Domenica 20 Ottobre 2019 | 02:41

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

L'AMICHEVOLE

Tanti sperimenti, poche emozioniIl Bari pareggia con la Fiorentina

Antenucci in azione contro la Fiorentina

Tanti esperimenti, poche emozioni
Il Bari pareggia con la Fiorentina

Finisce senza reti la prima uscita stagionale della squadra di Cornacchini

Gambe imballate, tanti esperimenti, poche emozioni. Il primo Bari del precampionato è del tutto sperimentale. Sotto gli occhi del presidente Luigi De Laurentiis, i biancorossi pareggiano 0-0 contro una Fiorentina composta interamente da giovani (i big sono in tournée in America). Cornacchini, privo di Floriano (osserverà qualche giorno di riposo per una contusione), nonché degli acciaccati Costa, Folorunsho e Neglia, deve far ricorso ai baby del Napoli in prova per comporre il suo 4-4-2. Davanti a Frattali, Mezzoni è adattato terzino destro, con il giovane Cascione (arrivato dopo il default del Foggia) sulla corsa opposta, mentre Di Cesare è affiancato da Esposito. Kupisz e Terrani presidiano le fasce, Scavone e Feola sono i centrocampisti, mentre Antenucci e Simeri compongono il tandem di punta.

I carichi di lavoro si fanno sentire, i ritmi sono decisamente blandi: i ragazzi della Fiorentina sono più intraprendenti rispetto ai galletti piuttosto scolastici nell’interpretazione dell’assetto tattico. Centrocampo e attacco sembrano ancora distanti l’uno dall’altro: Antenucci riceve pochi riferimenti e va alla conclusione (fuori bersaglio) solo in seguito ad un disimpegno sbagliato della difesa toscana. E allora, le note migliori vengono dalla sicurezza di capitan Di Cesare (suo l’unico tiro nello specchio, bloccato da Ghidotti), dall’intraprendenza del 19enne Cascione e soprattutto dalla corsa di Kupisz: da un suo dribbling secco con cross al centro nasce l’azione più pericolosa pugliese, con la retroguardia della Fiorentina che si salva in affanno, grazie all’aiuto del palo sul disimpegno errato di Baroni.

Cornacchini cambia molto nella ripresa disegnando un 4-3-3 che, pur con altri adattamenti (Feola scala addirittura difensore centrale), appare più efficace ed organico: Hamlili alza l’intensità a centrocampo, la manovra scorre più fluida, sebbene negli ultimi metri manchi il guizzo per creare vere chance da gol. L’occasione migliore arriva da una punizione di Simeri (come sempre generosissimo) sventata in corner da Ghidotti. «La nota migliore è che non sia fatto male nessuno: siamo pochi sul piano numerico ed il test era impegnativo», commenta Cornacchini a fine gara. «Abbiamo iniziato adesso: in alcuni reparti, come ad esempio la difesa, siamo decisamente incompleti. In questo contesto, possiamo lavorare solo su alcuni automatismi, attendendo rinforzi.

La base, però, è buona: i nuovi arrivati sono bravi e i ragazzi della vecchia guardia sono partiti con il piede giusto». E dall’allenatore altre rassicurazioni: «Siamo attrezzati per far bene anche in un girone tosto come il gruppo C. Quando saremo al completo, saremo attrezzati per un campionato importante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per t...

 
Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

 
Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre reti per lui

Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre ret...

 
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivar...

 
Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

 
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamli...

 
Bari calcio, Vivarini: «Con Ternana testeremo nostra crescita»

Bari calcio, Vivarini: «Con Ternana testeremo nostra cr...

 
Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato...