Lunedì 30 Novembre 2020 | 15:53

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

Biancorossi

Bari vittima di se stesso: una giornata 'no' o c'è altro?

foto Domenico Bari

Bari vittima di se stesso: una giornata 'no' o c'è altro?

Auteri, parole come schiaffi. Davvero squadra con poca cattiveria?

La domanda sorge spontanea: ma davvero c'è qualche calciatore del Bari che non ha capito come si gioca in serie C? Le parole pronunciate nell’immediate dopo partita allo «Zaccheria» squarciano il cielo biancorosso. Perché non rappresentano soltanto lo stato d’animo di chi ha appena finito di guardare uno spettacolo mediocre ma sembrano essere la spia di un malessere un po’ più profondo. L’atteggiamento e la mentalità non sono mai un dettaglio, che si giochi per vincere il campionato o per raggiungere l’obiettivo salvezza.
Esagerato parlare di malessere? Possibile. Diciamo, però, che quelle parole aprono scenari nuovi. Comincia il dibattito, insomma. E sì, perché dire «qualcuno non ha ancora capito dove siamo» proprio nell’anno in cui si è deciso di puntare su un allenatore profondo conoscitore della categoria è un cazzotto nello stomaco che non poteva passare inosservato. Ancor più forte se si aggiunge che molte scelte di mercato sono state fatte in piena condivisione con Auteri, deciso a puntare (con l’avallo del club) su gente funzionale al proprio modo di interpretare il calcio. Ecco l’anomalia, ecco la profondità di uno sfogo che potrebbe avviare una fase diversa.
Fin qui Auteri, supportato dalle severe esternazioni di capitan Di Cesare pronto a rimarcare l’inadeguatezza della prestazione, con particolare riferimento all’atteggiamento e all’incapacità di sporcarsi le mani nella corrida foggiana. Lui valuta, lui esterna, lui traccia la rotta. Però, c’è sempre un però nella vita, lui è anche, soprattutto l’allenatore. E allora occhio a non capovolgere i ruoli. Sono i tifosi che vorrebbero spiegazioni. Loro a volerci capire qualcosa di più dopo una prova di una pochezza inquietante. E, quindi, Auteri non può recitare il ruolo del politico che arringa le folle scaricando la colpa sugli oppositori. Lui è l’uomo chiamato a dare risposte forti e immediate. Sono gli altri che hanno il diritto di chiedere. E di indignarsi. Non il contrario.

Fino a ieri si era raccontato che questo era in tutto e per tutto il Bari di Auteri. E che nella costruzione del gruppo c’era, profonda, la firma dell’allenatore. È parso troppo comodo, in tutta inestà, uscirsene con la storiella di calciatori poco adatti ai climi della C. Se questo fosse vero sarebbe gravissimo. Oltre che un problema dalle dimensioni enormi. Questo è un anno in cui non si può fallire. E in cui vincere non è importante, ma l’unica cosa che conta. Forse, meglio pensare a una giornata di scarsa vena. O a un pizzico di presunzione figlia di un avvio di campionato ricco di cose positive, pur con una quadratura ancora incompleta sul piano tattico e della condizione atletica di alcuni singoli. D’altronde altre volte in questa stagione il Bari si era trovato a fare i conti con la durezza del campionato. A Francavilla e Monopoli, tanto per fare un paio di esempi. Ma in quelle giornate, pur tra alti e bassi, nessuno si era sognato di mettere in discussione l’adattabilità del gruppo a certi climi.
Possibile che sia solo una questione di campo e che, dunque, sia proprio Auteri a doversene fare carico. Lui è il comandante, lui il garante del progetto. I tifosi del Bari non hanno gradito la prestazione, pessima, e sono rimasti sconcertati dal paventato spauracchio di una squadra con poca cazzimma. Il campionato è lungo, per fortuna. C’è tempo per crescere. Possibilmente anche per dimenticare quella che resta un’autentica figuraccia. Il resto è fuffa. E non interessa nemmeno un po’. Testa bassa e pedalare. Qui siamo a Bari e che non lo dimentichi nessuno. Mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Bari-Catanzaro 1-0, vittoria importante dei biancorossi: decide il match Antenucci

Bari-Catanzaro 1-0, vittoria importante dei biancorossi...

 
Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, m...

 
Bari calcio, Auteri: «Con Catanzaro per imporre nostro gioco»

Bari calcio, Auteri: «Con Catanzaro per imporre nostro ...

 
Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbonda...

 
Morte Maradona, Maiellaro: «Sono triste, ho perso il mio idolo»

Morte Maradona, Maiellaro: «Sono triste, ho perso il mi...

 
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza ...

 
Calcio Bari, mister Vivarini recede da contratto e va all'Entella

Calcio Bari, mister Vivarini recede da contratto e va a...

 
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il k...