Martedì 19 Marzo 2019 | 00:59

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Sanità

Malati cronici, nel Potentino
rete per «dimissioni protette»

Un’assistenza domiciliare "strutturata ed efficiente» per i malati cronici, accompagnata da un servizio di telemedicina per la visione di cartelle e referti

corsia d'ospedale

Una corsia d'ospedale

POTENZA - Un’assistenza domiciliare "strutturata ed efficiente» per i malati cronici, accompagnata da un servizio di telemedicina per la visione di cartelle e referti e una maggiore disponibilità di posti per «acuti» nelle strutture sanitarie del Potentino: sono gli obiettivi della "Rete integrata dei servizi per la gestione delle dimissioni protette», presentata stamani a Potenza, nel corso di una conferenza stampa.
All’incontro per la firma del protocollo hanno partecipato il presidente della Regione e l’assessore regionale alla Salute, Marcello Pittella e Flavia Franconi, e i direttori generali dell’Asp, Gianni Bochicchio, e dell’azienda ospedaliera regionale San Carlo, Rocco Maglietta. L’accordo tra la Regione, l'Asp e il San Carlo prevede un percorso comune per la gestione delle «dimissioni protette» dei pazienti: quelli con malattie croniche sono in costante aumento rispetto agli «acuti» e, per questo motivo, è necessario un percorso differenziato per conciliare l’aspetto organizzativo dell’assistenza ospedaliera e di quella domiciliare.
L’obiettivo è di fornire ai malati cronici un’adeguata assistenza domiciliare, per evitare lunghi periodi di ospedalizzazione e, allo stesso tempo, riportare il paziente in un ambiente più adatto alla gestione della malattia, attraverso la dotazione di strumenti domiciliari e della telemedicina. Sono anche previste iniziative per «velocizzare» la prenotazione di visite ed esami attraverso «app» sugli smartphone e un portale specifico, in grado anche di acquisire referti e verificare la disponibilità di posti letto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400