, Frattali: «Nei playoff decisive energie mentali»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoSocial news
Manduria, Emiliano e Zaia insieme per un brindisi alla festa di Bruno Vespa

Manduria, Emiliano e Zaia insieme per un brindisi alla festa di Bruno Vespa

 
MateraL'annuncio
In Basilicata i saldi inizieranno da sabato 1° agosto

In Basilicata i saldi inizieranno da sabato 1° agosto

 
FoggiaRilasciato in mare
Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

 
PotenzaL'incontro
Petrolio lucano, Bardi: «Da Total 25 mln a progetto per droni industriali»

Petrolio lucano, Bardi: «Da Total 25 mln a progetto per droni industriali»

 
BariIl caso
Altamura, anziano scompare nel nulla: ritrovato morto dopo 24 ore

Altamura, anziano scompare nel nulla: ritrovato morto dopo 24 ore

 
HomeIn aula
Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Ben 146 errori come nel giorno del disastro»

Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Disastro sfiorato altre 146 volte»

 
GdM.TVLo spot
FASANO

La bellezza di Fasano in 90 secondi: il turismo a diversa velocità

 
Leccel'indagine
Lecce, screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

Coronavirus, a Lecce screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

 

i più letti

Serie A

A Lecce tutto pronto per la ripresa, ma ancora tanti i nodi da sciogliere

Il ds Meluso: «L’applicazione dei piani B e C va stabilita subito»

Lecce calcio, Cesare Bovo indossa ufficialmente la maglia giallorossa

 «Siamo pronti a ripartire il 20 giugno, ma servono chiarezza e certezze su alcune questioni-chiave». Non si fa attendere la posizione di Mauro Meluso, direttore sportivo del Lecce, dopo l’incontro tra il ministro dello sport Vincenzo Spadafora e le varie componenti del mondo del calcio, che ha previsto la ripresa del campionato di massima serie.

«Se è stato dato il benestare al ritorno in campo significa che la situazione sanitaria lo permette, che chi di competenza ha valutato che si possa ripartire in sicurezza, il che ci fa piacere perché evidentemente l’emergenza è in via di superamento - sostiene Meluso - Stanti così le cose è giusto giocare ed il Lecce non ha alcuna difficoltà a farlo, nel rispetto di quella che è sempre stata la propria linea, sin dai tempi della quarantena».

Il sodalizio giallorosso, però, chiede patti chiari prima del via. «Esistono dei nodi da sempre sul tappeto, che dovranno essere necessariamente sciolti prima di riprendere il campionato - sottolinea Meluso -. Il primo è quello legato ai contratti dei singoli calciatori con il proprio club di appartenenza in scadenza il 30 giugno e di quelli tra società e società per quanto concerne i prestiti, che pure avrebbero termine nella medesima data. Ebbene, serve una norma, valida per tutti, che li proroghi sino alla conclusione del torneo e che regoli anche i rapporti economici. È evidente che la soluzione dev’essere uguale per ciascuno dei venti club e che non possa essere lasciata a contrattazioni individuali, in quanto tutti devono essere messi nelle medesime condizioni».

Per il direttore sportivo del Lecce esiste un altro argomento cruciale ed è quello dell’eventuale applicazione del piano B e del piano C: «Dovranno essere chiariti prima di tornare in campo i vari scenari ed in quali situazioni verrebbero adottati. Si tratta di una questione fondamentale perché riguarda i verdetti dell’annata agonistica. Le scelte vanno operate a monte e devono scaturire da un confronto all’interno della Lega di A e poi tra la Lega stessa e la Federazione».

Poi si potrà giocare. «Una volta che saranno state sistemate queste questioni - rimarca Meluso - la parola passerà al campo, con la speranza che la stagione arrivi a conclusione perché altrimenti si rischierebbe di trovarsi in una situazione molto grave».
Sul fronte della squadra, Marco Mancosu e compagni hanno svolto il loro secondo allenamento di gruppo nella mattinata di ieri.

«Non sono stato presente, in quanto ho lavorato a ritmi serrati con i componenti del gruppo che si occupa dello scouting - dice Meluso - ma sono in continuo contatto con mister Liverani e con il team manager Vino, che mi hanno riferito che c’è la massima serenità, pur nella complessità del momento ed anche se i calciatori sono un po’ frastornati dalla lunga attesa e dal frastuono mediatico che c’è intorno a tutto ciò che riguarda la ripartenza del massimo torneo nazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie