Sabato 06 Giugno 2020 | 23:48

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

L'ex biancorosso

Fossati sta al fianco del Bari. «Giocare? Momento di speranza»

Fossati sta al fianco del Bari. «Giocare? Momento di speranza»

«I verdetti a tavolino sono la cosa peggiore. Almeno gli spareggi...»

Per certi versi, si trova nella stessa barca del Bari. Nella medesima categoria, con le identiche incertezze sul futuro. Con quella voglia di vincere che rischia di non trovare sfogo sul campo. Marco Fossati è stato tra i protagonisti biancorossi nella meravigliosa stagione fallimentare 2013-14: 23 presenze che probabilmente non mostrarono appieno le sue potenzialità e le qualità che oggi lo rendono uno dei migliori registi della serie C. Il 27enne monzese milita nel club della sua città e sta dominando il girone A di Lega Pro. Fossati, quindi, analizza la situazione della categoria, il momento drammatico del calcio stoppato dal coronavirus e dedica un’attenzione particolare al Bari.

Che cosa pensa del delicato frangente che attraversa l’Italia e di conseguenza il calcio?
«È una situazione surreale. Il calcio vive di riflesso il contesto ed è in forte sofferenza. Ma non dobbiamo sottovalutare quanto sta accadendo. Combattiamo una malattia che in troppi casi ha provocato la morte. Dobbiamo preoccuparci di proteggere i nostri cari. Lontano dal pallone non sono felice. Ma cerco di ottimizzare le giornate al fianco della mia famiglia, provando a tenermi in forma e rigenerandomi sul piano mentale per farmi trovare pronto quando potremo ricominciare».

Qual è la sua idea sull’eventuale ripresa del calcio e della serie C in particolare?
«L’obiettivo generale è tornare a giocare. Il calcio è lo sport più amato dagli italiani e potrebbe rappresentare un momento di speranza. Ma è difficile sbilanciarsi sui tempi di una ripresa: le notizie che riceviamo sono contrastanti. È giusto programmare e studiare le misure di massima sicurezza per provare a ricominciare. La salute prima di tutto: in tal senso, è scontato che la serie C sia in maggiore difficoltà perché tanti club potrebbero non essere in grado di assicurare gli opportuni controlli sanitari. Magari partiremo dopo le categorie superiori, ma non rassegniamoci allo stop del torneo».

Il Monza è primo con distacco nel girone A, il Bari è secondo nel gruppo B: si parla di verdetti a tavolino per le prime e addirittura sorteggi per disputare i play off. Le ritiene soluzioni praticabili?
«Non mi piacciono le decisioni a tavolino. Il gusto della vittoria sul campo è ineguagliabile. Con il Monza in effetti siamo molto vicini al traguardo della promozione, ma avremmo voluto completare l’opera e festeggiare giocando. Non so se sarà possibile. L’idea del sorteggio non mi convince per niente. Spero quantomeno che si possano disputare degli spareggi o delle gare che decidano i verdetti in base al merito. Il Bari è molto forte: avrebbe tutte le possibilità di dimostrare il suo valore e concorrere per la B. La C è uno scenario che non rende giustizia ad un club così glorioso».

Qual è il suo ricordo della sua esperienza in biancorosso?
«Porto quell’anno sempre nel cuore, è un ricordo indelebile, come è inevitabile in una stagione così speciale, nella quale trovammo una forza incredibile proprio in seguito al fallimento. Il calore dei tifosi, le accoglienze trionfali dopo ogni vittoria: come dimenticare? L’unico rimpianto resta quel doppio pareggio beffardo con il Latina che ha spezzato la corsa verso la serie A. L’avremmo meritata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Bari calcio, il club si prepara per il ritorno agli allenamenti collettivi

Bari calcio, il club si prepara per il ritorno agli all...

 
Frattali, Di Cesare e Scavone. Nel Bari c’è chi ha già vinto la C

Frattali, Di Cesare e Scavone. Nel Bari c’è chi ha già ...

 
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al c...

 
Lo sprint finale ora non piace più. Il Bari di nuovo sul piede di guerra

Lo sprint finale ora non piace più. Il Bari di nuovo su...

 
Bari, trent'anni e con più di un petalo sfiorito. Ora il San Nicola prepara la seconda vita

Trent'anni e più di un petalo sfiorito: buon compleanno...

 
Vincenzo Vivarini

Tamponi, test e sanificazione: il Bari pigia il tasto d...

 
Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e dirigente sportivo

Bari calcio, addio a Gigi Frisini ex biancorosso e diri...

 
Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per i play off»

Bari, il difensore Corsinelli: «Carichi e affamati per ...