Mercoledì 22 Maggio 2019 | 18:39

NEWS DALLA SEZIONE

TRIATHLON
Proposte di matrimonio e atleti specialiPolignano promuove il CalaPonte Triweek

Proposte di matrimonio e atleti speciali
Polignano promuove il CalaPonte Triweek

 
Ciclismo
Giro d'Italia a S. Giovanni Rotondo: Masnada vince la sesta tappa

Giro d'Italia a S. Giovanni Rotondo: Masnada vince la sesta tappa

 
Sport
Basket, Bari ospiterà a settembre la Supercoppa di Lega

Basket, Bari ospiterà a settembre la Supercoppa di Lega

 
Sport
Polignano, ecco Cala Ponte Triweek: la gara di triathlon più cool del momento

Polignano, ecco Cala Ponte Triweek: la gara di triathlon più cool del momento

 
L'intervista
Giliberto: «La Puglia va a tutto sport molte luci e poche ombre»

Giliberto: «La Puglia va a tutto sport molte luci e poche ombre»

 
BASKET
Jr Nba League a Bari vinconoi Minnesota Timberwolves

Jr Nba League a Bari vincono
i Minnesota Timberwolves

 
ORIENTEERING
Bari, tra i vicoli della città vecchiai ragazzi delle scuole a caccia di lanterne

Bari, tra i vicoli della città vecchia
i ragazzi delle scuole a caccia di lanterne

 
Calcio
Atti violenti in Lega Dilettanti ed Eccellenza lucana: 12 Daspo

Atti violenti in Lega Dilettanti ed Eccellenza lucana: 12 Daspo

 
Basket
Brindisi, la favola dell'Happy Casa continua: i playoff una certezza

Brindisi, la favola dell'Happy Casa continua: i playoff una certezza

 
Calcio
Il Picerno festeggia per la seconda volta: promosso di nuovo in C

Il Picerno festeggia per la seconda volta: promosso di nuovo in C

 
L'intervista doppia
La coppia del tennis Fognini-Pennetta si racconta: «lui è timido, lei lo capisce»

La coppia Fognini-Pennetta si racconta: «lui timido, lei lo capisce»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
BariLa guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

Calcio

La resurrezione di Ventura: io speriamo che me la «Chievo»

Il ct della mancata qualificazione al Mondiale del 2018 ricomincia dal Chievo. Una resurrezione dopo un lungo, lunghissimo letargo

Ventura

Giampiero Ventura torna in pista. Il ct della mancata qualificazione al Mondiale del 2018 ricomincia dal Chievo. Una resurrezione dopo un lungo, lunghissimo letargo. Dove eravamo rimasti? Le ultime tracce del tecnico che ama far «frullare la palla», del «se vogliamo, possiamo» o del «ricordiamoci da dove veniamo», si perdono nella notte dei tempi calcistici. Era il 13 novembre del 2017, più o meno un anno fa. Da quel giorno, da quella sera infausta per il calcio di casa nostra, Ventura ha iniziato a vivere un personalissimo calvario. Lo 0-0 contro la Svezia a San Siro nel playoff di ritorno, sanciva l’uscita di scena dell’Italia dal campionato del Mondo in Russia. La caccia al colpevole aveva già individuato nel «cittì» ligure l’unico vero responsabile della catastrofe azzurra. Lapidato a parole, massacrato sui giornali.

Da «Mister libidine» a «Mister fallimento» il passo è stato breve e tutto sommato facile da coprire. Perché, in fondo, un cittì è anche il parafulmine di tutte le disgrazie pallonare del calcio nazionale, poco importa la qualità dei giocatori, la mediocrità, senza offesa, di una squadra di secondo livello. Ma sempre superiore alla Svezia. Per mesi lo sport preferito in Italia non è stato il calcio, ma il «tiro a Ventura». Crocifisso forse ingiustamente, lui che però si rese più antipatico della sconfitta stessa per non aver rassegnato le dimissioni dopo la disfatta milanese. Già, ma chi in Italia si dimette? La discussione è aperta.

Riecco «Giampi», dunque. Per lunghi mesi in silenzio, prima di raccontarele sue verità di un uomo solo e accerchiato, stritolato dai giochi di potere che alla lunga hanno finito con il minare anche la Nazionale e con il far commissariare poi la Federcalcio e. Di errori il buon «Giampi» ne avrà pure commessi, ma resta il fatto di aver ricevuto un trattamento troppo pesante.
Una scelta coraggiosa, quella veronese dell’allenatore che a Bari ha lasciato più buoni che cattivi ricordi e dalla quale trasuda tutta la voglia del tecnico ligure di rimettersi in gioco dopo lo shock dello scorso autunno. Perché Chievo è una scelta coraggiosa. Il dover raggiunger la salvezza, il dover riportare in territorio positivo una squadra penalizzata e già data per spacciata, non farà altro che caricare a mille il «George Clooney» del pallone. Anche perché Ventura è un «Allenatore» di calcio più che un commissario tecnico; un uomo di campo, più che un selezionatore; un maestro nel vero senso di parole, uno che insegna tecnica e tattica allo stato puro.

In un calcio italiano sempre più internazionalizzato e sempre meno nazionalizzato, con tanti giovani italiani che faticano a trovare spazi perché se compri oltrefrontiera sei di moda altrimenti non lo sei, il ritorno di Ventura può essere un dettaglio importante. Lui che ama il mare e le piazze calde, dovrà rifare i conti con la nebbia e con la placida tifoseria clivense. La sua arte pallonara saprà risvegliare squadra e ambiente? La sfida è intrigante, servirà a lenire la «Grande Delusione». Io speriamo che me la cavo, giusto per citare il fortunato libro di Marcello D’Orta. Anzi, no. Io speriamo che me la Chievo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400