Domenica 24 Febbraio 2019 | 07:01

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 
Non ci sono alibi per nessunoE' suonato il campanello d'allarme

Non ci sono alibi per nessuno
E' suonato il campanello d'allarme

Chiedersi cosa stia accadendo al Bari è quanto meno lecito, alla luce del super organico messo su in avvio di stagione. Perdere così non ci sta. Non per una squadra che a ragion veduta è considerata la «Juve della D», soprattutto per valori tecnici riconosciuti da tutti gli addetti ai lavori. Non ci sono alibi. Né il campo stretto (in D è più o meno così dappertutto), né il sintetico (non fa più notizia). Il Bari è semplicemente mancato, come due domeniche addietro sul campo della Cittanovese, si è smaterializzato davanti ad un buon avversario, non certo irresistibile. Un avversario che si è catapultato su tutte le «seconde palle» con la forza di un branco di leoni, come se ogni azione fosse l’ultima della partita. Un avversario che ha saputo sposare alla perfezione quello che è il menù principale della serie D. Le parole di Cornacchini a fine gara rimbalzano eloquenti. Frecciatine neanche tanto mascherate nei confronti della sua squadra, colpevole di non aver gettato sul campo il carattere necessario. Frasi taglienti, concetti che di solito si manifestano nel chiuso degli spogliatoi. A voler pensare positivo, lo sfogo del tecnico può essere interpretato come il voler dare una «scossa» pubblica ai suoi uomini, metterli di fronte alle responsabilità che derivano dall’indossare una maglia importante come quella bianco e rossa. È anche vero, però, che pure in questo momento, la squadra rispecchia l’immagine del proprio tecnico. Probabilmente meritano una scossa sia l’uno che l’altra. Cittanova è stata archiviata come un incidente di percorso. Torre del Greco va cancellata immediatamente. Il Bari e il suo tecnico devono ritrovare quel sacro furore e quella volontà di ferro che in queste categorie non può mancare mai. Vero, faticano anche altre grandi come Modena e Avellino. Ma da queste parti non importa a nessuno. Ciò che conta, qui, è vincere, sorridere e tornare subito fra i professionisti. Altro non è contemplato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Brienza, lombosciatalgia smaltitail fantasista con l'Acireale in panchina

Brienza, lombosciatalgia smaltita il fantasista con l'A...

 
Bari, la grande passione biancorossauna media di 10mila tifosi a partita

Bari, la grande passione biancorossa una media di 10mil...

 
Parlare di calco con le donneè un piacere per i sensi

Parlare di calcio con le donne
è un piacere per i sensi

 
Hamili, Bolzoni, Feola e Langellail Bari è il centrocampo della serie C

Hamlili, Bolzoni, Feola e Langella il Bari e il centroc...

 
Hamilili, a caccia del gol perduto"Preferisco giocare da mezz'ala"

Hamlili, a caccia del gol perduto "Preferisco giocare d...

 
Brienza non ha ancora recuperatoBiancorossi senza il fantasista?

Brienza non ha ancora recuperato Biancorossi senza il f...

 
Bari, il rammarico di Papadopulo"Non sono riuscito ad allenare qui"

Bari, il rammarico di Papadopulo "Non sono riuscito ad ...

 
Torna a casa il tifoso caduto a LocriPer lui frattura vertebra cervicale

Torna a casa il tifoso caduto a Locri Per lui frattura ...