Domenica 20 Gennaio 2019 | 05:25

LETTERE ALLA GAZZETTA

Posizioni conciliabili tra cubani e americani

Il viaggio di Obama a Cuba, appare come un giro di boa che renderà irreversibile un riavvicinamento iniziato 15 mesi fa. Da allora Usa e Cuba non sono più prigionieri della storia. La frase più bella e azzeccata l’ha detta, mentre le bandiere americane salivano sui pennoni dell’ambasciata appena riaperta a Cuba, John Kerry, il segretario di Stato inviato da Obama sull’isola per solennizzare il momento. E in effetti, il mezzo secolo abbondante di ostilità sembrava ormai solo un residuato della Guerra fredda. Liberi dalla storia, ora, però, Usa e Cuba non devono rischiare di restare impantanati nella cronaca: la Casa Bianca ora chiede più libertà e diritti civili sull’isola; il Governo cubano vuole la fine del blocco economico. Le richieste delle parti sono conciliabili, perciò non mancherà la positività.


Manuela Giannuzzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400